Google+

Il nostro Sud che funziona. Il successo della Villa del Casale: bellissima, ordinata e “per famiglie”

novembre 2, 2014 Chiara Rizzo

La villa di Piazza Armerina (En) nei primi dieci mesi 2014 ha quasi triplicato gli incassi, fino a oltre 2 milioni di euro. Intervista alla direttrice Rosa Oliva

L’istituto Svimez sul Mezzogiorno nel suo rapporto 2014 ha fotografato la «desertificazione» economica del Sud Italia. In Sicilia, però, una realtà sta facendo da apripista in quell’industria culturale indicata dagli economisti come soluzione alla crisi. La Villa romana del Casale di Piazza Armerina (En) ha registrato un bilancio in netta crescita rispetto al primo semestre 2013. Nei soli mesi invernali e primaverili del 2014, di solito quelli un po’ meno frequentati dai turisti, la Villa ha visto passare i propri incassi dai 775.543 euro del 2013 a 1 milione e 69 mila euro, rappresentando un traino per l’intera provincia. La Villa offre per tutta l’estate l’apertura straordinaria, ordine e massima pulizia: il tutto senza l’ombra di uno sciopero del personale.

Uno dei mosaici (3.700 mq complessivi) della villa

Uno dei mosaici (3.700 mq complessivi) della villa

SUCCESSO “AD OSTACOLI”.  Si tratta di una casa patrizia romana costruita tra il I e III secolo, e ampliata nel IV, in cui sono custoditi intatti 3700 metri quadri di mosaici e poi affreschi, utensili e persino delle terme. Il successo di questo luogo è avvenuto pur in presenza di alcuni grandi ostacoli. Primo: eletta a patrimonio dell’Unesco nel 1997, la Villa è stata interessata dal 2006 da un vasto lavoro di restauro ed è rimasta chiusa fino al 2012. I risultati positivi sono dunque il frutto del lavoro dei soli ultimi due anni. Secondo: la Villa si trova nel cuore della Sicilia ma anche nel bel mezzo del nulla, dato che dista almeno un’ora e venti minuti di auto dall’aeroporto e dal porto di Catania e a due ore da Palermo. Non vi sono stazioni ferroviarie nei dintorni. Eppure, nel solo mese di maggio, qui hanno registrato il picco di 62 mila ingressi, con più di 300 mila visitatori da gennaio a ottobre (gli incassi a settembre 2014 sono arrivati a quota 2 milioni 191 mila euro, con oltre 1 milione di euro incassati solo in estate). Da gennaio 2014 si paga un biglietto di 14 euro, anziché 10: eppure quest’anno la villa si è aggiudicata il certificato di eccellenza dal sito di recensioni (scritte solo dai turisti) Tripadvisor. Com’è possibile?

«PIU’ FAMIGLIE CON FIGLI». La direttrice del museo Rosa Oliva sottolinea che il rincaro del biglietto, paradossalmente, è stato un fattore positivo di crescita: «È diventato un biglietto cumulativo. Qui vicino c’è un museo (che custodisce statue e argenti ellenici oggetto di scavi clandestini, recuperati dopo varie indagini in un museo a Malibù, Los Angeles, e riportati quindi in Sicilia), e l’area archeologica di Morgantina, una delle più importanti del mediterraneo. Non erano visitati come la Villa. Ora il biglietto unico permette di visitare tre meraviglie in tre giorni, con soli 4 euro in più. Risultato: i turisti hanno compreso e la Villa fa da traino al territorio». Per Oliva è stato anche determinante il decreto Franceschini del luglio 2014, «che ha creato un più giusto ricambio nel pubblico pagante». Il decreto ha eliminato la gratuità per gli over 65 e introdotto una domenica gratis al mese per tutti, e ciò è positivo secondo Oliva, perché «la maggior parte dei gruppi che arrivano tramite tour operator sono over 65 e persone che possono permettersi comunque di viaggiare e di spendere, che infatti non hanno contestato l’abolizione della gratuità, e hanno proseguito a visitarci. In compenso, invece, è stata premiata una fetta di pubblico, le giovani famiglie con figli, che prima facevano fatica a venire».

Palestra_particolare

Il mosaico della Palestra della villa

«ORDINE E LAVORO DI SQUADRA». Alla base della ricetta di questo successo, secondo Oliva, ci sono anche principi molto più semplici. Primo: «Ordine e rispetto del posto. Nel 2012, dopo il restauro, questo luogo ha terminato un “calvario”, e ci è stato consegnato in condizioni ottime. Chi lavora qui, a cominciare da me, si sente ed è responsabile dell’immagine elevata di questo patrimonio. Diamo molta attenzione alla pulizia del sito, alla manutenzione di tutto il contesto, compresi i parcheggi esterni, e seguiamo con scrupolosa attenzione durante la giornata la condizione di ogni parte della villa. Chiaramente tutto questo parte dalla direzione: parlo costantemente con chi lavora qui. Controllo con cura i fogli della presenza, lo stato del posto e faccio notare continuamente quello che manca. È il direttore del museo che dev’essere una buona macchina organizzativa, e se può deve anticipare il problema e la sua soluzione». Poi aggiunge sorridendo: «Dice che sembriamo la Svizzera? Forse. Svizzera made in Sicilia: la verità è che tutti lavoriamo con molta passione».

La villa in apertura notturna

La villa in apertura notturna

«PERSONALE DISPONIBILE». Un secondo fattore sono le numerose attività organizzate. Non solo l’offerta di un parco scuola, con diversi itinerari tematici differenziati per età, e con materiali didattici disponibili agli insegnanti già prima della visita: la villa del Casale ha anche prolungato gli orari di apertura e durante l’estate, nei weekend, è visitabile anche di sera, fino alle 23.30: ciò ha richiamato molti altri visitatori (alle aperture notturne sono anche stati abbinati spesso eventi culturali, come rappresentazioni teatrali, musicali e di danza). Spiega Oliva, «l’apertura straordinaria è stata accolta con molta disponibilità dai 25 custodi». Nessuna richiesta di staordinari, né scioperi: sembrerebbe un dato scontato, ma non lo è. Oliva aggiunge un terzo fattore di successo: «Un’ordinata gestione di biglietteria e obliterazione. Solo chi ha davvero titolo per entrare gratuitamente lo fa, chi ha il biglietto entra una sola volta».

Particolare di una parte delle terme, nella casa padronale: il frigidarium

Particolare di una parte delle terme, nella casa padronale: il frigidarium

«NON SPENNARE IL TURISTA». Per Oliva per proseguire lo sviluppo di questa industria culturale serve solo «un percorso di condivisione con la città. Sono importanti anche le altre realtà locali, dal commerciante all’albergatore al ristoratore, se condivide l’obiettivo di dare un buon servizio al turista, perché solo con un’offerta di qualità si cresce. Si deve fare un passo avanti rispetto alla vecchia mentalità di “spennare” lo straniero con prezzi rincarati e servizi peggiori. Al contrario, noi dobbiamo trattare bene il turista, in un sistema di efficienza, ordine e pulizia, perché lui – esattamente come noi italiani quando siamo in visita fuori – fotografa immediatamente ciò che non va, e non ritorna più».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. recarlos79 says:

    la rinascita? a chi gestisce tale sito dargli in gestione anche caserta, pompei e i fori imperiali. e per i loro dipendenti abolizione dell’art. 18.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova Multistrada 1260 cambia radicalmente con le novità che riguardano circa il 30% del progetto; smussa gli spigoli vivi del motore precedente motore e guadagna nella guida ora più fluida e rotonda meno reattiva.

L'articolo Prova Ducati Multistrada 1260 proviene da RED Live.

Per le piccole inglesi supersportive è già tempo di pista. Al freddo dell'autodromo di Cremona partono i primi test della stagione. Il nuovo calendario prevede anche una trasferta al Paul Ricard. C'eravamo anche noi

L'articolo MINI Challenge, è già 2018 proviene da RED Live.

La 5 porte giapponese saluta da lontano le quattro generazioni che l’hanno preceduta, mostrando linee più slanciate e tante possibilità di personalizzazione. Si dota inoltre di dispositivi di controllo appannaggio di auto di segmento superiore. Prezzi a partire da 16.700 euro

L'articolo Prova Nissan Micra N-Connecta IG-T proviene da RED Live.

In Spagna lo conoscono tutti, da noi fa sussultare chi negli Anni 70 e 80 sognava il Lobito oppure aveva negli occhi l’inconfondibile colore blu di Pursang e Sherpa… La stella del marchio spagnolo brillò fino al 1983 per poi spegnersi definitivamente. Nel 2014 il pollice di Bultaco torna però ad alzarsi, grazie a uno […]

L'articolo Prova Bultaco Albero 4.5 proviene da RED Live.

Era dai tempi della Tribeca, uscita di produzione nel 2014, che la Subaru non si cimentava nel tema delle grandi SUV. Un’assenza che, dopo anni di successi negli States, ha penalizzato la Casa nipponica. Ora, però, i jap corrono ai ripari presentando, in occasione del Salone di Los Angeles, la nuova Ascent. Una sport utility […]

L'articolo Subaru Ascent: mai così grande proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download