Google+

Il Grasso siciliano che cola su Renzi

marzo 17, 2017 Giuseppe Alberto Falci

Raccontano che all’ex sindaco di Firenze preoccupa una eventuale vittoria dei cinquestelle in Sicilia. Per questo sta pensando al presidente del Senato

pietro-grasso-senato-ansa

L’ultima trovata per vincere le elezioni regionali siciliane – primo vero test prima delle politiche del 2018 – Matteo Renzi l’avrebbe tirata fuori dal cilindro davanti ad alcuni interlocutori qualche giorno fa: «Ho in mente la strategia per vincere in Sicilia». O meglio era un’idea di cui si è molto parlato negli ultimi mesi e che adesso potrebbe diventare realtà. Un’idea che ha un nome e un cognome di peso e che riporta a quel Senato che l’ex segretario del Pd avrebbe voluto riformare se non addirittura rottamare.

«Vorrei farne un museo», disse nei giorni della approvazione della riforma costituzionale. Dalla seconda camera dello Stato potrebbe uscire il nome del candidato a palazzo d’Orleans. Si tratta di Pietro Grasso, oggi presidente del Senato, magistrato di Palermo negli anni delle stragi di Cosa Nostra, un simbolo antimafia riconosciuto da tutto l’arco costituzionale. Al punto che nel 2013 venne scelto da Pier Luigi Bersani per mettere in difficoltà il M5s e per provare a costruire le basi del «governo del cambiamento».

Già, il M5s. Raccontano che all’ex sindaco di Firenze preoccupa una eventuale vittoria dei cinquestelle in Sicilia. Anche perché, confida l’ex premier ai suoi, «se avessero la meglio nell’isola avrebbero la strada spianata per le elezioni politiche». Da sempre definita una regione laboratorio per la politica nazionale, la Sicilia sarà il primo vero test prima del ritorno alle urne del febbraio prossimo.

Al momento, secondo diversi istituti di ricerca, nell’isola si prefigura un testa a testa fra il movimento di Grillo e il rinato centrodestra di Silvio Berlusconi. Il Pd invece paga l’esperienza del governo Crocetta, che non ha brillato in questi cinque anni, e, soprattutto, non è riuscito ad individuare un profilo in grado di conquistare l’opinione pubblica siciliana.

Fonti accreditate spiegano a Tempi che i nomi circolati nell’ultimo anno e mezzo, dal renziano Davide Faraone al sindaco di Catania Enzo Bianco, «risultano divisivi all’interno del Pd siciliane, pensate se fossero scelti come candidati alla presidenza». Ecco perché Renzi intende anche questa volta sparigliare le carte e puntare su un nome della levatura di Pietro Grasso. «È amato dai siciliano, è un nome che ricorda i fasti di Falcone e Borsellino».

Una posizione condivisa anche da Angelino Alfano. I due infatti starebbero ragionando in questi termini. «Con Grasso siamo competitivi», affermano entrambi a taccuini chiusi. L’idea del duo Alfano-Renzi sarebbe quella di costruire attorno al presidente del Senato una coalizione di «centro-centrosinistra» in grado di sfondare fra gli elettori di Beppe Grillo ma anche fra in quell’elettorato moderato siciliano che da più di venti anni è legato al verbo del Cavaliere. Risponderà alla chiamata il presidente del Senato?

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un accessorio può fare la differenza? Snob Milano, giovane realtà della provincia di Varese, ne è convinta. E difatti rimpolpa il suo catalogo, già ricco di occhiali da sole e da vista, con le due nuove maschere da moto Café Bubble e Café Flat, ricercate nel design e nei contenuti tecnici.  I punti in comune  Amate […]

L'articolo Snob Milano Café Bubble e Café Flat proviene da RED Live.

Il Wörthersee Meeting, vale a dire il più grande raduno tuning dedicato alle vetture del Gruppo VW, è da sempre una ghiotta occasione per i dipendenti della Casa tedesca per mostrare al mondo delle concept che, spesso, anticipano i modelli destinati a entrare in produzione. Così è avvenuto per la Golf GTI Clubsport. E così […]

L'articolo VW Golf GTI First Decade: la prima volta dell’ibrido proviene da RED Live.

La SUV nipponica si rinnova puntando su di una linea aggressiva e un telaio dalla superiore rigidità torsionale. Confermata la gamma motori che ai benzina 2.0 e 2.5 vede affiancarsi un 2.2 td. Debutta il sistema G-Vectoring Control.

L'articolo Mazda CX-5: a me gli occhi proviene da RED Live.

Compatta, anzi compattissima, e a zero emissioni. La e.Go Life rappresenta ad oggi il progetto più concreto di city car elettrica “indipendente”, vale a dire nata fuori dalla sfera di controllo dei grandi costruttori. Una vettura che fa dell’economia il proprio fiore all’occhiello, dato che in Germania è già ordinabile con prezzi a partire da […]

L'articolo e.Go Life: indipendenza elettrica proviene da RED Live.

Era arrivato il momento… In effetti dalla presentazione del Diablo Scooter sono passati dodici anni: correva l’anno 2005 e ad oggi l’evoluzione dei mezzi è stata incredibile, soprattutto in termini di prestazioni. Per Pirelli si è trattato di un investimento importante che ha dato due frutti che coprono la quasi totalità di tipologie di scooter presenti […]

L'articolo Prova Pirelli Angel e Diablo Rosso scooter proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana