Google+

Il Nobel alla ricerca sulle staminali adulte mostra che non c’è alcun “macigno” tra scienza e fede

ottobre 10, 2012 Redazione

Bell’editoriale oggi su Avvenire di don Roberto Colombo, che spiega quanto sia ragionevole il metodo di ricerca proposto da Giovanni Paolo II e Benedetto XVI. Altro che Chiesa oscurantista e medioevale

A proposito del Nobel della Medicina a John Gurdon e al collega giapponese Shinya Yamanaka, oggi appare su Avvenire un articolo che aiuta a comprendere come scienza e fede (e il Nobel ai ricercatori delle staminali adulte ne sono splendido esempio) non siano in contraddizione, anzi. A scriverlo è don Roberto Colombo, professore della facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Cattolica e direttore del Centro per lo Studio delle Malattie Ereditarie Rare. Un testo interessante, che aiuta anche a capire tutta l’attualità della posizione cristiana, ancora oggi messa in discussione in Francia.

Già il titolo (“I limiti etici non frenano ma fanno volare più in alto la ricerca”) è di per sé significativo, e sviluppando il suo ragionamento Colombo scrive: «Il riconoscimento di un traguardo della ricerca, ancor più se autorevole come il premio Nobel, ricorda a tutti il valore della scienza quale grande avventura della mente umana e potente strumento per una conoscenza lucida e profonda della natura, delle sue leggi e delle opportunità che queste ci offrono per addentrarci nei segreti della vita e del mondo, sino a lambire la soglia del Mistero. Come ha ricordato Benedetto XVI nel maggio scorso, “si può dire che lo stesso impulso alla ricerca scientifica scaturisce dalla nostalgia di Dio che abita il cuore umano”. Per questo “luogo sorgivo che la ricerca scientifica condivide con la ricerca di fede, scienza e fede hanno una reciprocità feconda, quasi una complementare esigenza dell’intelligenza del reale”».

ALLARGARE L’ORIZZONTE. Don Colombo insiste sul fatto che è sbagliato pensare che la fede sia un ostacolo nella ricerca scientifica. «Se è vero – scrive – che lo sguardo sulla vita dell’uomo che nasce dalla fede porta il credente ad abbracciare, con evidenza e decisione maggiore, le ragioni del rispetto e della tutela che le sono dovute in ogni circostanza, il limite etico della ricerca sperimentale non costituisce però – né di principio né di fatto – un impedimento alla fecondità della ricerca stessa. Ma, paradossalmente, se accolto come una provocazione ad allargare l’orizzonte della ragione scientifica, esso rafforza la capacità di intelligenza del reale, stimolando l’esplorazione di percorsi della ragione e della sperimentazione forieri di soluzioni alternative per raggiungere il medesimo obiettivo. È, questo, il caso delle ricerche premiate con il Nobel per la Medicina 2012».

DUE PASSI AVANTI. È una questione di ragione illuminata dalla fede, che è sempre stato il faro del ragionamento cristiano sui limiti e le possibilità scientifiche. Non un passo indietro, ma due avanti. lo scrive ancora don Colombo ricordando una frase di qualche anno fa di Karol Wojtyla: «Nel 2000 Giovanni Paolo II ricordava che vi sono strade verso la terapia cellulare di alcune malattie che “non comportano né la clonazione né il prelievo di cellule embrionali, bastando a tale scopo l’utilizzazione di cellule staminali prelevabili in organismi adulti. Su queste vie dovrà avanzare la ricerca, se vuole essere rispettosa della dignità di ogni essere umano, anche allo stadio embrionale”».

MACIGNO? Se quelle parola parvero ad alcuni osservatori un «macigno» che la Chiesa oscurantista e medioevale voleva mettere sulla libera e laica ricerca, altri studiosi, invece, si impegnarono a seguire quel suggerimento che, tra l’altro, teneva conto del laico suggerimento del “principio di precauzione” sulle staminali embrionali. È seguendo questa linea che si è arrivati al Nobel a Yamanaka.
«Nell’incontro tra scienza e fede – conclude Colombo – la ragione prende le ali verso nuovi orizzonti, sempre più ampi, nei quali i limiti posti dell’etica sono l’occasione per imprese più ardite dell’intelligenza, “senza mai perdere la giusta umiltà, il senso del proprio limite – come ha detto Benedetto XVI –. In tal modo la ricerca di Dio diventa feconda per l’intelligenza, fermento di cultura, promotrice di vero umanesimo, ricerca che non si arresta alla superficie”».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download