Google+

I tecnici tagliano e tassano ma l’indebitamento pubblico cresce

luglio 4, 2012 Francesco Amicone

L’indebitamento dello stato è ancora in crescita, nonostante le manovre del governo tecnico: diminuiscono le entrate e, con gli interessi sui titoli di stato alle stelle, volano le spese.

È il dato peggiore dal 2009, comunica l’Istat: il rapporto deficit/Pil del primo trimestre del 2012 è salito all’8 per cento, cresciuto di un punto percentuale rispetto al corrispondente trimestre del 2011.  A pesare sull’indebitamento pubblico, che nonostante le manovre del governo continua a crescere, «l’aumento della spesa per interessi dovuto alla salita nel corso del 2011 dei rendimenti sui titoli di Stato» e «il calo delle entrate causato dall’andamento negativo dell’economia», spiega l’Istat.

Nel primo trimestre 2012 le uscite totali dalle casse dello Stato sono aumentate, in termini tendenziali, dell’1,3 per cento. Le uscite correnti sono cresciute del 2,6 per cento, con interessi passivi che sono aumentati del 16 per cento. Le entrate totali sono diminuite, in termini tendenziali, dell’1 per cento, quelle correnti dello 0,2 per cento. Il saldo primario (l’indebitamento al netto degli interessi passivi) è risultato negativo e pari a 11.471 milioni di euro. L’incidenza sul Pil è stata del – 3,0 per cento. Il saldo corrente (il risparmio) è stato pari a – 21.952 milioni di euro, a fronte dei -17.120 milioni di euro nel corrispondente trimestre dell’anno precedente, con un’incidenza sul Pil del – 5,8 per cento.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

La seconda generazione di 3008 cresce nelle dimensioni, nella capacità di carico e nella ricchezza delle dotazioni sia di sicurezza sia multimediali. Confermato il controllo della trazione evoluto Grip Control. Motori turbo benzina o diesel con potenze da 130 a 180 cv.

La Classe E si rinnova profondamente a partire dai motori, più potenti ed efficienti, e diventa così intelligente da farsi carico della parte stressante della guida, per lasciare a chi siede al volante solo quella più piacevole. Prezzi a partire da 51.100 euro.

Purezza di linee, design minimalista e un cuore storico. La bella special presentata a Villa d'Este è un omaggio a un modello che ha rappresentato un punto di svolta per la casa bavarese, e non solo.

Arriverà a settembre la versione più matura e di maggior cilindrata del fortunato tre ruote giapponese. L'ABS è di serie

Altre quattro coppie di padri e figli legati a doppio filo alle corse in auto (più una di intrusi a due ruote), con destini spesso differenti, ma anche con qualche eccezione degna di nota

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana