Google+

Il fratello di Balotelli va al Gubbio. Difficile faccia peggio di Hugo Maradona

luglio 3, 2012 Emmanuele Michela

Da Max Vieri a Digao, da Jordi Crujiff a Gabriele Graziani, una rassegna di alcuni giocatori dal sangue illustre ma dal valore sportivo decisamente più umile.

La notizia che vuole Enock Barwuah, fratello minore di Balotelli, in partenza con il Gubbio (Prima Divisione) per il ritiro estivo, apre una questione che da sempre attanaglia il calcio: i famigliari dei campioni. Bastano i cromosomi per trasmettere il talento sportivo di padre in figlio? È possibile ereditare dai fratelli maggiori l’abilità nello stare in campo, un po’ come quando in famiglia ci si passa la vecchia giacca che va stretta al più grande?

È una domanda che qualche anno fa mi facevo ogni domenica, quando andavo allo stadio per vedere il Lecco, la squadra della mia città: faticavamo in C1 affidandoci ad un tridente che suonava roboante, Vieri-Altobelli-Savoldi. Tutti parenti ahimé, nessuno original. Max era il fratello del più noto Bobo, a Inter e Milan preferiva Ternana e Ancona, e per avere una carriera internazionale dovette sfruttare le sue origini australiane e farsi convocare, senza troppo successo, coi Soceroos. Gli altri due invece erano figli d’arte, transitati in riva al Lario un po’ per caso (specie il figlio di “Spillo”), a confermare i dubbi sull’effettivo valore di quei giocatori che portano sulle spalle un cognome da campione.

Una perplessità che sicuramente hanno da tanti anni ad Ascoli: era il 1987 quando la squadra marchigiana acquistava un nome che più altisonante non poteva essere, Maradona. Chiaramente non arrivò Diego, ma il leggendario fratello Hugo Hernan. Stesso cognome, stessa classe si pensava. Il Napoli convinse i bianconeri ad aprire il portafoglio: la sola differenza, pareva, sta solo nel piede con cui i due tirano, macino per Diego, destro per il fratello. Ma bastarono 9 mesi per ribaltare ogni giudizio: al termine di una stagione incolore, a giugno Hugo fu tagliato e rispedito in Argentina, col curriculum inspessito dalla bellezza di 0 gol in campionato. Sempre al Del Duca anni dopo apprezzeranno i gol di Eddy Baggio, fratello del Divin Codino: la sua esperienza nelle Marche fu invece particolarmente redditizia, nulla a che vedere con quella di Hugo Maradona, e fu arricchita da ben 23 gol in C1. Ma Eddy non è mai riuscito ad andare oltre la Serie B.

Ma se si parla di fratelli del calcio, come dimenticare i due Inzaghi? Il vizio di fare gol è sempre stata una delle doti di famiglia, seppur nel più giovane Simone si sia facilmente ossidata. Se Pippo ha dato l’addio al calcio tra lacrime e applausi solo pochi mesi fa, il fratello è due anni che ha appeso gli scarpini al chiodo, sebbene in pochi se ne siano accorti. Difficile ricordarsi di lui per quanto messo in mostra in campo, semmai per la storia d’amore con la Marcuzzi. E anche il confronto in cifre parla chiaro: bresaola e pasta al pomodoro sono valsi a Pippo la bellezza di 288 gol, contro i “soli” 90 di Simone, che dalla sua può però vantare il record di essere riuscito a fare 4 reti in una sola partita di Champions League (primato detenuto da pochissimi giocatori).

Ma il nostro campionato ha conosciuto coppie di fratelli spesso molto valide: Filippini, Zenoni, Frey, Lucarelli, Cannavaro… Giocatori che non si sono mai accontentati di veder sbocciare il consanguineo, ma hanno inseguito e ottenuto loro stessi il successo. Non è quanto è capitato però, ad esempio, a casa Burdisso: il fratello di Nicolas, Guillermo, è durato solo una stagione in giallorosso, con due brevi apparizioni nella difesa di Ranieri. Indimenticabile è poi il grandissimo Digao, fratello di Kakà, che Riccardino fece di tutto per averselo vicino a Milano: la bellezza di 2 presenze fu tutto ciò che questo oggetto misterioso seppe regalare a San Siro, per poi partire per una lunga peregrinazione di prestiti (Standard Liegi, Lecce, Crotone, Penafiel). Da vedere è poi Nicolas Cambiasso, il portiere dell’All Boys e fratello del centrocampista nerazzurro: i lineamenti del volto sono identici, diversa è invece la capigliatura, e la dove Esteban deve fare i conti con una precoce calvizie, Nicolas può sfoggare una lunga chioma castana.

Se vogliamo aprire poi la categoria dei figli d’arte, potremmo iniziare con una sfilza di cognomi eterna: da Jordi Cruijff, figlio del grandissimo Johan, a Kasper Schmeichel, portiere del Leicester mai capace di esprimersi ai livelli del padre Peter. Da Gabriele Graziani, erede del grande Ciccio, a Diego Sinagra: è il figlio di Maradona, uno che per emulare il padre tentò anche la carriera nel reality-show “Campioni”, e ora gioca nell’Eccellenza campana. Per Enock Barwuah tanti precedenti scomodi, ma anche una consolazione: peggio di alcuni di questi è davvero difficile fare.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Deshawn Able scrive:

    I just want to mention I am very new to blogging and site-building and really enjoyed you’re web site. Likely I’m planning to bookmark your blog . You surely have awesome articles and reviews. Cheers for sharing your webpage.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana