Google+

Il Bosone di Higgs esiste. Trovata la “particella di Dio”

luglio 4, 2012 Francesco Amicone

Dopo mesi di esperimenti nel super laboratorio del Cern, gli scienziati hanno individuato la particella che spigherebbe come l’universo possa avere una massa. Un’italiana alla guida di uno dei due esperimenti.

La scoperta viene dal Cern di Ginevra, che l’ha comunicato questa mattina. Le probabilità sono del 99,99995 per cento: il Bosone di Higgs esiste. O meglio: esiste qualcosa di “compatibile” con la particella, teorizzata dallo scienziato Peter Higgs nel 1964, che concorrerebbe da protagonista all’esistenza dell’universo. «Questo storico risultato è soltanto l’inizio, avrà delle implicazioni globali per il futuro», ha detto questa mattina il direttore generale del Cern Rolf Heuer.

Ci sono voluti dieci miliardi di euro per costruire un acceleratore di particelle, Lhc, che permettesse di scovarne le tracce; la supervisione di migliaia di fisici provenienti da tutto il mondo e un quadrilione di collisioni di protoni per osservarle e analizzarle, ma, oggi, il bosone non è più soltanto l’invenzione di un brillante scienziato, per “far quadrare i conti” del modello standard, la teoria usata per spiegare l’universo.

La particella pesa fra 125 e 126 volte più di un protone, ed è stata individuata dai due esperimenti paralleli Atlas e Cms, condotti dal Cern di Ginevra sotto la guida dell’italiana Fabiola Gianotti e dello statunitense Joe Incandela. Questa mattina, a un seminario organizzato dal Cern, i due fisici hanno presentato davanti alla comunità scientifica i risultati aggiornati della fase di esperimenti iniziata nel dicembre del 2011 quando avevano presentato i primi indizi dell’esistenza.

«La ricerca è più avanzata oggi di quanto avessimo immaginato possibile», ha detto Fabiola Gianotti. Appurata l’esistenza di qualcosa di compatibile con il bosone di Higgs, restano da capire quali siano le proprietà di questa particella e valutare l’impatto che avranno nella revisione delle teorie che descrivono la materia e l’Universo. «La nuova particella potrebbe avere proprietà che non sono fra quelle previste dalle nostre teorie correnti», ha detto il fisico Ignatios Antoniadis.

Entro la fine del 2014 l’energia dell’acceleratore sarà raddoppiata e si presume che per allora la comunità scientifica e gli scienziati del Cern riusciranno a verificare i risultati, confermando il modello standard o introducendo elementi di novità che potranno condurre a nuovi esperimenti e nuove scoperte.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.