Google+

Il cristianesimo che curva la spina dorsale e David Bowie

gennaio 12, 2016 Giuliano Guzzo

Il grande cantante, scomparso ieri, nutriva una grande diffidenza nei confronti della Chiesa e dava credito a versioni del Vangelo prive di fondamento storico

La notizia della morte del David Bowie (1947–2016), pseudonimo di David Robert Jones, sta letteralmente facendo il giro del mondo e innumerevoli, in queste ore, sono le parole spese in sua memoria da parte di chi lo conosceva ma, soprattutto, dai tanti milioni di ammiratori che questo autentico camaleonte del rock, spentosi a 69 anni per un cancro contro il quale ha combattuto per diciotto mesi, aveva pressoché ovunque. È noto, fra le altre cose, come Bowie avesse una posizione molto critica nei confronti non tanto e non solo della fede, ma della Chiesa, come mostra, per restare ad anni più recenti, il video del brano “The Next Day”, nel quale preti e cardinali lussuriosi si trovano in un locale di perdizione in mezzo a donne seminude e demoni.

Mi sono chiesto, per pura curiosità, le ragioni di un atteggiamento simile e mi sono imbattuto in una sua intervista di alcuni anni fa ma tutt’ora facilmente reperibile su internet dove la star inglese – che più di qualche volta, come i suoi tanti estimatori ben sanno, ha evocato Dio nelle proprie canzoni, lasciandone intuire un rapporto tormentato – motiva la propria posizione spiegando di aver definitivamente lasciato il cristianesimo: «Quello che trovo difficile, è ciò in cui sono cresciuto, il cristianesimo che curva la spina dorsale e esegue degli ordini. Sono un cristiano così cattivo. Non sono più un cristiano». Ma cosa ha spinto David Bowie a pensare che il cristianesimo sia una sorta di imposizione «che curva la spina dorsale e esegue degli ordini»?

E’ lui stesso, nel corso della medesima intervista, a esporre meglio il proprio punto di vista: «Non posso fare a meno di pensare che gli inizi del cristianesimo non avessero nulla a che vedere con ciò che conosciamo oggi. Era una serie di consigli umanisti sulla vita e sulla sopravvivenza quotidiana. Il Nuovo Testamento è un libro censurato, con dei brani scelti, e si è lasciato da parte tutto ciò che si è ritrovato oggi nei manoscritti del Mar Morto, o il Vangelo di Tommaso. Penso che la parola di Cristo fosse più vicina a quella degli gnostici. L’istituzione del Vangeli è stati un atto politico. I cristiani avevano in qualche modo bisogno di una Chiesa, di un canone, di una comunità per difendersi e a loro interessava demonizzare gli ebrei» (Epok, Settembre 2003).

Lungi dal volerne giudicare il pensiero, non si può però tacere come questa posizione di Bowie sui Vangeli – molto comune e tesa a screditarne l’attendibilità – presenti notevoli criticità. Per brevità ricordiamo infatti che del celebrato Vangelo di Tommaso – come quello da molti ritenuto il massimo studioso mondiale del campo, John P. Meier, insegna – «circolava in più di una forma e passò attraverso vari stadi di redazione. La versione […] che possediamo […] non è identica alla forma dell’opera originale greco, qualunque sia stata, ammesso che si possa parlare della forma originale greca» (Un ebreo marginale, vol.1, p. 130). Non solo: studiando quel testo appare evidente il tentativo dell’autore di imitare lo stile dei sinottici i cui detti «sono giustapposti ad altri di evidente timbro gnostico e a volte sembrano essere stati rielaborati per veicolare un messaggio gnostico».

Quanto a «tutto ciò che si è ritrovato oggi nei manoscritti del Mar Morto» e a vangeli apocrifi in generale – continua Meier – «siamo di fronte a prodotti in larga misura delle immaginazioni pie o sfrenate di alcuni cristiani del III secolo» (Un ebreo marginale, vol. 1, p. 110). Viceversa, segnala un altro illustre studioso come B.D. Ehrman, docente di Nuovo Testamento presso l’Università del North Carolina, i vangeli canonici – per ragioni che non abbiamo qui lo spazio di approfondire – «possono essere considerati e utilizzati come fonti storiche importanti» (Did Jesus Exist?, 2012, p. 95). Lo ripetiamo per non apparire poco rispettosi: certamente Bowie ha avuto un suo percorso spirituale. Ma è un peccato che lui, come purtroppo tanti altri, abbia trovato in cattivi argomenti storici buone ragioni per allontanarsi dalla fede cristiana.

Questo non significa che la conoscenza storica o il solo ragionamento bastino a schiudere e guidare gli occhi della fede, altrimenti non vi sarebbe alcun merito nel credere «senza aver visto» e dovremmo dare torto a Pascal (1623-1662) – mentre invece ha ragione – quando afferma che «il passo supremo della ragione è riconoscere che ci sono un’infinità di cose che la trascendono» (Pensées, trad.it Pensieri, Newton Compton, Roma 1993, p. 92). Ciò nonostante dovremmo tutti stare più attenti prima di dare retta a quanti ostentano con sicurezza nozioni storiche imprecise ma fidandoci delle quali potremmo perdere un’esperienza fondamentale come è quella di credere in Dio, di poterlo pregare sapendolo presente e misericordioso. E oso pensare tu sia d’accordo, anche perché certamente adesso sai la Verità, David.

Tratto dal blog di Giuliano Guzzo

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

10 Commenti

  1. Su Connottu scrive:

    E un piccolo sforzo per leggerli senza il prosciutto sugli occhi?

    • underwater scrive:

      Penso Bowie sia stato, come tanti altri, vittima della deregulation e del sospetto complottista della epoca in cui si è formato, gli anni 60.

    • giovanna scrive:

      DFTT
      (matteo pallavicini-trollona-shiva )

  2. Pietro scrive:

    Caro Giuliano,
    potevi essere un po’ più profondo, invece sei caduto nella solito tranello:

    prendere spunto da qualcosa per scirvere un tuo pensiero riguardo alla fede ed alla storicità dei vangeli….. ma mi pare un po’ banale non credi?

    ma poi è una intervista del 2003, a me piace pensare che un uomo che si avvicina alla morte, sapendo di dover morire a momentei (come tutti noi tra l’altro), con questa coscenza e con il suo rapporto tormentato con Dio, abbia avuto nel cuore ben di più di quello che hai riportato della sua intervista.
    Magari lo hai fatto in buona fede, ma hai “ridotto” una persona a quello che ha detto in una intervista per affermare un tuo pensiero…. vedi tu….

    • giovanna scrive:

      Bè, Pietro, un po’ di superficialità la mostri pure tu : forse che non è lecito chiedersi da cosa derivi l’avversione per la Chiesa che porta a fare un video brutto come quello descritto nell’articolo ?
      Non ci soffochiamo a vicenda, il cristianesimo è libertà, vera libertà.
      Poi, ognuno dia il suo spunto : tu che cosa hai aggiunto su Bowie ?
      Non lo dico tanto per dire : io” la persona” la conosco poco e niente, conosco giusto le canzoni più famose, ma del significato dei testi non saprei dire, dunque apprezzo chi ne mostri il significato.

  3. Alberto scrive:

    Se consideri le colpe, Signore, chi può sussistere?
    Uno che cerca è un compagno di cammino, sempre.
    Il Duca (forse) sapeva anche prima di questo articolo, basta leggere il testo di Lazarus: “Guardate quassù / sono in paradiso / ho cicatrici che non possono essere viste / un dramma che nessuno mi potrà rubare / Adesso tutti sanno chi sono”.

  4. Sgarrubba scrive:

    ammesso che possa interessare cosa pensasse bowie sul cristianesimo, se volevamo chiarimenti dovevamo farlo prima. percui sarebbe interessante se il giornale potesse intervistare personaggi viventi di qualsiasi tendenza. ora che è morto, interpretarlo è meno utile, a mio parere. quanto al dare credito a vangeli più o meno ufficiali, io non riesco più a vivere meglio interpretando una dottrina o un’etica: o Cristo è vivo, o faccio da me.

  5. giuscas scrive:

    Caro Guzza, lei di Bowie ha preso quel che voleva lei mettendogli in bocca quel che voleva lei. si legga queste parole di Bowie:

    « Forse il concetto di base del materiale presente in Outside e dell’imminente nuovo millennio è questo nuovo “paganesimo”, questa ricerca di una nuova spiritualità che assilla molti di noi. Perché avendo ormai da tempo demolito l’idea di “Dio” grazie al “triumvirato” di inizio secolo costituito da Nietzsche, Einstein, e Freud, abbiamo demolito tutto quello in cui credevamo. La teoria della relatività, l’affermazione “Dio è morto”, il nostro “Io” che è fatto di diverse personalità… Wow, ma dove cazzo siamo finiti? […] Mi chiedo se abbiamo realizzato che l’unica cosa che siamo stati in grado di creare di simile a “Dio” è stata la bomba all’idrogeno, questa nostra unica capacità di creare disastri, ha portato alcune persone a ricercare una nuova vita spirituale in comunione con la natura. Ma oggi esiste anche questo positivismo che era del tutto assente alla fine dello scorso secolo. L’album ha una sorta di percezione di questo nuovo paganesimo che sembra scatenarsi con l’avvento di atti di autolesionismo come scarnificazioni, piercing, tatuaggi tribali e quant’altro.»

  6. giuscas scrive:

    il pentalfa, la stella nera, è quello che si riscontra in chi soffre di tumori, una macchia cancerogena. tutto il disco di bowie fa riferimento alla morte per tumore essendone lui colpito. i commenti di questo sito non si capisce se siano umoristici (satanismo, mente malata e altre amenità) o se davvero i cattolici italiani siano fascio talebani della specie peggiore. ma ancor più di una ignoranza mostruosa

    • giovanna scrive:

      Giuscas, non è che hai sbagliato sito ?
      Certo che in giro c’è un disagio pazzesco.
      Se uno ha una vita piena non ha questa necessità impellente di spuzzettare a destra e a sinistra.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arexons lancia un’applicazione per rispondere a dubbi e curiosità sui prodotti più indicati per la cura e la manutenzione dell’auto.

La monovolume coreana, disponibile anche a sette posti, beneficia di un restyling di metà carriera che porta in dote inedite dotazioni multimediali e di sicurezza. Grazie a un nuovo pack tecnico si riducono i consumi del 1.7 td da 115 cv.

Debutta a Parigi l’edizione limitata a 50 esemplari della serie speciale ispirata al marchio nautico italiano. Alla dotazione full optional e alle finiture ricercate si accompagnano motori a benzina 1.2 aspirato da 69 cv o 0.9 TwinAir turbo da 85 o 105 cv.

Grazie alla partnership con l'azienda di Asolo, l'airbag per motociclisti entra nella collezione BMW Motorrad. Ci sono proposte di vari colori, per uomo e donna.

Gli atleti dello scatto fisso saranno a Milano, il 1 ottobre, per giocarsi la vittoria finale del Red Hook, il criterium più ardito del mondo.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana