Google+

Il Pentagono ordina il fermo a terra degli F-35: «Necessari controlli per la sicurezza»

luglio 4, 2014 Chiara Rizzo

Il 23 giugno durante un’esercitazione in Florida c’è stato un incidente. Il ministero della Difesa Usa:«Torneranno a volare quando saremo sicuri»

Il Pentagono ha emanato una direttiva con cui ha ordinato che la flotta dei 97 aerei militari Lockheed Martin, gli F-35 sul cui acquisto in Italia è scoppiata una polemica durata mesi. L’Aereonautica e la Marina militare Usa hanno deciso lo stop fino a che non si concluderanno alcuni “controlli necessari”, si legge nella direttiva, adottata dopo un incidente in una base militare in Florida lo scorso 23 giugno, un incendio improvviso che per fortuna non ha provocato vittime.

«CONTROLLI NECESSARI». Il ministero della Difesa Usa ha ordinato anche di sospendere la trasvolata dell’Atlantico di alcuni F-35, prevista per partecipare al Farnborough International airshow e al Royal International air tattoo, due manifestazioni strategiche nel business dell’industria militare. Il Pentagono ha sottolineato che «gli F35 torneranno a volare solo quando saremo sicuri»: e al momento non sono nemmeno identificate le cause precise che hanno provocato l’incendio in Florida. Intanto però restano ancora attivi i contratti e i piani dei governi esteri che hanno deciso in precedenza di acquistare F35, e in pole position resta l’ordine del Sud Corea di 40 caccia militari.

ITALIA IN STAND-BY. In Italia i contratti già sottoscritti e operanti riguardano complessivamente sei velivoli, ma il ministro Pinotti ha dichiarato recentemente che «il programma complessivo sarà definito nuovamente» dopo la stesura di un Libro Bianco su ciò che serve o meno «per soddisfare le nostre necessità di difesa». Stamattina è intervenuta sul tema anche il ministro degli Esteri Mogherini: «Non sta a me dare giudizi tecnici. La strategia italiana di difesa è sotto revisione, c’è una discussione anche su quali aerei comprare. Sicuramente anche noi avremo bisogno di riaggiornare i nostri strumenti militari, molti sono vecchi. Una discussione da fare anche con gli americani».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Giannino Stoppani scrive:

    Quello che si vede nella foto sembra proprio un Eurofighter Typhoon.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana