Google+

Il Bosone di Higgs esiste. Trovata la “particella di Dio”

luglio 4, 2012 Francesco Amicone

Dopo mesi di esperimenti nel super laboratorio del Cern, gli scienziati hanno individuato la particella che spigherebbe come l’universo possa avere una massa. Un’italiana alla guida di uno dei due esperimenti.

La scoperta viene dal Cern di Ginevra, che l’ha comunicato questa mattina. Le probabilità sono del 99,99995 per cento: il Bosone di Higgs esiste. O meglio: esiste qualcosa di “compatibile” con la particella, teorizzata dallo scienziato Peter Higgs nel 1964, che concorrerebbe da protagonista all’esistenza dell’universo. «Questo storico risultato è soltanto l’inizio, avrà delle implicazioni globali per il futuro», ha detto questa mattina il direttore generale del Cern Rolf Heuer.

Ci sono voluti dieci miliardi di euro per costruire un acceleratore di particelle, Lhc, che permettesse di scovarne le tracce; la supervisione di migliaia di fisici provenienti da tutto il mondo e un quadrilione di collisioni di protoni per osservarle e analizzarle, ma, oggi, il bosone non è più soltanto l’invenzione di un brillante scienziato, per “far quadrare i conti” del modello standard, la teoria usata per spiegare l’universo.

La particella pesa fra 125 e 126 volte più di un protone, ed è stata individuata dai due esperimenti paralleli Atlas e Cms, condotti dal Cern di Ginevra sotto la guida dell’italiana Fabiola Gianotti e dello statunitense Joe Incandela. Questa mattina, a un seminario organizzato dal Cern, i due fisici hanno presentato davanti alla comunità scientifica i risultati aggiornati della fase di esperimenti iniziata nel dicembre del 2011 quando avevano presentato i primi indizi dell’esistenza.

«La ricerca è più avanzata oggi di quanto avessimo immaginato possibile», ha detto Fabiola Gianotti. Appurata l’esistenza di qualcosa di compatibile con il bosone di Higgs, restano da capire quali siano le proprietà di questa particella e valutare l’impatto che avranno nella revisione delle teorie che descrivono la materia e l’Universo. «La nuova particella potrebbe avere proprietà che non sono fra quelle previste dalle nostre teorie correnti», ha detto il fisico Ignatios Antoniadis.

Entro la fine del 2014 l’energia dell’acceleratore sarà raddoppiata e si presume che per allora la comunità scientifica e gli scienziati del Cern riusciranno a verificare i risultati, confermando il modello standard o introducendo elementi di novità che potranno condurre a nuovi esperimenti e nuove scoperte.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana