Google+

I test di orientamento servono. «Gli studenti vengono responsabilizzati»

gennaio 31, 2012 Daniele Ciacci

Giovanni Gobber, ordinario di Linguistica in Cattolica, spiega a tempi.it perché l’idea di istituire test d’accesso “orientativi” obbligatori in ogni facoltà non è niente male: «Trovo serio puntare sull’autovalutazione, bisogna imparare a responsabilizzare gli studenti. E poi non si può, salvo in alcuni casi, negare allo studente di impegnarsi in ciò che desidera».

Prima che si accendessero i toni sul valore legale del titolo di studio, il ministro dell’Istruzione Francesco Profumo aveva avanzato un’altra proposta nel decreto legge sulle semplificazioni, poi caduta nel vuoto. L’ex rettore del Politecnico di Torino aveva previsto l’istituzione di un test d’accesso obbligatorio in ogni facoltà, il cui fine non è “bocciare” ma “orientare”. Le domande a risposta multipla del quiz avrebbero il compito di indicare allo studente se è portato per il corso di studi che vuole seguire, invitandolo ad autovalutarsi. È un’idea innovativa che può responsabilizzare i neodiplomati o un tentativo blando di raggiungere una meritocrazia senza valore? Ne parla a tempi.it Giovanni Gobber, docente ordinario di Linguistica presso l’Università Cattolica di Milano.

Mi scusi, ma non sarebbe più utile bocciare chi non passa l’esame?
Il problema è complesso. In primo luogo, la legge non consente di impedire l’accesso a tutti i corsi di studio. Ci sarebbero ricorsi al tribunale amministrativo. Solo alcune facoltà sono a numero chiuso: medicina, veterinaria, infermieristica, ecc. Per le altre, le prove d’ingresso devono essere solamente indicative. Non si può, a parte alcune eccezioni, negare allo studente di impegnarsi in ciò che desidera.

Ma allora a che cosa serve un test di orientamento?
Serve, io trovo abbastanza serio puntare sull’autovalutazione. Gli studenti sono capaci di giudicare il proprio operato, e sicuramente far notare la mancanza di una serie di competenze necessarie ha un impatto notevole. Io seguo le matricole, e noto in loro la capacità di autocritica e la consapevolezza dei propri limiti. Il problema non è bocciare. Spesso la bocciatura viene vista come un atto di imperio dove non sono le proprie competenze a essere valutate negativamente, ma le circostanze avverse. Così, sono agevolato nella condizione di fregare il docente. Invece, bisogna imparare a responsabilizzare gli studenti. E l’autovalutazione è un metodo assolutamente positivo, quando il test è ben fatto.

Su che cosa punterebbe un test di autovalutazione?
Sia su quiz di logica che su dati nozionistici. Chiedere dei contenuti empirici che si possono apprendere dentro a un percorso di studi vuol dire eccedere nella nozione e può avere un effetto negativo. Non si tiene conto che uno studente con grandi capacità logiche può recepire velocemente dei contenuti nozionali. E poi è evidente che all’inizio del corso di studi non si avranno tutte le competenze che si apprendono durante il corso stesso. Inoltre, può essere molto utile un’analisi del testo: capirlo, estrapolarne i contenuti, argomentarlo. La capacità critica è ciò che veramente manca ai nostri giovani. Infine, orientare parte del test sulle competenze disciplinari non mi pare errato. Anche perché, in questo modo, l’università può supplire alle mancanze delle scuole superiori, mostrando in quali materie lo studente sia lacunoso. Non tutte le scuole sono uguali.

E neanche tutte le università. Si può pensare a test d’accesso più difficili per gli atenei d’eccellenza?
Il test, ripeto, ha fini orientativi, e non selettivi. Con l’abolizione del valore legale del titolo di studio, si può pensare a distinguere i test. Ma metterei in luce due domande: davvero la singola università valuta tutti gli studenti allo stesso modo? Bisogna valutare l’intero ateneo, o i singoli corsi di laurea all’interno dell’università? Si deve rispondere a queste domande.
twitter: @DanieleCiacci

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana