Google+

Il genio ebraico e la gente del sud

aprile 14, 1999 O'Connor Flannery

L’ascia nel cuore

Cara Flannery O’Connor, proviamo a capirci. A Lei non va bene che i lettori vadano alla ricerca di una soluzione sia pure minima ai problemi del mondo, che Lei ritiene sostanzialmente enormi. A Lei non va bene che qualcuno possa ricercare un modo di vivere meglio, senza doversi sentire colpevole a tutti i costi. Per Lei l’uomo non può mai stare in piedi da solo perché “da quando è caduto” non può più agire. Lei cerca di estendere la Sua religione, rispettabilissima, a ogni parte del nostro universo, senza cercare di limitarsi almeno un po’ nelle scelte. Lei è un’universalista antiprogressista. Che Lei sia una donna del Sud degli Stati Uniti (il Sud schiavista e sconfitto nella guerra di secessione), e in quanto tale un’inguaribile reazionaria, mi pare perciò piuttosto evidente. Tutto questo diviene nei Suoi racconti una sorta di lugubre terrore. E’ vero che il pensiero progressista sembra essere oggi in crisi, ma nella cultura di oggi, a ben guardare, è invece sulla breccia, magari nella versione cattolica, che si esprime nel volontariato, nella serenità del vivere, nella politica come nobile servizio. Per me l’uomo è imperfetto ma può perfezionare almeno la sua vita sulla terra. Perché non si occupa della soluzione dei problemi della gente normale, di chi va in ufficio tutti i giorni, di chi ha ben chiara una definizione della fede e cerca di adeguarsi a quella nelle circostanze del mondo?

Santina Sima – Binasco (MI) Carissima Santina, Io intendo la religione come universale perché opposta alla settaria, cattolica in quanto opposta a parrocchiale. La nozione di perfettibilita dell’uomo proviene all’incirca dal tempo dell’illuminismo nel 18° secolo. E questo è ciò a cui il Sud degli Stati Uniti si è tradizionalmente opposto. Quando scrivo “Da quando siamo caduti…” intendo parlare della caduta di Adamo, della perdita dell’innocenza, della grazia santificante. Il Sud, in altre parole, crede ancora che l’uomo sia caduto e che è perfettibile solo ad opera della Grazia, non per i propri sforzi senza aiuto. Il pensiero dei Liberali è invece che l’uomo non è mai caduto, che non ha mai conosciuto la colpa, e che può divenire infine perfetto attraverso il proprio sforzo. Perciò, il male per questa concezione è solo un problema di case migliori, di migliori condizioni igieniche, salute, ecc.., e tutto il mistero dovrà essere a suo luogo chiarito. Un giudizio non si potrà dare perché l’uomo non è mai responsabile. Ovviamente vi sono gradi diversi di adesione a tali concezioni, ogni sorta di sottolineatura particolare, ma questa è la direzione verso cui il mondo moderno si dirige. Fu intorno al 1919 che Menken definì il Sud la “Bible Belt”, e il Sahara delle Belle Arti. Oggi, la letteratura del Sud è famosa in tutto il mondo, ma il Sud è sempre la “Bible Belt”. La nonna di Sam Jones lesse la Bibbia trentasette volte stando in ginocchio. E il Sud rurale e di provincia, nonché parte di quello metropolitano, è composto dai discendenti delle anziane signore come lei. Non basta il trascorrere di alcune generazioni per scrollarsi di dosso la loro influenza. Il genio ebraico nel rendere concreto l’assoluto ha perciò condizionato il modo di vedere le cose della gente del Sud. La nostra reazione nei confronti della vita sarà diversa se ci hanno inculcato soltanto una definizione della fede o se abbiamo tremato insieme ad Abramo che levava il suo coltello su Isacco. Odio pensare che tra vent’anni anche gli scrittori del Sud potrebbero scrivere di uomini in completo di flanella grigio e aver perso la capacità di vedere che quei signori sono ancora più anormali di quelli da noi descritti ora. E della nonna di Sam Jones. Con tanto affetto Flannery O’Connor

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.