Google+

Il segreto di Stato sulle stragi era nulla rispetto alle mille verità oscurate dai chierici del sapere (vedi l’omicidio Ramelli)

maggio 4, 2014 Luigi Amicone

Pasolini parlava di un “nuovo fascismo” promosso da intellettuali progressisti. Quelli che poi con Veltroni hanno scoperto di non essere mai stati comunisti. E con Dario Fo mai stati repubblichini. E con Furio Colombo mai stati manager Fiat

Sergio Ramelli, Milano, 8 luglio 1956 – Milano, 29 aprile 1975. Aveva 18 anni quando fu ucciso. Frequentava la classe quinta I. Accanto alla quinta G del direttore di questo giornale. Era il solo “fascista” iscritto all’Istituto tecnico Molinari.

Non svolgeva alcuna attività politica a scuola. E come poteva, se perfino in classe gli era impedito di esprimere opinioni? Per quasi cinque anni, nell’indifferenza di tutti i professori e di tutti gli intellettuali che come Dario Fo si avvicendavano in assemblee dense di fumo e spranghe per galvanizzare le “lotte” degli studenti, succedeva così: gli “antifascisti” andavano a prelevare Ramelli durante le ore di lezione, lo sputacchiavano, lo malmenavano, lo facevano sfilare in testa ai cortei con appeso al collo il cartello “sono un fascista di merda”. E ogni tanto lo prendevano a bastonate, lo buttavano giù dalle scale, lo cacciavano dalla scuola (fortunati i ciellini che subivano solo manifesti strappati e qualche interruzione delle loro riunioni al grido: “Più croci e più leoni per i servi dei padroni!”).

Infine, anche il coriaceo Ramelli si arrese. E così, una mattina dell’anno in cui avrebbe dovuto sostenere l’esame di maturità, accompagnato dal padre e blindato negli uffici del preside assediato dal solito corteo antifascista, firmò le carte e si ritirò da scuola. Poi, sotto casa, gli aprirono la testa a colpi di chiave inglese. Morì dopo quaranta giorni di agonia. Al suo funerale non si vide l’ombra di un professore.

Sono passati quasi quarant’anni. Martedì 29 aprile, come puntualmente accade ogni anno, fascisti e antifascisti (e anche illustri esponenti Pd) si sono di nuovo esibiti sulla sua tomba con chiacchiere inutili e cortei contrapposti. Sembra che non sia cambiato nulla. Violenza fisica a parte, la testa sembra quella di una volta. Così come la scuola da cui escono “le teste” sembra la stessa caserma di un sistema rimasto immobile per esclusivi interessi di consenso (un milione di addetti, un milione di voti). Così come i grandi giornali restano i megafoni delle caserme.

Tutto ciò spiegherebbe perché sia stata accolta tra lo scettico e lo sberleffo anche una decisione come quella presa da Renzi di togliere il segreto di Stato a vicende e stragi su cui la fantasia complottista e le ricostruzioni ideologiche sono andate a nozze durante tutti questi anni che ci separano dalla morte di Ramelli.

Non è Pasolini che, nell’anno della morte di Ramelli, alla vigilia del sua stessa morte, ci parlò di “nuovo fascismo”? «Tale potere si accinge di fatto ad assumere gli intellettuali progressisti come propri chierici. Ed essi hanno già dato a tale invisibile potere una invisibile adesione intascando una invisibile tessera». Questi chierici tesserati che poi con Walter Veltroni hanno scoperto di non essere mai stati comunisti. E con Dario Fo mai stati repubblichini. E con Furio Colombo mai stati presidenti di Fiat America… Chierici delle caserme-scuola e delle caserme-giornali. Chierici di una storia d’Italia che non è mai esistita. Basata su una cultura rimasta ferma al risentimento. E a un sapere che è solo grigia teoria. Novità? Sì, la fila per leccare i piedi ai magistrati che fanno politica. Poiché la memoria e la verità in Italia sono come la rivoluzione antirazzista della banana di Dani Alves.

Ps. Nel momento in cui Tempi andava in stampa con questo editoriale, non era stata ancora annunciata la presenza di Giuliano Pisapia alla commemorazione di Sergio Ramelli. Un gesto coraggioso, è stato detto. Ed è così. Perché già con la sua semplice presenza, oltre che con l’invito alla pacificazione, il sindaco di MIlano ha dimostrato una sana indipendenza di giudizio anche rispetto a compagni di partito che invece insistono nell’ideologia negazionista di ogni vera giustizia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

11 Commenti

  1. filomena scrive:

    Il rispetto umano alla persona è fuori discussione e bene ha fatto Pisapia che con la sua presenza ha disinnescato possibili gesti anche solo pseudo violenti. La violenza non è mai giustificata.
    Detto questo che mi sembra doveroso, non è possibile dal punto di vista politico anche solo lontanamente sdoganare il fascismo che di violenza ed autoritarismo ne ha fatto la sua bandiera. La dittatura del ventennio va condannata comunque sempre senza se e senza ma. Non ha attenuanti.

    • giovanni scrive:

      Invece la violenza dei rossi che è sopravvissuta al fascismo ed è continuata per molti anni dopo la fine della guerra, ha attenuanti?

      • filomena scrive:

        Assolutamente no. Quando dico che la violenza non è mai giustificata, non ci sono deroghe. Ma qui si parlava di fascismo e quindi a quello ho fatto riferimento.

    • Kan63 scrive:

      Intervento fuori luogo dato che in nessuna parte dell’articolo si parla di riabilitazione del ventennio ma l’argomento é tutt’altro. Devo quindi intuire cara Filomena che se il suo intervento ha una base razionale in realtá ci stia dicendo che aldilá della formale e politicamente corretta presa di distanza dalla violenza lei pensa che Ramelli un po’ se l’é cercata…
      Oppure, come in realtá penso, lei non voleva dire niente, voleva solo provocare i lettori di questo sito con qualche frase a vanvera, come fa sempre su ogni argomento con la consueta finta cortesia, il piú delle volte con argomentazioni evanescenti e con il solo scopo di disprezzare chi non la pensa come lei.
      Strano hobby, é come se io stessi tutto il giorno sul sito di Repubblica a falchettare per dirgli, cortesemente, che non capiscono un piffero…o peggio.
      Ne ha mai parlato con uno psicanalista?

      • filomena scrive:

        Troppo facile autocelebrarsi senza contraddittorio non le pare? Del resto è tipico di una destra abituata a non discutere mai il capo.

        • Kan63 scrive:

          Ah! Perduto l’aplomb! Mi sa che ho toccato giusto…non importano gli argomenti (che in effetti in questo caso come in altri non c’erano) ma solo la provocazione. Confermo: patologico.
          Cara Filomena, a volte lei argomenta, si può non essere d’accordo ma argomenta ma a volte (come in questo caso) interviene a sproposito, questo vuol dire che lei ama più il contraddittorio che la verità e in questa situazione l’ha dimostrato chiaramente.
          Citando un cantautore che le sarà caro io “non mi lego a questa schiera, morirò pecora nera” (chiarendo subito che il nero non ha connotazioni politiche), preferisco sempre riconoscere la verità piuttosto che perdermi nel contraddittorio fine a se stesso.

    • giovanni scrive:

      Alla commemorazione di Ramelli, oltre a Pisapia cera anche il suo braccio destro Paolo Limonta?

  2. Angelo scrive:

    In Piazza Fontana, in un giardino pubblico (pagato da tutti i cittadini) c’ ancora la lapide anarchica (abusiva) che dice che Pinelli è stato “ucciso” nei locali della Questura (però non dicono DA CHI sarebbe stato ucciso).
    Sui vari muri cittadini ci sono lapidi (altrettanto abusive) che celebrano i “compagni” morti durante scontri con la polizia (mentre tiravano bottiglie molotof o estintori alle Forze dell’ Ordine).
    C’ è una mezza dozzina di edifici pubblici (via Santa Croce, Ex macello, via Confalonieri, via Livigno, case Aler di Lambrate, ecc.) in mano ad anarchici e centri sociali , senza che il Comune di Milano abbia la minima intenzione di sgomberarli. Pisapia partecipava alle assemblee del Macao quando occupavano la torre Galfa, e ora li lascia tranquilli nell’ ex-macello.
    Sui muri di certi quartieri (ad esempio in zona via Console Marcello) ci sono da mesi scritte NO-TAV che inneggiano agli “sbirri morti” e che recitano “Padalino, Rinaudo, Caselli, solo coltelli” (sono i PM che hanno indagato sui no-tav).
    Le femministe, che occupano abusivamente i locali di via dei Transiti (con il beneplacito della giunta Pisapia, che si è opposta allo sgombero per le “alte motivazioni sociali” degli occupanti abusivi), vanno in giro ad aggredire i pro-life, con cartelli del tipo “diamo fuoco ai CAV con gli obiettori dentro”.
    Il “CS Cantiere” e altri gruppi “centri (a)sociali” sono liberi di spedroneggiare in zona San Siro e sventrare gli appartamenti dell’ Aler (oppure imbrattarli con i loro graffiti, per indicare che sono “occupabili”). E di sequestrare le piazze cittadine effettuando manifestazioni del tipi “Occupy Estate” (con imbrattamenti sistematici dei cavalcavia, come il Bussa, senza che nessuno li fermi).
    Internet è pieno di siti web anarco-comunisti che inneggiano alla violenza, alle occupazioni abusive, alla “insurrezione”, ma nessun magistrato li fa oscurare (come farebbero con i siti “nazisti”).
    Insomma: che Pisapia vada alle celebrazioni di Ramelli MI SEMBRA UN PO’ POCHINO !!!!!!!!!!!!!

  3. Ale scrive:

    La violenza non dovrebbe avere colore politico o credo religioso, non va mai incoraggiata ma sempre condannata ed ha fatto benissimo Pisapia.

  4. Raider scrive:

    La Destra abituata a non discutere mai? Non si sa se occorre più fantasia che facciatosta a sostenere idiozie del genere. Come al solito, compianto di facciata per i ‘fascisti’ – come si fa a dire con sicurezza che Ramelli lo era? E comunque, il minimo sindacale: il rispetto è per la ‘persona’, intendiamoci: come prova di bontà d’animo, come dire che i ‘fascisti’ sono, finché morte non sopraggiunga, non persone – debitamente uccisi, per dare addosso ai presunti fascisti in circolazione. E infatti, ecco che si parla di condanne, di ciò che va condannato, ‘senza se e senza ma': senza discutere. E si ti azzardi a farlo, ecco che sei fascista. Proprio vero: ci sono due fascismi, in Italia: il fascismo e l’antifascismo.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana