Google+

Il re delle conigliette cretine e quello delle fake news

ottobre 5, 2017 Sandro Fusina

Hefner fondò Playboy, sulle cui pagine le foto di donne nude si affiancavano a celebri firme. Paul Horner si arrichì con le notizie false

Hugh-Hefner-ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)Hugh Hefner. Nacque il 9 aprile 1926. Crebbe in una famiglia metodista dalle impeccabili tradizioni puritane. Suo antenato era William Bradford, arrivato in America sul Mayflower e a lungo governatore di Plymouth. Hugh si diplomò e si sposò. Il matrimonio lo deluse, l’esercito lo annoiò: si laureò all’università dell’Illinois in psicologia, attratto dal rapporto Kinsey su comportamenti sessuali degli americani.

Lavorò come copywriter per la rivista Esquire. Decise di mettersi in proprio. Per la nuova rivista raccolse 8.000 dollari, la madre contribuì con mille. Nacque Playboy, con una fotografia a doppia pagina di una ragazza nuda. Ma i testi erano di scrittori valenti, come John Updike, come Jack Kerouac; le interviste erano a personaggi discussi come Malcom X, leader dei Black Muslim.

L’impresa divenne colossale, le copie si vendevano a milioni in tutto il mondo, i club e gli aerei privati popolati da premurose ragazze in costume da coniglietta si moltiplicavano. Per essere assunte e durare non bastava essere giovanissime e belle, essenziale era essere cretine. Una femminista intrufolata nella conigliaia si rese conto di «cosa provavano i quarti di carne nelle macellerie». Hefner sosteneva che dai suoi letti tondi e girevoli passava la liberazione delle donne.

La società fu quotata in borsa; il padre puritano ne fu amministratore senza avere mai sfogliato la rivista. La concorrenza non mancò, la fortuna un po’ scemò, senza mai spegnersi: 800 mila copie restava un bel numero. Hugh Hefner è morto mercoledì 27 settembre.

Paul Horner. Che sia morto sabato 18 settembre a 38 anni per overdose di un farmaco prescrittibile, non è una delle false notizie in rete di cui Paul Horner era il re. Lo assicura lo sceriffo della contea di Maricopa in Arizona.

Horner aveva sulla rete prestato la sua faccia al misterioso writer Banksy; aveva svelato che Obama era non solo gay, ma musulmano radicale; aveva affermato di essere responsabile dell’elezione di Trump, con le sue notizie false, tipo che i democratici pagavano i contestatori 3.500 dollari a testa e a botta: ma solo per amore di satira.

Non voleva guadagnare, ma dimostrare che la gente non voleva leggere né sapere, voleva solo sentirsi dire quello in cui già credeva. Lo sostiene il fratello JJ, con cui Paul Horner viveva.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’ufficio a portata di mano anche in vacanza e nei weekend in un ambiente confortevole e “viaggiante”? Lo rende possibile Renault con una nuova generazione di Trafic SpaceClass rivolta sì ai privati ma prentemente alla clientela del mondo business, come aziende di noleggio con conducente, strutture alberghiere e sportive, agenzie turistiche. Insomma, realtà che desiderano fornire […]

L'articolo Renault Trafic SpaceClass, l’ufficio è mobile proviene da RED Live.

Se siete appassionati di motori e curiosare tra le anteprime – ne sono state annunciate ben 150 – è sicura fonte di piacere, il momento è (quasi) arrivato. Cominciate a segnare in agenda una data compresa tra il 9 e il 12 novembre (il 7 e l’8 sono giornate dedicate a operatori e stampa) e […]

L'articolo EICMA 2017, cosa c’è da vedere proviene da RED Live.

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download