Google+

«I tagli non generano né crescita né fiducia». I leader di Troika e Ue scaricano (a parole) il rigore

aprile 22, 2013 Matteo Rigamonti

L’austerity non funziona, la crisi continua, i leader di Unione Europea e Fmi prendono le distanze dal rigore. A quando politiche serie per la crescita?

Anche la troika si è stufata dell’austerity. Dopo aver predicato e praticato rigore e soltanto rigore nei conti, in lungo e in largo per il Vecchio Continente, e dopo averne constatato con amarezza l’inconcludenza per via del prosieguo delle crisi economiche in paesi come Grecia, Portogallo, Spagna, Italia e Cipro, anche i leader di Ue, Bce e Fmi scaricano il pacchetto di politiche tanto care, almeno negli ultimi anni, a eurocrati e alla cancelliera tedesca Angela Merkel. Politiche che, però, mai si sono rivelate essere favorevoli alla crescita nei paesi più in difficoltà d’Europa, come l’Italia.

I TAGLI, DA SOLI, NON SERVONO. «I tagli, da soli, non generano né crescita né fiducia», ha dichiarato il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz in un’intervista a El Pais. Che poi ha aggiunto: «Se proseguiamo con i tagli senza vedere una via d’uscita dalla crisi, perderemo credibilità». E ancora: «Il progetto europeo è minacciato», da questa particolare situazione.
A ribadire il concetto che l’austerity non può più essere la sola risposta alla crisi, anche se da un punto di vista differente, è stato il presidente della Commissione europea Josè Barroso che, intervenendo al summit europeo dei think tank di Bruxelles, l’ha messa giù in questo modo: «Anche se credo che questa politica sia fondamentalmente giusta, penso che abbia raggiunto il limite». In che senso? «In realtà – ha spiegato Barroso – ci sono state resistenze, ritardi ed esitazioni; contraddizioni tra le decisioni prese ai più alti livelli e la loro attuazione; e a volte contraddizioni tra i principi professati e le politiche perseguite». I leader dei paesi membri sarebbero i principali responsabili di tutto ciò, secondo Barroso. Ma non è tutto: «L’opinione pubblica è ancora troppo frammentata lungo i confini nazionali», secondo Barroso; e «il dibattito politico è troppo ispirato all’interesse nazionale».

USCIRE DALLA “GABBIA”, MA COME? Chi, invece, in passato, aveva già avuto avuto modo di prendere le distanze dall’asuterity è Christine Lagarde, direttrice del Fondo monetario internazionale, che, a margine della sei giorni dell’Fmi di Washington, ha ribadito come occorra «dare più ossigeno all’economia». E ha indicato che, in questo contesto, ad avere più «spazi di manovra» per ridurre i tassi sarebbe, secondo lei, la Banca centrale europea.
Ma proprio Mario Draghi, il presidente della Bce, che già aveva definito l’austerity una «gabbia» rischiosa, sostiene che più che i tassi bisognerebbe ridurre le «tasse» per far ripartire l’economia. Che fare, allora? E da dove partire? Su questo punto, a quanto pare, i leader della troika e dell’Unione europea ancora non sembrano essersi messi d’accordo per nulla. Resta il fatto che, per dirla con le parole di Ignazio Visco, il presidente della Banca d’Italia, per l’Europa «una lettura meno talebana dell’austerity potrebbe essere utile». Potrebbe, appunto.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. marzio scrive:

    Ma va ? Anche i parrucconi della troika ed affiliati si sono resi conto che l’austerita’ espansiva e’ una corbelleria, che arreca danni a tanti e gonfia le tasche di alcuni notabili,,,,ha ragione però Matteo Rigamonti, solo a parole, purtroppo. Questi signori conoscono bene l’arte della dissimulazione, pensano una cosa ma ne dicono un’altra, in base alle circostanze, peccato che non si rendano conto che sono rimasti in pochi a credere nella loro affidabilità, onesta’ e buona fede.

    • ragnar scrive:

      Vedi, i leaders di Troika e UE sono come i Moai, le teste dell’Isola di Pasqua. C’é solo una cosa da capire: qual é la piú di c…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana