Google+

I tecnici tagliano e tassano ma l’indebitamento pubblico cresce

luglio 4, 2012 Francesco Amicone

L’indebitamento dello stato è ancora in crescita, nonostante le manovre del governo tecnico: diminuiscono le entrate e, con gli interessi sui titoli di stato alle stelle, volano le spese.

È il dato peggiore dal 2009, comunica l’Istat: il rapporto deficit/Pil del primo trimestre del 2012 è salito all’8 per cento, cresciuto di un punto percentuale rispetto al corrispondente trimestre del 2011.  A pesare sull’indebitamento pubblico, che nonostante le manovre del governo continua a crescere, «l’aumento della spesa per interessi dovuto alla salita nel corso del 2011 dei rendimenti sui titoli di Stato» e «il calo delle entrate causato dall’andamento negativo dell’economia», spiega l’Istat.

Nel primo trimestre 2012 le uscite totali dalle casse dello Stato sono aumentate, in termini tendenziali, dell’1,3 per cento. Le uscite correnti sono cresciute del 2,6 per cento, con interessi passivi che sono aumentati del 16 per cento. Le entrate totali sono diminuite, in termini tendenziali, dell’1 per cento, quelle correnti dello 0,2 per cento. Il saldo primario (l’indebitamento al netto degli interessi passivi) è risultato negativo e pari a 11.471 milioni di euro. L’incidenza sul Pil è stata del – 3,0 per cento. Il saldo corrente (il risparmio) è stato pari a – 21.952 milioni di euro, a fronte dei -17.120 milioni di euro nel corrispondente trimestre dell’anno precedente, con un’incidenza sul Pil del – 5,8 per cento.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Corsa si arrabbia, passa in visita al reparto OPC e ne esce più cattiva che mai. 207 cv e 0 - 100 km/h in 6,8 secondi sono il suo biglietto da visita. In vendita da Giugno a 21900 euro.

La crossover francese è proposta in due allestimenti speciali caratterizzati dalla verniciatura satinata e da una dotazione di serie decisamente ricca. Prezzi da 23.310 euro.

RS, Renn Sport, ovvero il turismo sportivo secondo BMW. Questa sigla storica torna a campeggiare su una sport touring dedicata a chi guida la moto stradale a 360 gradi. Base di partenza la naked R1200R, con interventi mirati all'uso più ampio della moto. Costa 14.650 euro chiavi in mano, ma… come sempre, alcuni optional obiettivamente irrinunciabili fanno lievitare un po' il prezzo

La sportiva americana celebra i successi della “sorella” da gara adottando di serie il pacchetto Z07 Performance. Ai freni carboceramici Brembo si accompagna il V8 6.2 SC da 659 cv.

La concept tedesca anticipa lo stile delle future berline VW e adotta un sistema propulsivo ibrido plug-in da 245 cv che le consente di scattare da 0 a 100 km/h in 8,6 secondi percorrendo oltre 43 km/l. Lo Chauffeur Mode programma la vita del guidatore.

Speciale Nuovo San Gerardo