Google+

Il direttore di gay.it Alessio De Giorgi rinuncia alla candidatura al Senato con Monti

gennaio 16, 2013 Redazione

Lo ha annunciato con una lettera sul suo sito: «Una decisione presa non senza molte difficoltà di coscienza, vista la denigratoria campagna mediatica portata avanti in questi giorni ai miei danni»

Alessio De Giorgi, il presidente di gay.it candidato nella Lista Monti in Toscana, rinuncia alla candidatura a causa della «denigratoria campagna mediatica portata avanti in questi giorni ai miei danni soprattutto da Libero e da altri giornali ed emittenti». Lo ha scritto lo stesso De Giorgi sul sito di Gay.it.

«Vengo con questa mia – scrive – a comunicare la decisione sofferta di voler rinunciare alla candidatura al Senato della Repubblica nella lista unitaria “Con Monti per l’Italia” in Toscana. Una decisione, questa, presa non senza molte difficoltà di coscienza, vista la denigratoria campagna mediatica portata avanti in questi giorni ai miei danni soprattutto da Libero e da altri giornali ed emittenti. Una campagna che ha voluto denunciare, spacciandoli per reati, attività assolutamente lecite svolte dalle società di cui ero prima amministratore avendo dato le dimissioni proprio a causa del mio impegno in campagna elettorale e adesso socio al 20,4%: attività di cui non mi vergogno minimamente, tant’è che non ho avuto problemi e/o imbarazzi a parlarne e a “giustificare” quelle che per un imprenditore quale sono altro non sono che fonti di reddito per sé ed i suoi soci».
Prosegue De Giorgi: «Credo di essere stato vittima di un tritacarne vero e proprio, che ha cercato ed è riuscito a scandagliare in profondità ogni mia attività imprenditoriale, con una intensità inaudita e non applicata a nessun altro candidato della prossima competizione elettorale. Il disegno è evidentemente stato messo in atto per mettere in difficoltà il Senatore Monti e la sua lista, tentando di mettere in evidenza presunte contraddizioni, in base ad un non meglio specificato senso comune, sia all’interno della lista Scelta Civica sia all’interno della coalizione, attuata forse per coprire mediaticamente ben altre contraddizioni in liste vicine ai giornali che hanno portato avanti questa campagna».
Conclude De Giorgi: «Ringrazio infine tutti coloro che mi hanno dato questa straordinaria opportunità e, tramite la mia candidatura, alla comunità LGBT italiana di cui sono parte ed annuncio che continuerò a sentirmi impegnato nella campagna elettorale delle liste che fanno riferimento al senatore Monti».

Ieri De Giorgi aveva oscurato i siti collegati al suo gay.it: gaysex.it, gaytube.it, nowescort.com e me2.it. De Giorgi ha detto di averli “auto-oscurati”, spiegando che Gaysex.it e gaytube.it erano «vetrine di affiliazione con siti pornografici statunitensi, dove immagino che molti italiani abbiano trovato confronto alla propria solitudine». Nowescort.com «era un elenco di utenti della community me2.it che si autodefinivano “escort”: questa parola può sicuramente far drizzare le antenne ai campioni di moralismo e giustizialismo, ma c’è da precisare che su tali utenti la Gay.it non ha mai ottenuto alcun vantaggio economico, a differenza dei tanti quotidiani nazionali e non che ospitano annunci a pagamento dietro ai quali si celano evidentemente “professioniste dell’amore”».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Carlo says:

    E’ uno schifo assoluto che possano finire in Parlamento a nostre spese, in schieramenti peraltro insospettabili quale poteva essere il Centro di Casini benedetto dalla Chiesa, personaggi turpi, sporchi e perversi come il tale qui sopra di cui stiamo parlando.
    Gestore di locali luridi, di siti pornografici gay in cui prostituirsi: e sarebbero queste le “povere vittime dell’omofobia”, gli “idealisti” che lottano per “i diritti civili negati” ?!
    Ma fatemi il piacere, vergogna !

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download