Google+

Il diavolo si nasconde sempre nei dettagli. Quel dettaglio è Kubrik

marzo 24, 1999 Frangi & Stolfi

Senza ombrello, sotto il temporale.

Quando le dichiarazioni di grandezza sono troppo unanimi, è sempre bene mandare avanti qualche sospetto. Su Stanley Kubrick, il grande regista appena scomparso, il fronte dei plaudenti non ha mostrato la minima incrinatura. Ci è capitato di sentire dire che con lui è morto il più grande regista della storia del cinema. Siccome in queste righe si vuole andare controcorrente, abbiamo voluto remare a quattro mani, cioé firmare il pezzo in due. Siamo due amici, legati da una passione per il cinema (non da una malattia) e da molto altro.

Allora, avanti con i capi d’accusa. Kubrick è grande, ma la sua grandezza è tale se non è censurata dallo scandalo. C’è del paranoico nell’essere grande di Kubrick, c’è del maniacale nel suo perfezionismo, c’è della perversione nella sua visione dell’uomo. Inutile farne un santino di testimone scomodo dei malesseri del nostro tempo. Quando i suoi film uscivano (vedi Arancia Meccanica e Lolita) hanno rivoltato molti stomaci. Ora se la capacità digestiva dello stomaco del tuttologo medio si è molto dilatata, questo non toglie che a noi Kubrick piace ricordarlo in questa sua dimensione intollerabile (contando che l’ultimo e spasmodico film così a lungo e così misteriosamente incubato, ci ridia il Kubrick più ributtanbte e più infognato nelle sue manie). Secondo capo d’accusa. Kubrick ha realizzato il più grande film generazionale della storia del cinema (Arancia Meccanica). Il più grande horror (Shining). Il più grande thriller erotico (Lolita). Il più grande film di fantascienza (2001 Odissea nello spazio). Il più grande sul Vietnam (Full metal jacket). Ha una grandezza senza smagliature. Perfetto tecnicamente, padrone in ogni istante della materia bollente che di volta in volta gli correva tra le mani, titanico nel suo coraggio e nel suo oltranzismo. Eppure a Kubrick è mancato qualcosa: la capacità di naufragare nel cinema. Ha sempre perfettamente chiuso il cerchio delle sue pellicole, come se avesse paura di farsi prendere la mano dalla storia, dalle immagini, dal tumulto del cuore. Ha saputo controllare tutto, anche l’avanzamento della linea del consenso su livelli inimmaginabili (e lui non si è mai posizionato oltre quei livelli). Non ce ne voglia nessuno se il cinema che amiamo è quello ti incalza come un fiume in piena, che ferisce con le sue imperfezioni, che non sa mai come chiudere perché resta sempre aperto come la vita. (I nomi? In ordine sparso d’amore – non di grandezza-: Akira Kurosawa, Robert Bresson, Michael Cimino, Roberto Rossellini, David Linch, Orson Welles eccetera, eccetera).

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova Multistrada 1260 cambia radicalmente con le novità che riguardano circa il 30% del progetto; smussa gli spigoli vivi del motore precedente motore e guadagna nella guida ora più fluida e rotonda meno reattiva.

L'articolo Prova Ducati Multistrada 1260 proviene da RED Live.

Per le piccole inglesi supersportive è già tempo di pista. Al freddo dell'autodromo di Cremona partono i primi test della stagione. Il nuovo calendario prevede anche una trasferta al Paul Ricard. C'eravamo anche noi

L'articolo MINI Challenge, è già 2018 proviene da RED Live.

La 5 porte giapponese saluta da lontano le quattro generazioni che l’hanno preceduta, mostrando linee più slanciate e tante possibilità di personalizzazione. Si dota inoltre di dispositivi di controllo appannaggio di auto di segmento superiore. Prezzi a partire da 16.700 euro

L'articolo Prova Nissan Micra N-Connecta IG-T proviene da RED Live.

In Spagna lo conoscono tutti, da noi fa sussultare chi negli Anni 70 e 80 sognava il Lobito oppure aveva negli occhi l’inconfondibile colore blu di Pursang e Sherpa… La stella del marchio spagnolo brillò fino al 1983 per poi spegnersi definitivamente. Nel 2014 il pollice di Bultaco torna però ad alzarsi, grazie a uno […]

L'articolo Prova Bultaco Albero 4.5 proviene da RED Live.

Era dai tempi della Tribeca, uscita di produzione nel 2014, che la Subaru non si cimentava nel tema delle grandi SUV. Un’assenza che, dopo anni di successi negli States, ha penalizzato la Casa nipponica. Ora, però, i jap corrono ai ripari presentando, in occasione del Salone di Los Angeles, la nuova Ascent. Una sport utility […]

L'articolo Subaru Ascent: mai così grande proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download