Google+

Il Papa: «Lasciamoci chiamare per nome da Gesù come Zaccheo. Non c’è peccato che ci cancella dal suo cuore»

novembre 3, 2013 Redazione

«Guardiamo quell’uomo oggi sull’albero: è ridicolo, ma è un gesto di salvezza. E io dico a te: se tu hai un peso sulla coscienza; se tu hai commesso tante cose, fermati un po’ e pensa che c’è uno che ti aspetta»

«Zaccheo è una pecora perduta, amico degli occupanti romani, ladro, sfruttatore», ma «non c’è professione, condizione sociale, non c’è peccato o crimine di alcun genere che possa cancellare dalla memoria o dal cuore di Dio uno solo dei suoi figli». All’Angelus, commentando la figura di Zaccheo proposta dalla liturgia di oggi, papa Francesco ha voluto ricordare che la misericordia di Dio non dimentica nessun uomo, nessun peccatore che, magari inconsapevolmente, proprio come il pubblicano di cui parla il Vangelo, si arrampica sull’albero più alto per veder passare Gesù, sperando di «riuscire a colmare la distanza» che lo separa dal Signore.

L’UOMO CHE CERCA GESU’. «Impedito dall’avvicinarsi a Gesù, probabilmente a motivo della sua cattiva fama, ed essendo piccolo di statura, Zaccheo si arrampica su un albero, per poter vedere il Maestro che passa. Questo gesto esteriore, un po’ ridicolo, esprime però l’atto interiore dell’uomo che cerca di portarsi sopra la folla per avere un contatto con Gesù. Zaccheo stesso non sa il senso profondo del suo gesto; nemmeno osa sperare che possa essere superata la distanza che lo separa dal Signore; si rassegna a vederlo solo di passaggio. Ma Gesù, quando arriva vicino a quell’albero, lo chiama per nome: «”Zaccheo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua”. Quell’uomo piccolo di statura, respinto da tutti e distante da Gesù, è come perduto nell’anonimato; ma Gesù lo chiama, e quel nome ha un significato pieno di allusioni: Zaccheo infatti vuol dire “Dio ricorda”.

LA GENTE SI INDIGNA. «Gesù – ha proseguito il Papa – va nella casa di Zaccheo, suscitando le critiche di tutta la gente di Gerico, perché anche in quel tempo si chiacchierava: Ma come? Con tutte le brave persone che ci sono in città, va a stare proprio da quel pubblicano? Sì, perché lui era perduto; e Gesù dice: “Oggi per questa casa è venuta la salvezza”. In casa di Zaccheo, da quel giorno, entrò la gioia, la pace la salvezza. Entrò Gesù».

DIO NON DIMENTICA. «Dio – ha concluso il Papa – non dimentica nessuno di quelli che ha creato; Egli è Padre, sempre in attesa di veder rinascere nel cuore del figlio il desiderio del ritorno a casa. E quando riconosce quel desiderio, anche semplicemente accennato, e tante volte quasi incosciente, subito gli è accanto, e con il suo perdono gli rende più lieve il cammino della conversione e del ritorno. Guardiamo Zaccheo oggi sull’albero: è ridicolo, ma è un gesto di salvezza. E io dico a te: se tu hai un peso sulla coscienza; se tu hai commesso tante cose, fermati un po’ e pensa che c’è uno che ti aspetta… Arrampicati sull’albero della voglia di essere perdonato… Io ti dico che Gesù mai si stanca di perdonare. Fratelli e sorelle lasciamoci anche noi chiamare per nome da Gesù! Nel profondo del cuore, ascoltiamo la sua voce che ci dice: “Oggi devo fermarmi a casa tua”, cioè nella tua vita. E accogliamolo con gioia: Lui può cambiarci, può trasformare il nostro cuore di pietra in cuore di carne, può liberarci dall’egoismo e fare della nostra vita un dono d’amore. Gesù può farlo»

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. Aldo scrive:

    Grazie a Papa Francesco anche io mi sono convertito. Prima facevo propaganda all’assurda teoria del gender, quella che dice che non esistono i maschi e le femmine, ma solo quello che riteniamo di essere nel dato momento. Ora invece mi sono ravveduto e sono tornato alla fede…e alla ragione.

    • Bifocale scrive:

      Bravo, Aldo, anch’io ho avuto la stessa meravigliosa esperienza liberante.

      • Remoq scrive:

        Io lavoro nel campo della psicologia e posso attestare che l’ideologia del gender è un’immensa mistificazione, oltretutto dannosissima soprattutto per i ragazzi in formazione.

  2. Cornacchia scrive:

    Pensate che io addirittura andavo in giro dicendo che la libertà di peccare (in particolare in materia sessuale) è inscritta nella legge morale naturale, roba da chiodi davvero! Ma ormai è tutto passato, mi sono convertito anche io.

    • Anna scrive:

      Io poi perseguitavo i cattolici e, pur di contraddirli, sostenevo tesi che cozzavano platealmente con la ragione naturale. Ora son tornata alla luce, sono Zacchea pure io e ringrazio il Signore.

  3. Giovanni scrive:

    Io pure ho lasciato l’ideologia del gender e ora respiro.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana