Google+

Il diavolo consiglia: meglio seppellire nella retorica il cadavere di Nelson Mandela

dicembre 15, 2013 Berlicche

L’ex presidente del Sudafrica è troppo pericoloso con la sua idea di promuovere perdono e pacificazione a categorie politiche. Bisogna ridurre il suo ricordo a pura celebrazione emotiva, scrive Berlicche

Mio caro Malacoda, cerca di coprire con la retorica e con il cinismo l’evento della morte di Nelson Mandela. Scatena un po’ di polemiche, come vedo stai già facendo, sulle 3 mogli, i 6 figli, i 17 nipoti, i 12 pronipoti e i 4 figliastri. Fomenta il cicaleccio sulle liti per l’eredità milionaria.

Quanto al versante retorico tutta l’enfasi possibile sia sulla parola libertà, ricorda il combattente per la libertà, istiga paragoni impropri, segnala i nuovi Mandela, i nuovi perseguitati per la libertà. Insomma, fai confusione, costruisci l’icona che può servire a far dimenticare l’apporto unico che Mandela ha dato alla storia del suo popolo e del Novecento. Unico, come unico è l’apporto che ogni singolo uomo dà alla storia. Fa in modo che chi lo celebra veneri un’immagine e non si fermi a riascoltare le sue parole, la sua concezione della politica, la sua idea di popolo. I video siano emozionali, evocativi, nessuno si soffermi su quanto ha detto, che è quello che gli ha permesso di fare quello che ha fatto. Mi hai capito, il ricordo di Mandela resti una celebrazione e non diventi un’esperienza.

Leggi, a riprova dei miei consigli, queste sue parole del 1994, quando divenne presidente del Sudafrica, e dimmi se, dal nostro punto di vista, non c’è da rabbrividire.

«Dall’esperienza di uno straordinario disastro umano durato troppo a lungo deve nascere una società di cui tutta l’umanità possa essere orgogliosa. Le nostre azioni comuni come cittadini sudafricani devono produrre una realtà del Sudafrica che rinnovi la fiducia dell’umanità nella giustizia che rafforzi la convinzione della nobiltà dell’animo umano e sostenga la nostra speranza di una vita gloriosa per tutti. Lo dobbiamo a noi stessi e alle genti del mondo. È giunto il tempo di curare le ferite. Il momento di colmare gli abissi che ci separano è arrivato. Su di noi incombe il tempo di costruire. Finalmente abbiamo conquistato la nostra emancipazione politica. Che ci sia giustizia per tutti. Ci sia pace per tutti. Ci sia lavoro pane, acqua e sale per tutti. Mai, mai, mai più ancora questa bellissima terra dovrà sperimentare di nuovo l’oppressione dell’uno sull’altro e soffrire l’oltraggio di essere la feccia del mondo. Il sole non smetterà mai di illuminare una simile conquista. Che regni la libertà. Dio benedica l’Africa!».

Dopo 27 anni di carcere ritrovi un uomo che è stato libero anche in quei 27 anni. Un uomo che potrebbe essere prigioniero del suo sacrosanto desiderio di vendetta e che invece crede ancora nella “nobiltà dell’animo umano”. Ci crede talmente che pensa possa risorgere anche grazie a uno “straordinario disastro umano”. Ha il coraggio di parlare di una vita “gloriosa”. Propone la giustizia come la capacità di “curare le ferite”, e la politica come la responsabilità del “costruire”. Mentre invoca pace, giustizia e lavoro per tutti è così concreto, così immerso nella vita del suo popolo, che non si dimentica del “sale”. E per non abitare più in un paese giudicato la “feccia del mondo”, ha usato della sua libertà lavorando per la pacificazione e ha promosso il perdono a categoria politica. Non è stato l’unico, senza perdono non si ricostruiscono le nazioni, ma impressiona la magnanimità con cui l’ha fatto.

Vuoi davvero che le nuove generazioni si ricordino di uno così?

Tuo affezionatissimo zio Berlicche

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download