Google+

Il Pd e i No Tav. Confusione sotto i cieli trenocrociati

dicembre 22, 2012 Marco Margrita

I voti degli antagonisti fanno gola a molti, e la confusione regna sovrana sopratutto nel Partito democratico. Altri movimenti in Val di Susa

Avevamo detto che i voti dei No Tav, in termini aritmetici e simbolici, sono contesi tra più forze. Un valore residuale che diversi pezzi di sinistra non vogliono perdere. Un’attenzione che intercetta e provoca un attivismo di riflesso del fronte istituzionale che aveva affidato più di una speranza alla battaglia antitreno come volano per un salto nella grande politica.

Ecco che Sandro Plano, presidente della Comunità Montana che chiude a fine anno, annuncia una candidatura alle primarie per la scelta dei parlamentari Pd. Candidatura che difficilmente si concretizzerà: troppe le 400 firme di iscritti al partito, che in Valle sono solo 300 ed almeno per metà contrari ad ogni cedimento ai No Tav.

Ecco che, a sorpresa, in ticket con il segretario provinciale Curto, si cimenta con le primarie di Sel l’ex sindaco di Avigliana, Carla Mattioli. Sospesa dal Pd per la scelta di confluire, alle amministrative della scorsa primavera, nella lista grillino-rinfondarola antitreno invece che nella convergenza civica con ampi settori del centrodestra “Grande Avigliana” benedetta da Piero Fassino e Pier Luigi Bersani. Avevano, lei e gli altri sospesi, rischiato di spaccare il partito in Piemonte. Partito che, tra l’altro, era già ai ferri corti con lei per via del suo mancato versamento della quota degli emolumenti. Oggi Carla Mattioli abbandona i lidi democratici offrendo il suo volto alla strategia dei vendoliani, in provincia di Torino assai spaccati, per l’attrazione dei voti No Tav.

Insomma, un po’ di confusione sotto i cieli trenocrociati. Non senza personalismi.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana