Google+

Il paladino della trasparenza Assange si rifugia in Ecuador. Dove il bavaglio alla stampa è la regola

agosto 20, 2012 Francesco Amicone

Il presidente dell’Ecuador Raphael Correa ha concesso lo status di “rifugiato politico” al fondatore di Wikileaks. Ma Correa è il campione della censura sui media.

«L’Ecuador, una coraggiosa nazione, ha preso una posizione per la giustizia». Così Julian Assange dal balcone dell’ambasciata del paese sudamericano a Londra ha voluto ringraziare il presidente Raphael Correa per avergli concesso lo status di “rifugiato politico”.  Correa e Assange si sono conosciuti a giugno, quando in un’intervista per Russia Today, il presidente ecuadoregno lo aveva calorosamente accolto nel «club dei perseguitati». Ma perseguitati da chi?

Su Assange, che dall’inizio di luglio vive barricato nell’ambasciata, pende un mandato di arresto europeo (l’accusa è stupro) che vincola tutti gli Stati membri dell’Ue, compresa la Gran Bretagna, a consegnarlo alla Svezia. Ma se la paura del fondatore di Wikileaks, paventata dall’ex giudice spagnolo Baltasar Garzón, è una possibile rendition in america, a causa della pubblicazione nel 2010 dei cablogrammi delle ambasciate statunitensi, il demone che affligge e perseguita Raphael Correa è invece proprio l’informazione.

Correa, che considera la stampa del suo paese «mediocre, incompetente, inaccurata, bugiarda», è secondo soltanto a Hugo Chavez nella pratica delle cadenadas, ovvero nell’occupazione simultanea con i propri discorsi presidenziali dei canali di tutte le tv pubbliche e private del paese. Il presidente dell’Ecuador, inoltre, negli ultimi anni, ha fatto chiudere 19 stazioni radiotelevisive, nazionalizzato due giornali e imposto il divieto ai membri del governo di rilasciare dichiarazioni a media privati, ai quali è anche stata tolta ogni pubblicità istituzionale. Nel febbraio scorso era riuscito a far condannare i proprietari e un giornalista del quotidiano El Universo a tre anni di prigione e a 40 milioni di dollari di multa, suscitando le polemiche da parte dell’Onu e della stampa internazionale.

Pare singolare che il paladino della “trasparenza” e della libertà d’espressione si sia trovato a proprio agio con un tale presidente e con un paese che secondo le graduatorie sulla libertà di stampa di Reporter sans Frontier non sarebbe proprio un paradiso del giornalismo, occupando una posizione novantadue volte inferiore a quella svedese.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Antonella scrive:

    Verissimo! Ho vissuto 5 anni in Ecuador e ho visto cose che un europeo che dá per scontata la democrazia davvero non può immaginare… Le cadenas nacionales del presidente non sono nulla… Ha fatto chiudere (o sanzionato) canali televisivi con la scusa che Dragonball era diseducativo ma solo perché davano voce all’opposizione. Quando c’é stata la rivolta della polizia non si riceveva altro da radio e tv se non i messaggi ufficiali. Lasciando perdere “episodi” in cui ha buttato fuori dal congresso tutta l’opposizione, così, d’amblais. Vivendo lá ho davvero imparato ad amare l’Italia, con buona pace delle amiche di Silvio, delle fontane di Bettino e delle trote di Umberto… Assange semplicemente non ha ancora fatto “sbrodolare” notizie su di lui, ecco tutto… Forse perché nessuno ha avuto il coraggio di rivelargliele! Ciao

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana