Google+

Il Parlamento britannico “riconosce” lo stato palestinese. Lo Spectator: mossa arrogante e inutile

ottobre 14, 2014 Redazione

La Camera dei Comuni chiede a Cameron di riconoscere lo stato palestinese. Lo Spectator li taccia di presunzione: «Pensano di conoscere la situazione degli israeliani e dei palestinesi meglio di loro e dei loro governi»

Il Parlamento britannico ha approvato, quasi all’unanimità (274 a favore contro 12), una mozione che invita il Regno Unito a riconoscere lo stato palestinese. Per Douglas Murray, editor dello Spectator, «questa non è solo una mossa arrogante, ma inutile, non da ultimo perché il governo Cameron ha già detto che ignorerà il voto».
La mozione della Camera dei Comuni, arrivata a pochi mesi dalla fine dei reciproci bombardamenti fra Hamas e stato di Israele, ha un valore simbolico e non impegna il governo a riconoscere alle istituzioni palestinesi la piena sovranità sui territori di Gaza e Cisgiordania. La scelta dei parlamentari britannici «può sembrare una mossa positiva – spiega Murray – ma in realtà è soltanto una decisione presa da un gruppo di stranieri che afferma di conoscere la situazione degli israeliani e dei palestinesi meglio di loro e dei loro governi».

MOSSA INGENUA. Murray parla di «mozione preoccupante». Secondo la penna del settimanale britannico, il voto di Westminster «dimostrano una sorprendente ingenuità». Da una parte, «spinge verso la nascita di un nuovo status quo per Israele e per la Palestina, senza l’accordo dei partner sul terreno», dall’altra, riconoscere lo “stato palestinese” è tanto assurdo quanto lo sarebbe riconoscere il califfato islamico di Isis. «Lo “stato palestinese” consiste infatti in un “governo di unità nazionale“, anche se litigioso, tra l’Autorità palestinese (Ap) guidata da Mahmoud Abbas e i terroristi di Hamas (il ramo palestinese dei Fratelli Musulmani)».

CALIFFATO IN PALESTINA. Questo governo di unità, probabilmente, non durerà molto: «Nel 2007, Hamas espulse l’Autorità palestinese da Gaza e lo stesso aspira a fare in Cisgiordania». Già ad agosto «Abbas ha accusato Hamas di contrabbandare denaro e munizioni in Cisgiordania per organizzare un colpo di stato contr0 l’Autorità palestinese». Riconoscere lo stato palestinese significa dunque riconoscere Hamas, un’organizzazione che oltre a invocare la distruzione di Israele, si è augurata in passato la conquista di Roma e dell’Andalusia. «Il riconoscimento dello stato palestinese sarà inevitabilmente visto, dai popoli della regione, come l’approvazione di queste aspirazioni».

LA SOLUZIONE? I COLLOQUI. «C’è una soluzione alla situazione israelo-palestinese». Secondo Murray, si deve basare sugli accordi di pace fra le due parti, «sulla fiducia di entrambi gli attori nel fatto che l’altro cercherà di giungere ad una soluzione comune». «Senza un accordo bilaterale, non ci potrà mai essere una vera pace». Murray ricorda che il motivo per cui gli israeliani non possono attualmente concordare una soluzione con la Autorità palestinese è proprio perché «si è alleata con un gruppo terrorista che cerca di fare, in Palestina, ciò che l’Isis sta cercando di fare in Siria».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana