Google+

I tecnici tagliano e tassano ma l’indebitamento pubblico cresce

luglio 4, 2012 Francesco Amicone

L’indebitamento dello stato è ancora in crescita, nonostante le manovre del governo tecnico: diminuiscono le entrate e, con gli interessi sui titoli di stato alle stelle, volano le spese.

È il dato peggiore dal 2009, comunica l’Istat: il rapporto deficit/Pil del primo trimestre del 2012 è salito all’8 per cento, cresciuto di un punto percentuale rispetto al corrispondente trimestre del 2011.  A pesare sull’indebitamento pubblico, che nonostante le manovre del governo continua a crescere, «l’aumento della spesa per interessi dovuto alla salita nel corso del 2011 dei rendimenti sui titoli di Stato» e «il calo delle entrate causato dall’andamento negativo dell’economia», spiega l’Istat.

Nel primo trimestre 2012 le uscite totali dalle casse dello Stato sono aumentate, in termini tendenziali, dell’1,3 per cento. Le uscite correnti sono cresciute del 2,6 per cento, con interessi passivi che sono aumentati del 16 per cento. Le entrate totali sono diminuite, in termini tendenziali, dell’1 per cento, quelle correnti dello 0,2 per cento. Il saldo primario (l’indebitamento al netto degli interessi passivi) è risultato negativo e pari a 11.471 milioni di euro. L’incidenza sul Pil è stata del – 3,0 per cento. Il saldo corrente (il risparmio) è stato pari a – 21.952 milioni di euro, a fronte dei -17.120 milioni di euro nel corrispondente trimestre dell’anno precedente, con un’incidenza sul Pil del – 5,8 per cento.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

Segmento per segmento, ecco le auto meno assetate a listino. 14 modelli che rifuggono il distributore come la peste, con potenze comprese tra 54 e 442 cv. Spopolano le alimentazioni ibride, ma le moderne TD si difendono egregiamente

Da prototipo da 20.000 sterline a prodotto di serie, il passo sarà breve? No, ma la strada è segnata e le potenzialità della nuova tecnologia 3D ancora poco esplorate

Se noi siamo un popolo di navigatori, gli americani sono sicuramente un popolo di viaggiatori in aereo e, come tali, si ingegnano di conseguenza…

La vettura di serie più simile a una Formula 1 mai realizzata dalla Casa di Maranello. Erede di F40, era mossa da un V12 4.7 da 520 cv e adottava una struttura monoscocca in carbonio. Nata nel 1997, oggi vale oltre 1 milione di euro

Speciale Nuovo San Gerardo