Google+

Il dittatore nordcoreano Kim Jong-un si è sposato. Ecco perché Video

luglio 26, 2012 Leone Grotti

Oggi l’annuncio che il giovane dittatore è sposato. La moglie è Ri Sol Joo, ex cantante, che ha subito 6 mesi di educazione da first lady. Il matrimonio fa parte di una imponente strategia di immagine.

Nessuno sa quanti anni ha davvero Kim Jong-un, che ha assunto il ruolo di dittatore della Corea del Nord dopo la morte a dicembre del padre Kim Jong-il. Si pensa però che ne abbia 28 o 29. Un po’ pochi, sostengono molti, per guidare un regime comunista che, oltre a governare su una delle popolazione più povere del mondo, dispone anche della bomba atomica. Anche per questo è in atto in quello che è considerato il “buco nero” del mondo un’operazione d’immagine senza precedenti, volta a mostrare Kim Jong-un come una guida saggia, esperta e amante del suo popolo.

L’ultima trovata, in ordine di tempo, il regime coreano l’ha diffusa proprio oggi: Kim Jong-un, che poche settimane fa è stato visto in più occasioni in compagnia di un’avvenente signorina, è sposato. L’agenzia di stampa statale Kcna non dice quando si sarebbe maritato ma rende noto che la ragazza vista al fianco del “leader supremo” è Ri Sol Joo, sua moglie. Che cosa c’è di meglio di un matrimonio per far sembrare il giovane Kim più saggio e navigato di quello che in realtà è? Non solo, per dare l’impressione di essere un leader moderno, molto diverso dal padre che reprimeva duramente il popolo, Kim Jong-un, che studiava in Svizzera fino all’anno scorso, ha sdoganato alcuni simboli occidentali come le minigonne, i personaggi della Disney, le canzoni di Frank Sinatra, le zeppe e i fast-food. Non è chiaro chi in Corea del Nord, che sta passando attraverso una pesantissima stagione di alluvioni, possa permettersi hamburger e patatine. Ma non è questo il punto.

Kim Jong-un deve mostrarsi come un dittatore aperto e amante del suo popolo. Per questo, al contrario del padre, ma proprio come faceva il nonno, si è fatto vedere in più occasioni in giacca e cravatta, come spesso si vestiva appunto Kim Il-sung, il padre della patria, e ha fatto anche diversi discorsi in pubblico (il padre aveva parlato solo una volta). In più, la tv di Stato manda incessanti servizi delle visite di Kim Jong-un ad asili, scuole, parchi giochi e delfinari. Ieri è stata anche diffusa la notizia che il “leader supremo” «ha salvato la vita a 60 persone», inviando prontamente un elicottero a soccorrere 60 nordcoreani che stavano affogando in una delle regioni più alluvionate.


Un leader moderno, insomma, che si prende cura del suo popolo e allo stesso tempo pensa al bene della nazione. Insieme alla campagna di immagine appena descritta, infatti, Kim Jong-un si è fatto anche nominare “maresciallo” dell’esercito, licenziando per una non meglio precisata «malattia» il precedente capo dell’esercito, insediato dal padre Kim Jong-il. Di comune accordo con lo zio Jang Song-taek, considerato dagli esperti il vero tutore del giovane Kim, ha tolto all’esercito molti privilegi, come quello di esportare e così guadagnare ingenti somme di denaro dal commercio di minerali preziosi, e ha messo uomini di fiducia in tutti i posti di comando più importanti del regime.

E proprio per non rovinare l’immagine del nuovo dittatore, la moglie Ri ha dovuto essere istruita a dovere. Secondo fonti di intelligence sudcoreane, Kim Jong-un si sarebbe innamorato di lei dopo averla vista cantare in un filmato. Ri ha cominciato la sua carriera in un coro diretto dal ministro per la Pubblica sicurezza e dopo aver sposato il dittatore ha partecipato a un corso di sei mesi all’università Kim Il-sung, che dovrebbe averla trasformata in una perfetta “first lady”. Vedremo nei prossimi mesi se l’educazione ha funzionato e come si comporta una “moderna” dittatura comunista.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nel mondo delle supercar c’è grande fermento per l’imminente debutto della Aston Martin Valkyrie e della Mercedes-AMG Project One, “parenti strette” delle vetture da Formula 1. Auto che, però, vuoi per il frazionamento dei propulsori, vuoi per alcune soluzioni telaistiche, non attingono tanto profondamente quanto affermato nei proclami alla tecnologia delle monoposto. Diversamente da quanto […]

L'articolo Ferrari F50: la Formula 1 sono io proviene da RED Live.

Ha riconquistato ciò che un tempo era già suo. La Honda Civic Type R di nuova generazione è tornata al Nürburgring, riprendendosi il record per le vetture a trazione anteriore. Del resto, quello che altri chiamano “l’Inferno verde”, vale a dire la mitica Nordschleife – in tedesco l’anello nord – pista di 20,8 km entrata […]

L'articolo Honda Civic Type R MY17: Regina del Ring proviene da RED Live.

Cittadino, fuoristradista, “agonista”, pratico o “alieno”. Cinque modi d’essere automobilista. Cinque modi d’interpretare SUV e crossover. Ecco 20 modelli che soddisfano ogni gusto e desiderio.

L'articolo SUV e crossover compatte: ecco le migliori 25 proviene da RED Live.

Ebbene sì, è accaduto. Anche il Giaguaro si è spuntato le unghie ed è sceso a compromessi con il downsizing. La rinnovata sportiva F-Type, disponibile in configurazione sia Coupé sia Convertible, verrà dotata di un “piccolo” 4 cilindri 2.0 turbo da 300 cv, destinato ad affiancare i confermati V6 e V8 Supercharged. Turbina twin-scroll Pietra […]

L'articolo Jaguar F-Type 2.0T: la prima volta del 4 cilindri proviene da RED Live.

In mezzo a tante amenità con gli occhi a mandorla, al Salone di Shanghai si possono ammirare anche alcune autentiche perle. Tra queste merita una menzione speciale l’Aston Martin Vantage S Great Britain Edition, una serie speciale tirata in soli cinque esemplari destinati proprio al mercato cinese. Ciascuno sarà venduto a 236.000 sterline, pari a […]

L'articolo Aston Martin Vantage S Great Britain Edition proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana