Google+

Il Manchester si quota in borsa. Basterà a colmare il buco di 423 milioni di sterline?

luglio 5, 2012 Emmanuele Michela

Se vi è capitato di vedere qualche partita del Manchester United negli ultimi anni avrete certamente notato una singolare presenza di sciarpe verde-oro, decisamente poco in tono con il rosso fiammante delle jersey dei Red Devils. Quei colori – che richiamano le maglie del Newton Heath, club dal quale nacque lo United a fine Ottocento […]

Se vi è capitato di vedere qualche partita del Manchester United negli ultimi anni avrete certamente notato una singolare presenza di sciarpe verde-oro, decisamente poco in tono con il rosso fiammante delle jersey dei Red Devils. Quei colori – che richiamano le maglie del Newton Heath, club dal quale nacque lo United a fine Ottocento – negli ultimi sette anni sono diventati l’espressione della protesta mancunians al proprietario statunitense della società, Malcolm Glazer. “Love United, Hate Glazer”. Lo slogan parla chiaro: da quelle parti a tanti non è mai andato giù l’acquisto che l’uomo d’affari americano fece nel 2005 della società inglese. Il motivo? La conduzione tutt’altro che virtuosa delle trattative di 7 anni fa, quando Glazer soddisfò i 525 milioni di acquisizione del club chiedendo solo prestiti alle banche (per altro a tassi decisamente sostenuti), e riversando poi parte del debito creatosi nelle casse del club. Insomma, la famiglia statunitense (già proprietaria della franchigia di football americano dei Tampa Bay Bucaneers) si è messa a capo del Manchester senza sborsare un centesimo di tasca sua, ma accumulando solo un passivo inserito poi nei bilanci della squadra. In questi anni quella voce di protesta non si è mai zittita e qualche tifoso si è pure staccato dal club storico, fondando lo United of Manchester, squadra nata nel 2005 e sostenuta dall’iniziativa di alcuni tifosi anti-Glazer.

Ma dopo sette anni di dirigenza a stelle e strisce, quel gap economico iniziale stenta a rimarginarsi (quest’anno si è attestato a 423 milioni di sterline), e quindi ecco che i Red Devils hanno dato l’annuncio: il titolo del club sarà quotato alla borsa di New York. In questo modo la famiglia Glazer cercherà di erodere parte del debito, rimanendo comunque proprietaria a tutti gli effetti della squadra, poiché si dice, la quotazione verrebbe configurata tramite due tipi di azioni: a titoli A, messi in vendita in borsa e del valore di un voto, verrebbero affiancati quelle ben più pesanti di tipo B, 10 volte più validi, che la famiglia americana auto-consegnerebbe alle proprie tasche. L’offerta pubblica iniziale, che nelle scorse settimane si vociferava aggirarsi intorno al miliardo di dollari, ora è calata a 100 milioni, e a questa decisione si è affiancata anche quella di spostare la sede della nuova Ltd nel paradiso fiscale delle Isole Cayman.

Non è la prima volta che i Red Devils vengono quotati in borsa: per diverso tempo le loro azioni sono state in vendita presso il London Stock Exchange, prima che nel 2005 arrivasse appunto la famiglia Glazer. Club con un seguito mastodontico soprattuttto nei paesi asiatici, nella classifica redatta dalla rivista Forbes il Manchester è la seconda squadra per importanza, alle spalle solo del Barcellona, mentre, stando alle graduatorie di Deloitte nella Football Money League, gli introiti del 2010-11 dei Red Devils sono pari a 367 milioni di euro e gli valgono il terzo posto, alle spalle dei colossi spagnoli. Cifre astronomiche, frutto di diritti tv, merchandising, entrate dalla proprietà dell’Old Trafford e della enorme popolarità che il club ha in tutto il mondo. Basterà tutto questo a colmare quel buco che i Glazer si portano dietro?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana