Google+

Il Pd dibatte su questione morale e Filippo Penati via Facebook

luglio 25, 2011 Chiara Sirianni

La questione morale impazza sui giornali e investe i politici del Pd che però preferiscono parlarne via computer. Così, Filippo Penati si auto-sospende dalla sua carica sui social network e l’assessore di Milano Pierfrancesco Majorino lo critica attraverso Facebook. Intanto il segretario Pier Luigi Bersani resta in silenzio

«Ribadisco la mia totale estraneità ai fatti che mi sono contestati, mentre rilevo che non cessano le ricostruzioni parziali, contraddittorie e false indotte da altre persone coinvolte nella vicenda. Sono accusato con una montagna di calunnie da due imprenditori inquisiti in altre vicende giudiziarie che cercano così di coprire i loro guai con la giustizia. Non ho mai preso soldi da imprenditori e non sono mai stato tramite di finanziamenti illeciti ai partiti a cui sono stato iscritto». Così Filippo Penati, indagato nell’inchiesta sulle tangenti per le aree Falck di Sesto San Giovanni, ha annunciato la sua auto-sospensione da tutte le cariche di partito.

«Il prevedibile allungarsi dei tempi mi pone quindi di fronte alla necessità di non privare i gruppi consiliari di minoranza di un vicepresidente. Pertanto è mia intenzione trasformare la mia auto-sospensione in dimissioni. Comunicherò la mia decisione e ne spiegherò le ragioni al gruppo Pd e agli altri gruppi di minoranza». È la prima dichiarazione definitiva di Penati, fatta eccezione per un’intervista all’Ansa, in un Pd reticente, sfuggente, che ha affrontato la “questione morale” più sui social network che apertamente. La decisione di sospendersi dalla carica di vicepresidente, infatti, Penati l’aveva comunicata via Facebook, sulla sua bacheca.

Anche la base del Pd si è sfogata sulla tastiera, divisa tra attestati di stima – “Presidente, tieni duro” – e ferocia: “Il caso Penati diventa sempre più imbarazzante, chi aspettiamo per chiedere le dimissioni?”. E ancora: “E se fosse stato un berlusconiano? Noi militanti ed elettori del Pd siamo come quelli di Berlusconi che difendono sempre i loro indagati?”. E poi: “Tutte le volte che un ministro è stato indagato, tutte le volte che un parlamentare del Pdl è stato indagato, il Pd non ha fatto lo spettatore, ne ha chiesto le dimissioni. Cosa che dovrebbe fare anche ora con Penati, ma non lo fa!”. E c’è anche chi ironizza sulla retorica del cambiamento: “Indagato anche il sindaco del Pd di Sesto San Giovanni… senti che bel vento da Milano…”.

E l’assessore al Welfare di Milano, Pierfrancesco Majorino, ha espresso su Facebook la sua perplessità, prima invitando Penati a dimettersi – “Non sarebbe un’ammissione di colpa, ma una prova di forza” – e poi cambiando tono: “Leggo i giornali e provo del sincero schifo”. In una nota, intanto, il Pd ha respinto sul nascere le accuse sui presunti finanziamenti illeciti che avrebbe ricevuto: «Il Pd non ha mai preso finanziamenti illeciti, I nostri bilanci sono pubblici e certificati da una società di revisione indipendente». Fa però discutere, in queste ore, il silenzio del segretario Pier Luigi Bersani sull’argomento.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. lectiones scrive:

    LO SVERGOGNAMENTO DI RINCULO (boomerang)
    Il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, durante la conferenza stampa alla Camera ha detto: “Lo dico alle macchine del fango che iniziano a girare: se sperano di intimorirci si sbagliano di grosso”. Bersani si riferisce alle critiche mosse al suo partito dai giornali in relazione alle vicende di Tedesco e Penati … (ecc.)
    ” ‘A facce d’e zzoccole vecchie”, si dice a Napoli riferendosi all’impudenza di qualcuno che rivendica la sua illibatezza morale. Appunto Pier Luigi che minaccia tuoni e fulmini contro coloro che spargono fango (calunnie) sui personaggi di spicco del Quartiere generale del Pd.
    Una macchina spandiletame inesauribile – animosa e corriva che ha DIFFAMATO i migliori rappresentanti della maggioranza con cinismo strafottente – che si rizela per lo stesso trattamento che oggi patisce nei confronti di mariuoli in guanti gialli, camuffati da colonnelli del suo Stato Maggiore.
    Il coro delle SAVONAROLIANE, sempre pronte a inveire contro le “vergognose odalische” del Cavaliere, tace: è lo spartito che è cambiato o sono i musicanti che suonano un altro miserere? Amen!
    CF

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana