Google+

Il Cnel è vivo e tutti ci vogliono andare

luglio 28, 2017 Federico Romano

Per Renzi è «l’organo più inutile della storia». Ma sono 350 le sigle sindacali e datoriali che chiedono di entrarci. E a vagliare i candidati sarà anche la Boschi. Che lo voleva abrogare

cnel-ansa

C’è un caso politico in Italia, dormiente nell’estate che tutto tronca e sopisce, ma pronto a esplodere con la ripresa delle attività istituzionali: è il caso del Cnel. Per mesi prima e dopo il referendum costituzionale quasi non s’è parlato d’altro: indicato come la Bastiglia degli enti parassitari da espugnare, il Consiglio nazionale del lavoro e della ricerca diventò la punta di lancia con cui i promotori del referendum, Maria Elena Boschi in testa, portavano l’attacco alla “vecchia politica”.

Sarebbe bastato un Sì per archiviarlo per sempre, il Cnel, assieme al vecchio Senato. Sui costi per la verità s’era molto esagerato, dopo i tagli inflitti all’ente la spesa non ammontava a 20 milioni di euro – come la propaganda referendaria riferiva – ma a poco più di 7 milioni all’anno, di cui 4 milioni di costo insopprimibile del personale, mentre sull’inattività dell’ente si sarebbe trattato di capir meglio se fosse più indotta da chi aveva interesse a renderlo inutile o se invece la responsabilità derivasse da una paralisi interna. Sta di fatto che al referendum del 4 dicembre a vincere è stato il fronte del No e il Cnel è sopravvissuto.

Nel suo ultimo libro, Avanti, Matteo Renzi ha rimarcato che si è trattato di un’occasione persa, tornando a definire il Cnel «l’ente più inutile della storia repubblicana». Una posizione coerente, sta di fatto però che che il Cnel è ancora lì, talmente vivo che non solo la presidenza del Consiglio ha provveduto a nominare un nuovo presidente nell’autorevole figura del professor Tiziano Treu, ma sta anche per essere rinnovata la composizione del suo consiglio.

Automatismi? Mica tanto, se è vero che a candidarsi per i 48 posti a loro destinati sono state ben 350 sigle di associazioni sindacali e datoriali. Sarà dunque l’ente più inutile d’Italia questo Cnel, ma come si spiega allora questa gara a farne parte? E come mai questa così gran cura nel vaglio politico delle candidature da parte della presidenza del Consiglio e nello specifico di figure molto vicine all’ex premier Renzi? Se il Cnel è insomma un cimitero, perché questa ressa al suo ingresso? La realtà è che il Cnel, pure depotenziato, ha ancora una funzione specifica: quella cioè di disciplinare i criteri e i canoni della rappresentanza nazionale datoriale e sindacale, senza i quali, in assenza di una legge sulla rappresentanza, questa dimensione verrebbe consegnata alla più totale indeterminazione. Ma di questo – che è uno degli aspetti principali della questione – non s’è mai ancora parlato, come si parla poco di una riforma del Cnel che impedisca di gettare il bambino con l’acqua sporca. C’è un’associazione datoriale, Confimprenditori, che per dire ha elaborato una proposta di riforma del Cnel, che sta circolando in ambienti politici e istituzionali e che è degna della massima attenzione.

Una riforma che non prevede solo la restituzione al Cnel delle sue prerogative (formulare proposte di legge e idee per il mondo del lavoro), ma che soprattutto prevede – come si legge nella proposta – «il totale autofinanziamento dell’ente da parte delle associazioni datoriali e sindacali che ne vogliano far parte, così da poter anche costituire un fondo a disposizione dei settori del lavoro in difficoltà come è il caso di quelli investiti dal terremoto che ha recentemente colpito il centro Italia». Tradotto significa che i presupposti della polemica sugli eccessivi costi e l’inutilità del Cnel verrebbero di fatto a cessare.

Anche perché, se riformato secondo criteri di efficienza e compressione dei costi, il Cnel potrebbe davvero costituire uno spazio di confronto tra mondi datoriale, sindacale e politico prezioso in questo tempo di eccessiva disintermediazione e di crisi della rappresentanza. D’altra parte il Cnel non è un’anomalia italiana – ammesso che un organo previsto dai padri costituenti possa essere definito un’anomalia. Il Cese, per dire, il Comitato economico e sociale europeo, il parallelo del Cnel in Europa, è un organo perfettamente funzionante e funzionale e di cui nessuno mai ha pensato e chiesto l’abrogazione.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

Sino a pochi anni fa parlare di auto a guida autonoma era credibile quanto prevedere lo sbarco degli alieni sulla Terra o aderire alla religione dei pastafariani che, per inciso, credono in un creatore sovrannaturale somigliante agli spaghetti con le polpette. Questo almeno sino a ieri, dato che oggi, con l’immissione sul mercato delle prime […]

L'articolo Guida autonoma: quanto ne sai? proviene da RED Live.

Ennesimo capitolo della Saga Monster, l’821 2018 si adegua all’Euro4 ed eredita le peculiarità stilistiche della sorella maggiore 1200. Più snello e slanciato torna all’essenzialità originale del primo Monster

L'articolo Ducati Monster 821 my 2018, come eravamo proviene da RED Live.

Anche i nobili, alle volte, sentono il bisogno di rinnovarsi. Si aggiorna così la Range Rover Sport, una delle SUV più blasonate e raffinate al mondo. A quattro anni dall’unveiling avvenuto al Salone di New York, la sport utility britannica beneficia di un profondo facelift estetico e di sostanza. Al punto da portare al debutto […]

L'articolo Range Rover Sport 2018: prima in tutto proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download