Google+

Il Principe Carlo s’inchina ai Take That. Non esistono più i nobili di una volta

novembre 8, 2012 Elisabetta Longo

Certe volte il principe Carlo sembra suo figlio minore Harry, nonostante i dubbi genetici che lo accompagnano dalla nascita (quei capelli rossi…). Carlo infatti è molto meno nobile di quanto sembri, nonostante sia l’erede al trono d’Inghilterra. AMMIRAZIONE. Lo scorso 5 novembre, nel corso di una serata di gala musicale, il principe ha infatti appellato […]

Certe volte il principe Carlo sembra suo figlio minore Harry, nonostante i dubbi genetici che lo accompagnano dalla nascita (quei capelli rossi…). Carlo infatti è molto meno nobile di quanto sembri, nonostante sia l’erede al trono d’Inghilterra.

AMMIRAZIONE. Lo scorso 5 novembre, nel corso di una serata di gala musicale, il principe ha infatti appellato Gary Barlow, leader dei Take That, come “monumento nazionale”. Che voglia passargli lo scettro? «Nel corso degli ultimi 25 anni sei diventato una delle più grandi star dell’industria musicale britannica, sei come una specie rara per il tuo valore. Il tuo valore trascende nel tempo» ha detto prince Charles in quella che sembra quasi una dichiarazione d’amore. Gary si è detto onorato, ribadendo che non ha mai voltato le spalle al passato. Tradotto, non si vergogna di avere fatto soldi indossato canottiere retate per far appassionare orde di ragazzine.

LE SPICE. Il principe Carlo era già venuto a contatto con il pop inglese, quando qualche anno fa conobbe le Spice Girls. Le cinque, all’apice del successo, si recarono a Buckingham Palace creando il caos ma lui si divertì, nonostante le battute volgari di Geri Halliwell, e si fece fare una foto ricordo. Più recente è stato invece il feeling avuto con Kylie Minogue, che ha suonato per lui durante il viaggio intrapreso con Camilla in Australia e Nuova Zelanda. La cantante l’ha trascinato sul palco e l’ha fatto ballare. Tale Carlo, tale Harry.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana