Google+

I tecnici tagliano e tassano ma l’indebitamento pubblico cresce

luglio 4, 2012 Francesco Amicone

L’indebitamento dello stato è ancora in crescita, nonostante le manovre del governo tecnico: diminuiscono le entrate e, con gli interessi sui titoli di stato alle stelle, volano le spese.

È il dato peggiore dal 2009, comunica l’Istat: il rapporto deficit/Pil del primo trimestre del 2012 è salito all’8 per cento, cresciuto di un punto percentuale rispetto al corrispondente trimestre del 2011.  A pesare sull’indebitamento pubblico, che nonostante le manovre del governo continua a crescere, «l’aumento della spesa per interessi dovuto alla salita nel corso del 2011 dei rendimenti sui titoli di Stato» e «il calo delle entrate causato dall’andamento negativo dell’economia», spiega l’Istat.

Nel primo trimestre 2012 le uscite totali dalle casse dello Stato sono aumentate, in termini tendenziali, dell’1,3 per cento. Le uscite correnti sono cresciute del 2,6 per cento, con interessi passivi che sono aumentati del 16 per cento. Le entrate totali sono diminuite, in termini tendenziali, dell’1 per cento, quelle correnti dello 0,2 per cento. Il saldo primario (l’indebitamento al netto degli interessi passivi) è risultato negativo e pari a 11.471 milioni di euro. L’incidenza sul Pil è stata del – 3,0 per cento. Il saldo corrente (il risparmio) è stato pari a – 21.952 milioni di euro, a fronte dei -17.120 milioni di euro nel corrispondente trimestre dell’anno precedente, con un’incidenza sul Pil del – 5,8 per cento.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

“Pistaiolo” o crossover ecco le due nuove interpretazioni del mondo tre ruote secondo Yamaha

115 kg più leggera della sorella maggiore 650S, la nuova “piccola” McLaren adotta il medesimo V8 3.8 biturbo, depotenziato da 650 a 570 cv. Scatta da 0 a 100 km/h in 3,2 secondi. Confermato il telaio monoscocca in carbonio.

Interpretazione estrema della roadster tedesca, s’ispira alle spider degli Anni ’50 e ’60. La capote in tela è ad azionamento manuale, il peso contenuto in 1.315 kg e il 6 cilindri boxer 3.8, di derivazione Cayman GT4, eroga 375 cv.

L'azienda francese lancia la replica del casco del pilota MotoGP Scott Redding in due versioni: Race-R PRO Carbon e Speed-R Carbon Serie 2

Sulla sua pagina web si definisce "vetetiste de l'extreme"... Per dare concretezza al soprannome, Eric Barone ha stabilito l'ennesimo record sulla neve di Vars, in Francia, superando il suo precendente limite di 222 km/h

Speciale Nuovo San Gerardo