Google+

I tecnici tagliano e tassano ma l’indebitamento pubblico cresce

luglio 4, 2012 Francesco Amicone

L’indebitamento dello stato è ancora in crescita, nonostante le manovre del governo tecnico: diminuiscono le entrate e, con gli interessi sui titoli di stato alle stelle, volano le spese.

È il dato peggiore dal 2009, comunica l’Istat: il rapporto deficit/Pil del primo trimestre del 2012 è salito all’8 per cento, cresciuto di un punto percentuale rispetto al corrispondente trimestre del 2011.  A pesare sull’indebitamento pubblico, che nonostante le manovre del governo continua a crescere, «l’aumento della spesa per interessi dovuto alla salita nel corso del 2011 dei rendimenti sui titoli di Stato» e «il calo delle entrate causato dall’andamento negativo dell’economia», spiega l’Istat.

Nel primo trimestre 2012 le uscite totali dalle casse dello Stato sono aumentate, in termini tendenziali, dell’1,3 per cento. Le uscite correnti sono cresciute del 2,6 per cento, con interessi passivi che sono aumentati del 16 per cento. Le entrate totali sono diminuite, in termini tendenziali, dell’1 per cento, quelle correnti dello 0,2 per cento. Il saldo primario (l’indebitamento al netto degli interessi passivi) è risultato negativo e pari a 11.471 milioni di euro. L’incidenza sul Pil è stata del – 3,0 per cento. Il saldo corrente (il risparmio) è stato pari a – 21.952 milioni di euro, a fronte dei -17.120 milioni di euro nel corrispondente trimestre dell’anno precedente, con un’incidenza sul Pil del – 5,8 per cento.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

C'è qualcosa di più suggestivo che guidare tra Los Angeles e Malibu? Protagonista la Moto Guzzi California Custom 1400. E uno dei più grandi designer contemporanei, Miguel Galluzzi

Proclamati i vincitori degli ambitissimi Eurobike Gold Awards 2014. Dalla bici da crono monobraccio a quella da città più "stilosa", passando per il capo d’abbigliamento e gli accessori più innovativi, ecco i dominatori di tutte e undici le categorie

La nuova SUV nipponica rinnega il passato da 4x4 nuda e pura, strizzando l’occhio all’utilizzo su asfalto. Mutua il sistema di trazione integrale dalla crossover S-Cross. Sarà disponibile anche in versione 2WD

Svelata la versione track oriented della supersportiva britannica, mossa da un’unità ibrida da 1.000 cv. Confermata la monoscocca in carbonio derivata dalla serie. Adotta un’ala monoplano forte del sistema DRS mutuato dalla F1

Speciale Nuovo San Gerardo