Google+

Il premier Ghannouchi si dimette, la Tunisia ricomincia daccapo – Rassegna stampa/1

marzo 3, 2011 Redazione

Centinaia di arresti tra venerdì e sabato in Tunisia, cinque morti per gli scontri con la polizia: la situazione rimane tesa, dopo la caduta del dittatore Ben Ali si è dimesso ieri il premier Ghannouchi. Al suo posto l’ex ministro degli Esteri, durante il governo dell’ex presidente Bourghiba, Beji Caid Sebsi

La caduta del regime di Ben Ali non è bastata per far tornare la calma in Tunisia e per le strade di Tunisi. Il premier ad interim Mohammed Ghannouchi, che aveva preso il posto il 14 gennaio del dittatore Ben Ali, è apparso ieri in Tv per annunciare le sue dimissioni.

“Smorzata l’euforia per la cacciata del vecchio tiranno in doppiopetto, la Tunisia si è trovata quindi quasi daccapo. Con la gente in piazza a invocare riforme politiche  e lavoro: venerdì 88 persone erano state arrestate, sabato altre cento. Cinque i giovani morti negli scontri con la polizia. Una situazione insostenibile per il premier Ghannouchi della transizione che ieri si è difeso: «Non sono un uomo della repressione» ha spiegato aggiungendo di andarsene per favorire «un clima migliore per una nuova era»” (Stampa, p. 11).

Al suo posto è stato nominato, dal presidente della Tunisia Fouad Mebazza, Beji Caid Sebsi, ex ministro degli Esteri durante il governo del presidente Bourghiba, che ha guidato il paese dal 1957 al 1987.

“La notizia delle dimissioni di Ghannouchi è stata accolta in silenzio dalle migliaia di persone che da giorni stanno effettuando un sit-in sulla piazza della Casbash di Tunisi. Molti di questi […] vogliono continuare la protesta per convincere l’intera compagine governativa a lasciare. Le azioni distruttive a Tunisi non si sono comunque placate. Appena Ghannouchi si è dimesso, si sono uditi colpi di arma da fuoco e colonne di fumo si sono alzate da diversi punti. E si registrano altri saccheggi” (Stampa, p. 11).

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Marbella (Spagna) – La Yamaha più venduta ha le forme essenziali ma non prive di fascino della MT-07. Lanciata nel 2014, ha inanellato record dopo record, totalizzando oltre 120.000 pezzi consegnati. L’Europa è il suo mercato d’elezione, ma anche gli Stati Uniti fanno la loro parte. A quattro anni dall’esordio, la MT-07 cambia più nella […]

L'articolo Prova Yamaha MT-07 my 2018 proviene da RED Live.

I primi dati e le foto ufficiali della wagon svedese. Che mira a diventare il nuovo punto di riferimento fra le familiari medie di lusso. Con un design senza fronzoli e tanta sicurezza. A Ginevra ne sapremo ancora di più

L'articolo Nuova Volvo V60 – la station che seduce proviene da RED Live.

Carburante artico e additivi specifici: ecco le soluzioni per scongiurare la formazione dei cristalli di paraffina ed evitare il congelamento del gasolio nelle giornate di grande gelo. Aggiungere benzina nel serbatoio? Una trovata ottima per cambiare motore!

L'articolo Come evitare il congelamento del gasolio proviene da RED Live.

Passano gli anni ma il tre cilindri della Triumph Speed Triple rimane una delle moto da bar tra le più gustose. Ha coppia e cavalli giusti, non è una moto rapida, ma ha un bell'avantreno e una ciclistica sportiva: 13.850 euro la S e 15.950 euro la RS

L'articolo Prova Triumph Speed Triple 1050 RS proviene da RED Live.

Botte piena e moglie ubriaca? I moderni pneumatici Sport Touring puntano a darvi di tutto un po’. Durata, miglior comportamento sul bagnato, e più efficacia nella guida “spigliata” sono i punti chiave su cui Michelin ha lavorato per il nuovo Road 5. Saranno riusciti nell’intento? Siamo andati in Spagna per verificarlo

L'articolo Prova Michelin Road 5 Sport – Touring per vocazione proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi