Google+

I vescovi africani: la strage di Lampedusa è responsabilità anche del nostro continente

ottobre 25, 2013 Redazione

Comunicato delle Conferenze episcopali di Africa e Madagascar: «Le persone fuggono a causa dell’assenza di libertà e sicurezza nei loro paesi»

All’indomani dell’ennesima notte all’insegna dei soccorsi in mare per i profughi in difficoltà nel Mediterraneo (sono ben 800 quelli salvati nelle ultime ore nel Canale di Sicilia, in quattro distinte operazioni), anche i vescovi dell’Africa prendono posizione sull’emergenza immigrazione. Ed è una posizione sorprendente.

IN CERCA DI LIBERTÀ. Infatti nel comunicato inviato all’agenzia Fides il Secam (Simposio delle Conferenze episcopali di Africa e Madagascar) afferma che tragedie come il naufragio avvenuto il 3 ottobre scorso al largo di Lampedusa, costato la vita a 366 profughi, per lo più eritrei e somali, sono anche una responsabilità africana. I vescovi del continente sono preoccupati perché «così tanti rifugiati dall’Africa orientale continuano ad intraprendere il pericoloso viaggio verso l’Europa alla ricerca della “libertà” a causa delle gravi condizioni politiche ed economiche dei loro Paesi di origine».

TRA ISLAMISTI E DITTATURE. In particolare, le guide della Chiesa cattolica africana citano Somalia ed Eritrea, paesi da dove provenivano molte delle vittime del naufragio di Lampedusa. «Nel caso della Somalia – si legge nella nota – le milizie al Shabaab terrorizzano la popolazione sin dal 1994. Questa lunga guerra ha provocato gravi problemi sociali ed economici. Anche la situazione politica in Eritrea ha spinto molti di questi migranti a fuggire dal loro Paese. Non esiste alcuna forma di liberà, non esiste libera stampa, né libertà religiosa e nessun diritto di assemblea. Queste persone affermano che cercano di dare un senso alla loro vita».

PIÙ CONTROLLI ALL’ORIGINE. A giudizio del Secam «il dramma della migrazione, con un crescente numero di giovani che rischiano la vita per abbandonare l’Africa, riflette la profondità del malessere di un continente dove ancora sono forti le resistenze ad assicurare alle proprie popolazioni lavoro, educazione e salute». L’Africa, spiegano i vescovi, «è ancora alla prese con violenze senza fine, gruppi armati illegali che continuano a minacciare la sicurezza della popolazione e dei loro beni che a loro volta provocano la fuga delle persone, come nel caso dell’incidente di Lampedusa». Il documento – informa l’agenzia Fides – si conclude con l’invito rivolto alle istituzioni africane affinché «operino per coordinare le politiche di controllo dei flussi migratori e soprattutto inizino un processo di miglioramento delle condizioni di vita dei loro Stati», e all’Europa perché tratti «questi migranti con maggiore compassione».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. marzio says:

    Secondo le istituzioni europee, invece la colpa è solo di noi Europei , che non siamo abbastanza “accoglienti” , in particolare gli Italiani !

    • GeertWilders4president says:

      E’ un problema per lo più degli africani. Io penso che gli africani dovrebbero iniziare a fare ciò che noi europei abbiamo fatto centinaia di anni fa (non parlo delle colonie, ma del darsi da fare per cambiare la loro situazione. tra l’altro noi non avevamo nessuna terra dove scappare, lottare è stata la nostra unica alternativa)

      Le istituzioni (ovviamente sinistroidi terzomondiste) europee pare non considerino gli africani abbastanza intelligenti, perciò li trattano alla stregua di bebè.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Kia Stinger è un’auto che segna per l’azienda coreana un nuovo approccio: 380 cavalli, quattro posti, design e grinta da sportiva. per questo anche le attività di marketing e comunicazione seguono un percorso diverso. Stinger approda in tv con “Wishlist, il metodo Stinger”, una mini-serie di 3 episodi da 30 minuti, in onda sul NOVE la […]

L'articolo Kia Stinger, mini serie per la tv proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.