Google+

Il cancro al cinema, una ricerca svela il pessimismo del grande schermo

ottobre 4, 2012 Paola D'Antuono

Due studiosi italiani hanno esaminato 82 pellicole in cui i protagonisti sono malati di tumore. E hanno scoperto che ci sono molte differenze tra la realtà della malattia e la sua rappresentazione sul grande schermo.

82 film per dimostrare che il cinema non è la vita. Almeno quando si parla di malattia. Sembra strano dirlo ma è quello che hanno dimostrato due ricercatori italiani, Giovanni Rosti, dell’ospedale Ca’ Foncello di Treviso e Luciano De Fiore, dell’Università La Sapienza di Roma nello studio dal titolo Oncomovies: Cancer in cinema. I due studiosi hanno presentato il risultato della loro ricerca al congresso della Società europea di oncologia medica di Vienna, dimostrando che la rappresentazione del cancro sul grande schermo poco a che fare con la realtà della malattia.

DAL 1939 A OGGI. Rosti e De Fiore hanno esaminato 82 pellicole girate tra il 1939 e il 2012 (tra cui La gatta sul tetto che scotta, Erin Brockovich, Scelta d’amore, Gran Torino, Le invasioni barbariche) e ne hanno tratto interessanti conclusioni. In primo luogo, la differenza di età tra i malati nei film e nella vita reale. Sul grande schermo chi ha il cancro è mediamente una persona giovane, sui 40 anni, di elevata classe sociale, con un tumore molto raro e che nella maggior parte dei casi vanno sempre incontro alla morte. Il cinema poi non prende mai in considerazione il tumore alla mammella, che negli anni è diventata una malattia da cui sempre più donne guariscono.

QUANDO LA REALTA’ È MEGLIO DELLA FANTASIA. Lo scopo della ricerca è stato dimostrare quanto è sconosciuta alla settima arte questa malattia. Bisognerebbe, invece, avere una visione più realistica e meno melodrammatica del male, evidenziando per esempio i progressi fatti dall’oncologia, le cure sempre meno tossiche e invalidanti, le guarigioni molto frequenti e sopratutto il dolore dei pazienti, argomento troppo spesso ignorato, anche nella vita reale. Ma la ricerca non boccia del tutto il cinema, anzi come afferma De Fiore «Usare il grande schermo può servire ad aumentare l’attenzione sul problema e sulle nuove terapie disponibili. Inoltre può aiutare gli oncologi a prendere in considerazione alcuni aspetti della patologia che a volte trascurano nel corso del percorso terapeutico, ad esempio le conseguenze che la malattia può avere sulla sessualità, il rapporto medico-paziente, gli effetti collaterali delle terapie. O anche semplicemente a fare riflettere sul significato della vita e della morte».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi