Google+

Il 1993 non è mai finito

maggio 27, 2017 Alessandro Giuli

Il principato renziano è la dimostrazione che poco o nulla è stato realizzato dalla politica per emendare se stessa e costringere la magistratura a rinfoderare le armi

ANTONIO-DI-PIETRO-ANSA

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Un numero speciale sul 1993: l’anno del Terrore, secondo i cultori del garantismo; l’anno dell’inesorabile assalto da parte delle procure al regime partitocratico e corrotto, secondo i fautori della via giudiziaria alla moralizzazione. Inutile ricordare che questo giornale conserva sulla stagione di Mani pulite un giudizio assai critico ma realistico: è sempre colpa di chi muore e, di fatto, fu appunto il Palazzo politico della Prima Repubblica a mettere in scena un suicidio di massa di fronte al Moloch in toga guidato dal pool di Milano impegnato, sì, a scavare nella terra limacciosa del finanziamento illecito ai partiti, ma al tempo stesso depositario – il gruppo di magistrati stretti intorno al procuratore capo Francesco Saverio Borrelli e ad Antonio Di Pietro – di una malriposta aspettativa di palingenesi dalla quale germogliarono abusi e dismisure mai abbastanza esecrati.

Quest’anno ricorre il venticinquennale di Tangentopoli, numerosi protagonisti di quell’epoca si sono defilati, altri hanno corretto le proprie posizioni, altri ancora sono scomparsi sottoterra o in qualche anfratto della memoria. Apprezzabili conversioni, per esempio quella dell’ex comunista e togato Luciano Violante – transitato nell’arco di due decenni dal fronte manettaro a quello dei denunciatori della così detta “società giudiziaria” –, hanno finalmente messo in questione il perverso rapporto tra politica, magistratura e mass media che ha prolungato fino ai giorni nostri lo stato d’eccezione del biennio 1992-1993.

Ed ecco il punto. Se il ventennio berlusconiano è stato un arco teso tra due Italie irrisolte sotto vari aspetti, da quello istituzionale a quello delle riforme economiche, il principato renziano è la dimostrazione che poco o nulla è stato realizzato dalla politica per emendare se stessa e costringere la magistratura a rinfoderare le armi messe a sua disposizione dal legislatore. L’inamovibile obbligatorietà dell’azione penale, la mancata separazione delle carriere, l’utilizzo spesso strumentale della carcerazione preventiva, le porte girevoli tra il Parlamento e le aule giudiziarie, la corsia preferenziale che collega le prime pagine dei giornali con i cassetti roventi in cui ribollono intercettazioni prive di rilievo penale e altri atti coperti da segreto investigativo: sono malanni culturali ancora intatti. E sui quali soltanto adesso, tardivamente, la sinistra al governo cerca di sollevare l’onda emotiva dell’urgenza riformatrice, stretta com’è tra i guai della famiglia Renzi e il cortocircuito tra le procure di Roma e Napoli.

Insomma il 1993 è anche oggi, e per certi versi oggi è peggio di allora: la politica ha dissipato un’altra consistente riserva del proprio credito di fronte agli elettori, la magistratura si è ulteriormente frammentata in blocchi, rendite e correnti in competizione frenetica nell’arrogarsi la palma della funzione salvifica ma unite nella resistenza alla messa in discussione delle casematte irriformabili, a cominciare dal Csm. In questo quadro prende forma il nostro numero speciale e solo in apparenza retrospettivo. Come leggerete nel dialogo tra due campioni della materia, l’avvocato ed ex sindaco Giuliano Pisapia e il magistrato Carlo Nordio, il 1993 non può ripetersi nelle stesse sembianze e tuttavia una profilassi efficace contro il virus mediatico-giudiziario non è mai stata nemmeno codificata.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

Sino a pochi anni fa parlare di auto a guida autonoma era credibile quanto prevedere lo sbarco degli alieni sulla Terra o aderire alla religione dei pastafariani che, per inciso, credono in un creatore sovrannaturale somigliante agli spaghetti con le polpette. Questo almeno sino a ieri, dato che oggi, con l’immissione sul mercato delle prime […]

L'articolo Guida autonoma: quanto ne sai? proviene da RED Live.

Ennesimo capitolo della Saga Monster, l’821 2018 si adegua all’Euro4 ed eredita le peculiarità stilistiche della sorella maggiore 1200. Più snello e slanciato torna all’essenzialità originale del primo Monster

L'articolo Ducati Monster 821 my 2018, come eravamo proviene da RED Live.

Anche i nobili, alle volte, sentono il bisogno di rinnovarsi. Si aggiorna così la Range Rover Sport, una delle SUV più blasonate e raffinate al mondo. A quattro anni dall’unveiling avvenuto al Salone di New York, la sport utility britannica beneficia di un profondo facelift estetico e di sostanza. Al punto da portare al debutto […]

L'articolo Range Rover Sport 2018: prima in tutto proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download