Google+

Il cinema racconta la grande crisi, tra broker spietati e ingiustizie colossali

novembre 7, 2012 Paola D'Antuono

Uno studio pubblicato dall’Istituto Bruno Leoni dimostra quanto Hollywood esageri nel dipingere la situazione delle imprese costrette a chiudere. Come se la colpa fosse del cattivo di turno, della sfortuna o di un tradimento.

L’economia del fallimento nei film dopo la grande crisi è il titolo di uno studio dell’Istituto Bruno Leoni, a firma della dott.ssa Rosamaria Bitetti. Scopo dello studio è quello di dimostrare che il fallimento di un’impresa, che per gli economisti è la naturale conseguenza di una legge di mercato in cui sopravvivono solo le imprese efficienti, assume un aspetto molto diverso quando viene raccontata sul grande schermo. Generalmente sul grande schermo il fallimento di un’impresa viene attribuito a cause standard: l’errore di una persona – il classico cattivo che da solo innesca una reazione a catena nell’azienda che porta alla sua chiusura – la sfortuna, l’ingiustizia, il tradimento e la frode.

240 FILM. I film presi in considerazione sono 240 e coprono due periodi storici: il primo che va dal 2004 al 2007, il lasso di tempo precedente alla recessione, e il secondo dal 2008 al 2011, in piena grande crisi. Non sono stati presi in considerazione documentari ma solo fiction, perché sono i film che raggiungono il maggior numero di pubblico e veicolano maggiormente l’apprendimento degli spettatori.

RATATOUILLE E TRA LE NUVOLE. Uno dei film analizzati del periodo 2004-2007 è il film Pixar Ratatouille, la storia di uno chef topo con un talento straordinario per la cucina. Quando viene scoperto il segreto del ristorante, che con un topo in cucina viola le norme igienico-sanitarie, gli affari cominciano ad andare male fino a sfociare nella chiusura. La fine del ristorante però non viene percepita in maniera drammatica o ingiusta, ma solo come una naturale conseguenza delle leggi economiche. Diverso il discorso per il film di Jason Reitman, Tra le nuvole, prodotto nel 2009 in piena crisi mondiale, che rappresenta uno dei rari casi in cui la fiction legge realisticamente l’economia. George Clooney è un tagliatore di teste chiamato dalle aziende che non hanno le competenze – e forse nemmeno il coraggio – per licenziare i loro dipendenti in seguito alla crisi. Per i lavoratori costretti ad abbandonare il lavoro c’è sincera empatia e anche lo sporco lavoro del “licenziatore” è percepito come necessario e non come l’attività di una persona cattiva.

TUTTI CATTIVI. Una narrazione realistica quindi, a differenza per esempio di Wall Street – Il denaro non dorme mai. Nel film del 2010 di Oliver Stone, Gordon Gekko è uscito di prigione e trova ad aspettarlo il futuro genero Jacke, rampante broker votato al business dell’energia pulita. In questa pellicola, dall’atteggiamento chiaramente anti-banche e anti-business, tutte le persone che hanno a che fare con l’economia sono cattive, avide, vendicative. Ma perché il cinema popola di mostri il mercato economico? Probabilmente perché, come spiega l’autrice dello studio, l’industria cinematografica è ad altissimo rischio di fallimento e proietta sullo schermo la sua più grande paura, quella di dover essere costretta a chiudere i battenti.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana