Google+

«Il modello europeo di welfare è un disastro. E Obama vuole importarlo in America»

luglio 30, 2012 Redazione

Parla Arthur Brooks, ideologo e dirigente del American Enterprise Institute: «Il vostro “welfare” assistenzialista, costosissimo e insostenibile, non è servito a far sentire i popoli soddisfatti».

Barack Obama maschera le vere ragioni per cui teme il tracollo dell’Unione Europea. «Il fallimento del modello europeo al quale lui si ispira lascia la presidenza democratica nuda, senza una proposta credibile». A dirlo è Arthur Brooks, ideologo e dirigente del American Enterprise Institute, punto di riferimento per la campagna elettorale repubblicana, intervistato da Massimo Gaggi sulle pagine odierne del Corriere della Sera.

Il tema è l’assistenzialismo, modello di statalismo più comune in Europa e che Obama cerca di trasportare negli Usa, soprattutto attraverso l’Obamacare, la contestata e approvata riforma sanitaria che prevede l’obbligatorietà dell’assicurazione sanitaria. Sul sistema di “welfare” europeo, che tanto piace ad Obama, la polemica di Brooks è aspra: «Importarlo porterebbe anche l’America al disastro: per questo ci sentite così animosi. Per questo siamo duri contro Obama. E non è solo una questione economica: almeno il vostro “welfare”, costosissimo e insostenibile, fosse servito a far sentire i popoli soddisfatti. E invece no: lo Stato-balia ha reso la gente ancor più infelice».

«Qui parliamo di un presidente che non riesce a capire – continua – che il successo dell’America e la sua superiorità morale sono frutto della libertà e dello spirito d’impresa. Per lui ridistribuire è più importante che creare nuova ricchezza. Parla sempre di interventi pubblici, ha in mente uno Stato socialdemocratico. Non è sovietico, d’accordo. Ma è svedese. Per lui “fair”, giusto, non è premiare chi osa ma garantire con le tasse un livellamento dei redditi. È la malattia che sta uccidendo Grecia e Spagna, e che lambisce anche l’Italia».

Poi un affondo su Italia e Spagna: «Se è lo Stato a doversi occupare dei vecchi e anche dei giovani, non ti senti responsabile, tiri i remi in barca: ecco la mentalità assistenzialista. Un aiuto alla famiglia? Macché, addirittura la indebolisce: Italia e Spagna, culle del cattolicesimo, hanno i più bassi tassi di fertilità d’Europa. E lo dico da cattolico».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. francesco taddei scrive:

    io da cattolico mi domando come si possa preferire investire sulle armi e non assicurare una sanità per tutti. visto che esiste una regione in cui la sanità è un modello, sia per efficienza che per costi, mi domando quei poveracci di americani che non possono permettersi l’assicurazione sanitaria o che la perdono se perdono il lavoro sono colpevoli di essere poveri?

  2. PAOLO DELFINI scrive:

    IL PARTITO DI OBAMA O I REPUBBLICANI, ADESSO CAPISCO PERCHE TANTISSIMI AMERICANI NON VANNO A VOTARE!

  3. alessandra piccinini scrive:

    Obama (13 luglio): “se abbiamo un’impresa, se abbiamo successo e siamo ricchi forse non dipende tutto e solo dalla nostra bravura e intelligenza personale ma anche dal lavoro di altri prima di noi che hanno costruito strade e ponti e dal governo che ha investito nella ricerca su internet per esempio.

    Arthur Brooks (14 luglio): “(per i democratici) il successo è il risultato di uno sforzo collettivo. I conservatori preferiscono invece credere che il succeso derivi dallo sforzo dell’inviduo….. Ciò che muove la libera impresa e tutto il sistema capitalista non è l’avidità, ma il desiderio del meritato successo personale”.
    Ora mi chiedo quale di queste due visioni della società e dell’individuo vi sembra più vicino all’ideale cristiano (tanto per intenderci quello della fratellanza, del “beati gli ultimi che saranno i primi”, della scenata davanti ai mercanti nel tempio, eccetera, eccetera)?
    Risposta sbagliata!!
    I ciellini americani appoggiano il calvinista Brooks e voteranno Romney.
    Perchè? Ancora per quella storia della pillola e dei matrimoni gay appoggiati da Obama?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana