Google+

Il Bosone di Higgs esiste. Trovata la “particella di Dio”

luglio 4, 2012 Francesco Amicone

Dopo mesi di esperimenti nel super laboratorio del Cern, gli scienziati hanno individuato la particella che spigherebbe come l’universo possa avere una massa. Un’italiana alla guida di uno dei due esperimenti.

La scoperta viene dal Cern di Ginevra, che l’ha comunicato questa mattina. Le probabilità sono del 99,99995 per cento: il Bosone di Higgs esiste. O meglio: esiste qualcosa di “compatibile” con la particella, teorizzata dallo scienziato Peter Higgs nel 1964, che concorrerebbe da protagonista all’esistenza dell’universo. «Questo storico risultato è soltanto l’inizio, avrà delle implicazioni globali per il futuro», ha detto questa mattina il direttore generale del Cern Rolf Heuer.

Ci sono voluti dieci miliardi di euro per costruire un acceleratore di particelle, Lhc, che permettesse di scovarne le tracce; la supervisione di migliaia di fisici provenienti da tutto il mondo e un quadrilione di collisioni di protoni per osservarle e analizzarle, ma, oggi, il bosone non è più soltanto l’invenzione di un brillante scienziato, per “far quadrare i conti” del modello standard, la teoria usata per spiegare l’universo.

La particella pesa fra 125 e 126 volte più di un protone, ed è stata individuata dai due esperimenti paralleli Atlas e Cms, condotti dal Cern di Ginevra sotto la guida dell’italiana Fabiola Gianotti e dello statunitense Joe Incandela. Questa mattina, a un seminario organizzato dal Cern, i due fisici hanno presentato davanti alla comunità scientifica i risultati aggiornati della fase di esperimenti iniziata nel dicembre del 2011 quando avevano presentato i primi indizi dell’esistenza.

«La ricerca è più avanzata oggi di quanto avessimo immaginato possibile», ha detto Fabiola Gianotti. Appurata l’esistenza di qualcosa di compatibile con il bosone di Higgs, restano da capire quali siano le proprietà di questa particella e valutare l’impatto che avranno nella revisione delle teorie che descrivono la materia e l’Universo. «La nuova particella potrebbe avere proprietà che non sono fra quelle previste dalle nostre teorie correnti», ha detto il fisico Ignatios Antoniadis.

Entro la fine del 2014 l’energia dell’acceleratore sarà raddoppiata e si presume che per allora la comunità scientifica e gli scienziati del Cern riusciranno a verificare i risultati, confermando il modello standard o introducendo elementi di novità che potranno condurre a nuovi esperimenti e nuove scoperte.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download