Google+

Il mio babbo Claudio Chieffo che riesce ancora a “farmi sentire come nato ieri”

agosto 19, 2012 Martino Chieffo

A cinque anni dalla scomparsa del grande cantautore, pubblichiamo una lettera del figlio Martino. “Mi piace cantare le sue canzoni, perché è l’occasione in cui le canzoni sbattono contro le persone e generano un incontro”

Un poeta sì, e un cristiano. Il fatto, però, è che mi manca mio padre. Da 5 anni, mi manca mio babbo. Al di là di tutte le cose belle che di lui si possono scrivere. Al di là di tutte le cose belle che lui ha scritto.

Mi manca quell’uomo con le sue auto scassate, tutte di 4° o 5° mano, a GPL, tutte “grandi occasioni” che poi si rivelavano fregature perché dopo pochi mesi ogni volta che ti fermavi ad un incrocio si spegnevano.

Mi manca quell’uomo buono, genuino e ingenuo (naif direbbe Gaber), con tutte le fregature che ha preso. Quando diceva “no, lui è un amico, di lui ti puoi fidare” ottanta volte su cento “l’amico” ti tirava un pacco (a parte quelli veri).

Quell’uomo che pur non essendomi rivelato io il figlio che aveva in mente e pur non capendo le mie scelte mi accompagnava, prendendo su e portandomi (con una delle famose auto d’occasione) fino a Linate per prendere un aereo e andare a fare l’Erasmus.

Quell’uomo che, talvolta sorridendo, talvolta con sguardo preoccupato e talvolta involontariamente allibito, ascoltava i miei “progetti” e, a suo modo, faceva qualcosa affinché io potessi perlomeno provarci.

Il fatto è che mi manca proprio mio babbo, come manca a tutti coloro che lo “perdono”, non importa a che età.

Si dà il caso che il mio babbo poi avesse oggettivamente un dono speciale (ma ogni padre, giustamente, ne ha uno agli occhi del figlio). Il dono di scrivere cose come “Ma Tu, Tu solo puoi, riempire il vuoto della mia mente, aprire il cuore di chi non sente. E poi giocare, coi miei pensieri, farmi sentire come nato ieri.” (Liberazione n. 2). E quel tu cui si rivolge è Dio. Non è un tu generico e non è un Dio generico, è il suo Dio. Quello cui desiderava correre incontro alla fine del suo viaggio.

Qualche settimana fa, dopo un concerto, una ragazza quasi piangendo mi ha chiesto di spiegarle meglio quel ritornello (di Liberazione n. 2). Lei pensava che dicesse che Dio si prende gioco dei nostri pensieri, come ci si può prendere gioco dei pensieri semplici di un bambino, considerandoli poco importanti. Ho cercato di spiegarle che la canzone dice esattamente il contrario ma non trovavo il filo e alla fine ho potuto solo abbracciarla forte. Solo rientrando in auto di notte ho trovato le parole giuste.

Ora, io non ho la fede assoluta che aveva lui in questo Dio. Anzi sono ancora un po’ arrabbiato con questo Dio che, se aveva ragione mio babbo, lo ha scelto come un privilegiato donandogli la malattia e poi chiamandolo a sé. “Ok ok lo so che capisci ma sono io che non capisco cosa dici” … “ma chissà se cambierà oh non so se in questo futuro nero buio forse c’è qualcosa che ci cambierà” (Henna – Dalla).

Mi piace pensare che “mio padre in fondo aveva anche ragione” (L’avvelenata – Guccini) e mi piace pensare a Dio che gioca con i miei pensieri. Quei pensieri che sembrano schiacciarmi perché così cupi, inquieti, spesso angoscianti. Quante preoccupazioni, ogni pensiero è una preoccupazione. E tutto sembra sempre così ingarbugliato. Ma Dio vede il mio ingarbugliamento e, paternamente, li ascolta e ne sorride (così come spesso faceva mio babbo con me). E Dio giocando con i miei pensieri li sbroglia.

Ripeto, non ho la fede assoluta di mio padre, ma desidero fortemente che questo accada, che Dio possa giocare con i miei pensieri, ridando a tutto il giusto peso, sciogliendo i nodi che faccio, liberandomi. Facendomi “sentire come nato ieri”. Facendomi ogni giorno rinascere, con la libertà e la semplicità di un bambino. Facendomi rivedere il senso di tutto, fin da quando ero bambino. Donando un senso nuovo a tutto quello che è accaduto e che accadrà. Schiarendo il cielo cupo del passato e liberando presente e futuro dalle nubi “dei miei pensieri neri” (Un oceano di silenzio – Battiato).

Ecco perché mi piace cantare le sue canzoni, perché cantarle è l’occasione in cui le canzoni sbattono contro le persone, generano un incontro, tornano indietro nella domanda di una ragazza. E cantando insieme, tra parole nuove e strani silenzi scopriamo il senso.

Confido di riuscirci perché, come ho detto, mi manca mio babbo e un senso buono, tutto questo, lo deve avere.

tratto da martinochieffo.com

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Andrea says:

    Non possiamo rinnegare una cosa vista. Martino, la fede assoluta di tuo padre puó restare anche difficile, ma la fede assoluta in tuo padre no, quella è facile perché tuo padre l’hai visto, conosciuto, amato. Lui ti ha amato, amando profondamente Dio, poteva amare veramente te e noi cantavamo con lui di questo amore (in compagnia di un temibile imperatore) quando tu bambino forse non capivi ancora il senso di quelle parole. Noi con te siamo figli del tuo amato babbo, generati dalla veritá e dalla bellezza delle sue canzoni. Ho ancora negli occhi (e nel cuore, come direbbe lui) l’abbraccio forte tenero e profondo che ci ha regalato qui a Rimini nell’ultimo suo spettacolo al Meeting. E noi, tutti, il popolo nel quale lui è cresciuto e del quale ha sempre cantato, a nostra volta abbiamo abbracciato lui. Non avere paura, diceva a te e a noi, non avere paura Martino, in fondo a questa meravigliosa strada ci aspetta per non smettere più di cantare. Ci aiuti la nostra amicizia a percorrerla fino in fondo. Un abbraccio da tuo fratello,
    Andrea

  2. alessandra piccinini says:

    Caro Martino,
    non ti conosco ma ho conosciuto casualmente tuo padre quando ero bambina. Mi regalò un suo disco che ascoltavo continuamente e che avevo imparato a memoria. Non so che cristiano sia stato (sinceramente io queste cose non le capisco proprio) ma come uomo mi sembrava veramente speciale e a sentire come ne parli credo che di non essermi sbagliata. Beato te!

  3. Grazie Andrea e Alessandra per le vostre parole.
    m

  4. gabriele says:

    Ho conosciuto casualmente Claudio ad un concerto a Lissone,ancora adesso,quando il coro,alla fine della Messa mensile della confraternita a S. Valeria di Seregno ci fa cantare l’Ave Maria,mi comuovo.
    Ringrazia Dio di aver avuto un Padre così sensibile.Ancora adesso mentre scrivo ascolto le sue canzoni.
    Un forte abbraccio.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.

A Mandello del Lario sono attesi migliaia di appassionati del marchio, per un lungo weekend a base di divertimento, test e grandi anteprime

L'articolo Moto Guzzi Open House, 7-9 settembre 2018 proviene da RED Live.

Dettagli scuri e connettività Android Auto ed Apple CarPlay per la piccola del Leone un po' speciale

L'articolo Peugeot 208 Black Line, edizione limitata in salsa dark proviene da RED Live.