Google+

Il ministro Boschi: «Barracciu non si dimette»

marzo 5, 2014 Chiara Rizzo

Il ministro per i Rapporti col Parlamento, risponde all’interrogazione dell’M5S sulla sottosegretario sarda indagata per peculato: «Il governo non chiede dimissioni sulla base di un avviso di garanzia»

È un avvocatessa agguerrita in difesa della presunzione di innocenza, la Maria Elena Boschi, ministro dei Rapporti col Parlamento (ma anche, prima dell’incarico, avvocato), che ha risposto al question time alla Camera: «Il governo non chiede dimissioni di ministri o sottosegretari sulla base di un avviso di garanzia».

IL CASO BARRACCIU. Oggi il Movimento 5 stelle, altrettanto agguerrito sostenitore del giacobinismo politico, ha presentato un’interrogazione parlamentare relativa al neo sottosegretario Francesca Barraciu. Rispondendo all’interrogazione, Boschi ha precisato che sì, «Al momento la dottoressa Barracciu risulta iscritta nel registro degli indagati». Ma quindi Boschi ha spiegato: «il sottosegretario Barracciu ha acquisito negli anni una notevole esperienza polita ed amministrativa arricchita anche dall’esperienza al Parlamento europeo: fattori che le consentiranno di dare un contributo al governo. Al momento la dottoressa Barracciu risulta iscritta nel registro degli indagati. Il governo non chiede le dimissioni di ministri e sottosegretari sulla base di un avviso di garanzia. Abbiamo giurato sulla Costituzione, che contempla il principio fondamentale della presunzione di innocenza; l’avviso di garanzia è un atto dovuto a tutela dell’indagato e non una anticipazione della condanna. Il procedimento si trova nella sua fase preliminare e lo stesso sottosegretario ne ha chiesto una accelerazione. All’esito il governo valuterà se chiederne le dimissioni».

POLEMICHE POLITICHE. Paola Barracciu, neo sottosegretario alla Cultura, era stata la vincitrice delle primarie Pd in Sardegna per la candidatura alle ultime regionali, ma era stata costretta a ritirarsi quando era venuta fuori l’indiscrezione che fosse indagata, come ha confermato in effetti oggi Boschi, per presunto peculato (33mila euro in note spese non certificati) che avrebbe commesso all’epoca in cui era consigliere regionale sarda, cioè fino al 2013. La polemica su Barracciu è soprattutto politicamente legata alle dimissioni appena presentate dal sottosegretario Antonio Gentile, di Ncd, presentate ieri dopo la bufera sulle sue presunte pressioni al quotidiano Calabria Ora, e accolte subito dal premier Renzi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana