Google+

Il ritorno dei Red Hot Chili Peppers

settembre 9, 2011 Carlo Candiani

Jack Frusciante è uscito di nuovo dal gruppo. Ma i Red Hot Chili Peppers vanno avanti lo stesso: con un nuovo componente, Klinghoffer, un nuovo stile “salutista e impegnato” e il cd I’m with you, appena uscito e già in cima alle classifiche

Perchè recensire il nuovo lavoro dei Red Hot Chili Pepper? Cosa rimarrà nella storia del rock di questo pugno di canzoni? E ci interessa che John Frusciante sia uscito definitivamente dal gruppo? Siamo stati sommersi da interviste ai componenti, (Flea, Kledis, Chad e il nuovo arrivato Klinghoffer) molti giorni prima dell’uscita del cd, e il quartetto ci ha svelato che per loro è giunta finalmente l’età della maturità, alle soglie dei 50, vivendo la paternità, andando a scuola di musica, stravedendo per Bach, leggendo Cechov. Ci hanno confessato di essere alla ricerca di un modo di ripartire musicalmente, dopo il successo di Stadium Arcadium. Dopo aver attraversato gli anni burrascosi e trasgressivi del funk – punk – rock borderline, trascinandosi con droghe e disintossicazioni, senza soluzioni di continuità, affrontando depressioni e liti. Ci hanno confessato che sono dei “survivor”, sopravvissuti agli 80 e 90, ieri strafatti ora salutisti, ieri cantando testi sul degrado metropolitano, oggi affrontando confusamente il tema della morte e raccontare di “Annie che vuole avere un bambino”.

 

Accompagnati da una roboante macchina promozionale, con annessa anteprima in concerto trasmesso “live” nei cinema di tutto il mondo, con il loro funk rock, molto addolcito rispetto alle origini, i R.H.C.P. sono uno di quei pochi gruppi che, mescolando i generi, hanno da subito avuto un successo planetario (sono milioni i dischi venduti) e a partire da Californication (1999) stanno cercando furbescamente di allargare il loro target, infilando nel repertorio ballate alla Beach Boys, accaparrandosi i rockettari più teneri. E lo fanno a palate nel nuovo I’m with you, prodotto e super confezionato dal mago Rick Rubin, che li segue da vent’anni. Per questo lavoro, Rubin ha costruito per il gruppo, un wall of sound che rasenta la perfezione. E loro si sono dati da fare con giri di basso, che al pubblico più scafato ricordano addirittura gli Electric Light Orchestra di Last Train to London, i Queen di Another one bites the dust e il George Harrison di Give me love. Anche se la cifra compositiva è piuttosto ripetitiva, il risultato è gradevole e divertente. Successo assicurato, anche se aumenteranno i fans della prima ora, che storceranno il naso, per la irreversibile, ormai, deriva pop di Kledis & co.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download