Google+

«Il nemico numero uno dell’Inter sono i lamentosi tifosi nerazzurri»

luglio 5, 2012 Carlo Candiani

Intervista a Gian Luca Rossi, esperto interologo di Telelombardia: «Non è vero che solo all’Inter non sanno lavorare. Si parla tanto di anti-interismo, ma i peggiori anti-interisti sono proprio i tifosi nerazzurri».

In tempi di spending review, l’unica squadra italiana di calcio che sembra accogliere la filosofia dei tagli è l’Inter di Massimo Moratti. Il fair play finanziario incombe e i tifosi del biscione sono in agitazione. Cosa sta accadendo al Moratti spendaccione sempre e comunque? «Ma scusate, non erano i tifosi dell’Inter a chiedere a Moratti di fare piazza pulita dei vecchi?» si chiede Gian Luca Rossi (nella foto), giornalista “interologo” di Telelombardia. «Il tifoso dell’Inter è meglio perderlo che trovarlo. Per due anni mi sono sentito dire: Lucio ormai è vecchio. E adesso che ha rescisso il contratto, con gran risparmio per le casse dell’Inter, non va bene perché giocherà alla Juve».

Svecchiare va bene ma sembra manchi una strategia generale. Anche perché Branca si fa soffiare tutti i giocatori.
Non mi sembra che gli altri abbiano preso chissà chi. Asamoah probabilmente non interessava; Isla l’Inter non riteneva che valesse quindici milioni di euro. Siamo appena al quattro luglio. Lavezzi a trenta milioni era una follia, ma non l’ha preso nessuna italiana. Siamo troppo negativi.

I giocatori non vengono acquistati perché non interessano. Non sarà la storia della volpe e l’uva?
Magari alla fine arriva Handanovic, magari arriva Destro, magari arriva Silvestre, oggi sbuca fuori la suggestione Cavani, che penso rimarrà tale. Questo sarà forse l’ultimo anno di Branca che, ricordiamolo, ha già riscattato Guarin e preso Palacio, che viene considerato un giocatore inutile ma è tra i primi cannonieri del nostro campionato, ha fatto venti gol come Milito.

Julio Cesar non viene trattato un po’ a pesci in faccia?
Non mi pare che Del Piero o i milanisti della vecchia guardia siano andati via coi sorrisi. Anch’io non cederei Julio Cesar, per riconoscenza, ma guadagna quattro milioni e mezzo a stagione e tutto ciò è ormai insopportabile. Inoltre, nel caso specifico, ci sono perplessità fisiche. E poi nelle rivoluzioni ci sono sempre “morti e feriti”.

Va bene così allora?
Se i tifosi interisti aspettano ancora Rooney, Cristiano Ronaldo o Messi vuol dire che non hanno capito niente.

Perché i giocatori “sbolognati” dall’Inter vanno dalle dirette rivali, come Lucio o, dicono, Julio Cesar?
Di Cesar al Milan non ci credo, ha un ingaggio troppo alto. Tutti sbraitano da un anno che Lucio è scoppiato, non vedo quindi perché ora dovrebbero lamentarsi. Questo è il risultato degli errori fatti l’anno scorso, quando sono stati rinnovati contratti che era meglio non rinnovare. Però non è vero che solo all’Inter non sanno fare il loro mestiere. Si parla tanto di anti-interismo, ma i peggiori anti-interisti sono proprio i tifosi nerazzurri.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. michele scrive:

    l’anno scorso solo il miracolo della resurrezione di san-milito-martire-all’-attacco ha evitato che l’inter lottasse per la retrocessione – quest’anno ce la possono finalmente fare : anche l’inter in serie B!!
    N.B. ricordiamo che dopo il triplete Moratti non volle vendere Milito Maicon e Sneijder per oltre 100 milioni
    adesso Maicon lo danno via a parametro zero !!…che fior di programmazione !!

  2. Luca scrive:

    E secondo il dottor Rossi gli interisti dovrebbero lamentarsi della schifosa campagna acquisti del Milan o desiderare di gestire le cose come l’Udinese che, con 4 soldi, resta competitiva tutto l’anno con le grandi e pure in Europa fa la sua porca figura?
    Noi facciamo schifo ma anche gli altri (alcuni!!!) quindi tutto bene?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana