Google+

I turchi preferiscono «lo Stato islamico ai ribelli. L’Esercito libero siriano rubava sempre gli aiuti umanitari e li rivendeva»

ottobre 24, 2014 Redazione

Al confine tra Turchia e Siria, gli abitanti sunniti parteggiano per i jihadisti: «Non ci hanno mai fatto niente di male. Ho anche degli amici a Raqqa e mi dicono che si sta bene»

confine-turchia-siria

I ribelli dell’Esercito libero siriano, quelli che gli Stati Uniti addestreranno in Turchia e Arabia Saudita per combattere contro Assad in Siria? «Sono peggio dello Stato islamico, i ribelli intercettavano sempre i camion che portavano aiuti [umanitari per i siriani] e poi rivendevano i beni ai commercianti turchi». La pensano così i residenti del villaggio turco di Akcakale, che si trova a un’ora di macchina da Kobane e a mezzo chilometro dalla città di confine siriana Tel Abyad, oggi in mano ai terroristi islamici.

«PREFERISCO LO STATO ISLAMICO». La maggior parte dei residenti, tutti musulmani sunniti, la pensano come Mustafa Kaymaz, esercente di 35 anni: «Non si sentono più spari – dichiara a Reuters – non c’è più caos. So che può sembrare strano ma preferisco avere lo Stato islamico al confine che il Libero esercito siriano». I turchi di questo villaggio cercano di mascherare la loro preferenza per i terroristi islamici: «Forse i cittadini hanno qualche simpatia per lo Stato islamico quando combattevano contro Assad ma adesso che attaccano i curdi, non più».

isis-stato-islamico«ORA ABBIAMO PACE». Eppure, spiega Yasin Balakan, «da quando hanno conquistato l’altra parte del confine abbiamo pace. Non capisco perché si fa tanto chiasso per Kobane. Il vero nemico è Assad, non lo Stato islamico. Assad ha usato armi chimiche, ucciso centinaia di migliaia di persone e nessuno ha alzato un dito». Nessuno in città sembra avere paura dei jihadisti e delle loro atrocità: «Bisognerebbe riaprire il confine perché possiamo tornare a commerciare. Così noi ci guadagniamo da vivere».

«A RAQQA SI STA BENE». Commerciare con dei terroristi può sembrare una pessima idea, ma non a Akcakale: «Non ci hanno mai fatto niente di male – afferma Mustafa Turan, 32 anni, proprietario di una sala da tè – per cui, perché no? Io devo guadagnarmi da vivere e dare da mangiare alla mia famiglia. Ho anche degli amici a Raqqa (capitale siriana del califfato, ndr) e Tel Abyad e mi dicono che la vita sotto la loro legge va bene, basta che segui le regole».

LA TURCHIA CEDE. Da quando la città siriana curda di Kobane è sotto attacco dello Stato islamico la Turchia ha schierato i carri armati lungo il confine ma non ha fatto un passo per opporsi ai terroristi. Per anni le nuove reclute di jihadisti e ribelli sono entrate in Siria attraverso i porosi confini turchi e il presidente Recep Tayyip Erdogan ha affermato che considera più pericolosi i turchi del Pkk dell’Isis. Dopo aver impedito per un mese ai curdi turchi e iracheni di attraversare il confine per aiutare la città sotto assedio, Erdogan ha dovuto cedere alle pressioni degli Stati Uniti, che sono arrivati a far arrivare nuove armi per i curdi che stanno difendendo Kobane per via aerea.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Fabio G says:

    La notizia che mi fa paura è questa:
    “…I ribelli dell’Esercito libero siriano, quelli che gli Stati Uniti addestreranno in Turchia e Arabia Saudita per combattere contro Assad in Siria?…”
    Cioè una guerra per gli interessi degli USA contro Assad fatta combattere da altri?

    Intanto con la scusa dell’ISIS gli USA si stanno dando da fare per distruggere varie infrastrutture della Siria.

    Ma allora è vera la storia che attorno ad Israele non vogliono alcuno Stato nazionale abbastanza organizzato, ma vogliono solo macerie.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi