Google+

Il complesso caso di JR, colpevole di omicidio che, per non essere estradato in Giamaica, si dichiara gay

aprile 18, 2014 Benedetta Frigerio

Inghilterra. JR ha scontato la sua pena in carcere, che prevedeva l’espatrio. L’uomo si è improvvisamente dichiarato omosessuale dopo 12 anni e i giudici hanno dichiarato illegittimo l’espatrio

carcereUn immigrato irregolare giamaicano, colpevole di aver ucciso un ragazzo in Inghilterra, non può essere espatriato perché dichiara di essere omosessuale. Così hanno deciso l’altro giorno i giudici della Corte di appello inglese, causando la reazione di molti parlamentari e avanzando inediti problemi giuridici.

L’OMICIDIO E LA CONDANNA. JR, immigrato dalla Giamaica nel 2000 all’età di 15 anni, nel 2001 ha accoltellato, all’uscita di una scuola londinese, il giovane Abdul Maye per un debito di 10 sterline. Nel 2002 è stato condannato “a tempo indeterminato” (secondo la legge inglese che prevede per i minorenni puniti con l’ergastolo la possibilità di una successiva riduzione della pena) con l’obbligo di espatrio dopo otto anni e due mesi di carcere. La sua presenza, secondo il giudice Paul Focke, era da ritenersi «dannosa per i cittadini».

«SONO OMOSESSUALE». La pena è stata successivamente ridotta a sei anni e due mesi con la sospensione temporanea dell’obbligo di espatrio. Nel 2009, al termine della pena, l’allora segretario di Stato, Alan Johnson, ha ordinato l’espatrio di JR, che oggi ha 29 anni. Dopo essersi visto rifiutare una prima richiesta di appello, nell’aprile del 2012, JR ha fatto un nuovo ricorso per evitare l’espatrio dichiarando per la prima volta in 12 anni di essere omosessuale e ricordando che la Giamaica persegue penalmente l’omosessualità praticata.

DICHIARAZIONE CONTROVERSA. Il nuovo segretario di Stato, Theresa May, ha messo in dubbio le parole del giovane ricordando che fino ad allora non aveva mai parlato del suo orientamento sessuale. Ieri però la Corte di appello ha dato ragione alla difesa, accogliendo come prova le dichiarazioni della madre dell’uomo, che ha detto di «sapere da tempo» dell’omosessualità del figlio. May, pur sostenendo che se il ragazzo «fosse veramente gay non dovrebbe espatriare», ha messo in dubbio la testimonianza di JR e la conferma della madre.

VARIABILE SOGGETTIVA. Nonostante tutti abbiano difeso, giustamente, la norma che impedisce l’espatrio di un omosessuale in caso di possibile violazione dei diritti umani, la decisione dei giudici ha fatto scalpore, dal momento che le affermazioni di JR non possono essere verificate. Come si può dimostrare che è davvero omosessuale e che non ha mentito? Il parlamentare Tory Douglas Carswell ha parlato di «una grossa distorsione della giustizia», il deputato laburista Keith Vaz, presidente della commissione Affari Interni, ha chiesto al ministero degli Interni di chiarire con urgenza che cosa «costituisca una prova accettabile nei casi in cui l’orientamento sessuale rappresenti un problema».
Oggi JR è tornato libero e se il governo non impugnerà la sentenza resterà in Inghilterra. Il rischio, affermano voci da tutti gli schieramenti, al di là del caso specifico, è che chiunque possa definirsi omosessuale, anche se «in modo non credibile», senza possibilità di essere smentito, per rifiutare l’estradizione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. filomena scrive:

    Il problema non é dichiararsi o meno omosessuale ma il fatto che alcuni paesi oscurantisti perseguano l’omosessualità.
    E ancora più grave che una parte dei cattolici italiani più reazionari considerino la cosa accettabile.

    • Mappo scrive:

      Buona Pasqua Filomena, ma almeno per Pasqua pigliati un giorno di riposo.
      Tanto l’abbiamo capito che siamo reazionari ed omofobi.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nel mondo delle supercar c’è grande fermento per l’imminente debutto della Aston Martin Valkyrie e della Mercedes-AMG Project One, “parenti strette” delle vetture da Formula 1. Auto che, però, vuoi per il frazionamento dei propulsori, vuoi per alcune soluzioni telaistiche, non attingono tanto profondamente quanto affermato nei proclami alla tecnologia delle monoposto. Diversamente da quanto […]

L'articolo Ferrari F50: la Formula 1 sono io proviene da RED Live.

Ha riconquistato ciò che un tempo era già suo. La Honda Civic Type R di nuova generazione è tornata al Nürburgring, riprendendosi il record per le vetture a trazione anteriore. Del resto, quello che altri chiamano “l’Inferno verde”, vale a dire la mitica Nordschleife – in tedesco l’anello nord – pista di 20,8 km entrata […]

L'articolo Honda Civic Type R MY17: Regina del Ring proviene da RED Live.

Cittadino, fuoristradista, “agonista”, pratico o “alieno”. Cinque modi d’essere automobilista. Cinque modi d’interpretare SUV e crossover. Ecco 20 modelli che soddisfano ogni gusto e desiderio.

L'articolo SUV e crossover compatte: ecco le migliori 25 proviene da RED Live.

Ebbene sì, è accaduto. Anche il Giaguaro si è spuntato le unghie ed è sceso a compromessi con il downsizing. La rinnovata sportiva F-Type, disponibile in configurazione sia Coupé sia Convertible, verrà dotata di un “piccolo” 4 cilindri 2.0 turbo da 300 cv, destinato ad affiancare i confermati V6 e V8 Supercharged. Turbina twin-scroll Pietra […]

L'articolo Jaguar F-Type 2.0T: la prima volta del 4 cilindri proviene da RED Live.

In mezzo a tante amenità con gli occhi a mandorla, al Salone di Shanghai si possono ammirare anche alcune autentiche perle. Tra queste merita una menzione speciale l’Aston Martin Vantage S Great Britain Edition, una serie speciale tirata in soli cinque esemplari destinati proprio al mercato cinese. Ciascuno sarà venduto a 236.000 sterline, pari a […]

L'articolo Aston Martin Vantage S Great Britain Edition proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana