Google+

Il Gattopardo d’Algeria

luglio 14, 1999 Micalessin Gian

Cartolina da Algeri

Cinquemila prigionieri politici amnistiati lunedì scorso e un comunicato che esprime la volontà di dare una soluzione pacifica ai sette anni di guerra civile. Il presidente algerino Abdelaziz Bouteflika sembra deciso a stupire il mondo. Eletto lo scorso aprile in un’elezione senza avversari, era apparso come la figura di facciata scelta dai clan di generali che da sempre detengono l’essenziale del potere in Algeria. Dopo le ultime mosse può sembrare un vero riformatore, ma è solo apparenza: Bouteflika sta semplicemente facendo quello che il “pouvoir” (la lobby politico-militare da sempre ai comandi) gli chiese quando lo scelse come candidato alla presidenza: mettere la parola fine alla guerra civile e reintegrare il Fis (Fronte di salvezza islamico) nella vita politica del paese. Un copione scritto già due anni fa. Nel settembre 1997 fu il capo di Stato maggiore Mohamed Lamari a concludere una tregua col capo dell’Ais (Esercito di salvezza islamico), il braccio armato del Fis. Quell’accordo portò alla luce la spietata lotta in corso tra il clan filo-francese di Lamari e quello filo-americano dell’allora presidente Zerual. I due gruppi si diedero battaglia a colpi di massacri, scandali e rivelazioni incrociate fino alla disfatta di Zerual costretto, lo scorso settembre, ad annunciare le dimissioni. Dietro vi era la lunga mano del vecchio potere coloniale francese. Da tempo Parigi si era resa conto dell’impossibilità di sconfiggere gli islamisti soltanto con la repressione, ed esercitava pressioni sui generali come Lamari, i cosiddetti “eradicateur” favorevoli a una soluzione cruenta della crisi, ma anche fedeli alleati della Francia. In cambio dell’accettazione del piano prometteva a Lamari mano libera nella gestione delle risorse del paese. La Francia ne guadagnava l’uscita di scena della lobby filo-americana di Zerual e del suo braccio destro Mohamed Betchine, impegnato in una complessa manovra per svendere alle compagnie petrolifere Usa i giacimenti algerini. Concessa l’amnistia ai prigionieri politici del Fis, Bouteflika ha già annunciato un provvedimento inteso a garantire l’immunità a tutti i militari accusati di torture, rapimenti, esecuzioni sommarie e altri crimini. Il passo successivo sarà un referendum che chiederà ai cittadini di approvare la riconciliazione nazionale. Tutto il piano sembra essere stato concordato con il leader agli arresti domiciliari del Fis Abassi Madani. Sconfitti militarmente, ma reintegrati nel gioco politico grazie ad un accordo con i loro avversari, gli islamisti sono destinati a giocare il ruolo di un’opposizione istituzionale. Dopo 100mila morti e sette anni di atrocità anche in Algeria ha vinto la politica del Gattopardo: cambiar tutto per non cambiar nulla.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Se siete appassionati di motori e curiosare tra le anteprime – ne sono state annunciate ben 150 – è sicura fonte di piacere, il momento è (quasi) arrivato. Cominciate a cerchiare in agenda una data compresa tra il 9 e il 12 novembre (il 7 e l’8 sono giornate dedicate a operatori e stampa) e […]

L'articolo EICMA 2017, cosa c’è da fare e vedere proviene da RED Live.

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download