Google+

Il Grasso siciliano che cola su Renzi

marzo 17, 2017 Giuseppe Alberto Falci

Raccontano che all’ex sindaco di Firenze preoccupa una eventuale vittoria dei cinquestelle in Sicilia. Per questo sta pensando al presidente del Senato

pietro-grasso-senato-ansa

L’ultima trovata per vincere le elezioni regionali siciliane – primo vero test prima delle politiche del 2018 – Matteo Renzi l’avrebbe tirata fuori dal cilindro davanti ad alcuni interlocutori qualche giorno fa: «Ho in mente la strategia per vincere in Sicilia». O meglio era un’idea di cui si è molto parlato negli ultimi mesi e che adesso potrebbe diventare realtà. Un’idea che ha un nome e un cognome di peso e che riporta a quel Senato che l’ex segretario del Pd avrebbe voluto riformare se non addirittura rottamare.

«Vorrei farne un museo», disse nei giorni della approvazione della riforma costituzionale. Dalla seconda camera dello Stato potrebbe uscire il nome del candidato a palazzo d’Orleans. Si tratta di Pietro Grasso, oggi presidente del Senato, magistrato di Palermo negli anni delle stragi di Cosa Nostra, un simbolo antimafia riconosciuto da tutto l’arco costituzionale. Al punto che nel 2013 venne scelto da Pier Luigi Bersani per mettere in difficoltà il M5s e per provare a costruire le basi del «governo del cambiamento».

Già, il M5s. Raccontano che all’ex sindaco di Firenze preoccupa una eventuale vittoria dei cinquestelle in Sicilia. Anche perché, confida l’ex premier ai suoi, «se avessero la meglio nell’isola avrebbero la strada spianata per le elezioni politiche». Da sempre definita una regione laboratorio per la politica nazionale, la Sicilia sarà il primo vero test prima del ritorno alle urne del febbraio prossimo.

Al momento, secondo diversi istituti di ricerca, nell’isola si prefigura un testa a testa fra il movimento di Grillo e il rinato centrodestra di Silvio Berlusconi. Il Pd invece paga l’esperienza del governo Crocetta, che non ha brillato in questi cinque anni, e, soprattutto, non è riuscito ad individuare un profilo in grado di conquistare l’opinione pubblica siciliana.

Fonti accreditate spiegano a Tempi che i nomi circolati nell’ultimo anno e mezzo, dal renziano Davide Faraone al sindaco di Catania Enzo Bianco, «risultano divisivi all’interno del Pd siciliane, pensate se fossero scelti come candidati alla presidenza». Ecco perché Renzi intende anche questa volta sparigliare le carte e puntare su un nome della levatura di Pietro Grasso. «È amato dai siciliano, è un nome che ricorda i fasti di Falcone e Borsellino».

Una posizione condivisa anche da Angelino Alfano. I due infatti starebbero ragionando in questi termini. «Con Grasso siamo competitivi», affermano entrambi a taccuini chiusi. L’idea del duo Alfano-Renzi sarebbe quella di costruire attorno al presidente del Senato una coalizione di «centro-centrosinistra» in grado di sfondare fra gli elettori di Beppe Grillo ma anche fra in quell’elettorato moderato siciliano che da più di venti anni è legato al verbo del Cavaliere. Risponderà alla chiamata il presidente del Senato?

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

Sino a pochi anni fa parlare di auto a guida autonoma era credibile quanto prevedere lo sbarco degli alieni sulla Terra o aderire alla religione dei pastafariani che, per inciso, credono in un creatore sovrannaturale somigliante agli spaghetti con le polpette. Questo almeno sino a ieri, dato che oggi, con l’immissione sul mercato delle prime […]

L'articolo Guida autonoma: quanto ne sai? proviene da RED Live.

Ennesimo capitolo della Saga Monster, l’821 2018 si adegua all’Euro4 ed eredita le peculiarità stilistiche della sorella maggiore 1200. Più snello e slanciato torna all’essenzialità originale del primo Monster

L'articolo Ducati Monster 821 my 2018, come eravamo proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download