Google+

«I tagli non generano né crescita né fiducia». I leader di Troika e Ue scaricano (a parole) il rigore

aprile 22, 2013 Matteo Rigamonti

L’austerity non funziona, la crisi continua, i leader di Unione Europea e Fmi prendono le distanze dal rigore. A quando politiche serie per la crescita?

Anche la troika si è stufata dell’austerity. Dopo aver predicato e praticato rigore e soltanto rigore nei conti, in lungo e in largo per il Vecchio Continente, e dopo averne constatato con amarezza l’inconcludenza per via del prosieguo delle crisi economiche in paesi come Grecia, Portogallo, Spagna, Italia e Cipro, anche i leader di Ue, Bce e Fmi scaricano il pacchetto di politiche tanto care, almeno negli ultimi anni, a eurocrati e alla cancelliera tedesca Angela Merkel. Politiche che, però, mai si sono rivelate essere favorevoli alla crescita nei paesi più in difficoltà d’Europa, come l’Italia.

I TAGLI, DA SOLI, NON SERVONO. «I tagli, da soli, non generano né crescita né fiducia», ha dichiarato il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz in un’intervista a El Pais. Che poi ha aggiunto: «Se proseguiamo con i tagli senza vedere una via d’uscita dalla crisi, perderemo credibilità». E ancora: «Il progetto europeo è minacciato», da questa particolare situazione.
A ribadire il concetto che l’austerity non può più essere la sola risposta alla crisi, anche se da un punto di vista differente, è stato il presidente della Commissione europea Josè Barroso che, intervenendo al summit europeo dei think tank di Bruxelles, l’ha messa giù in questo modo: «Anche se credo che questa politica sia fondamentalmente giusta, penso che abbia raggiunto il limite». In che senso? «In realtà – ha spiegato Barroso – ci sono state resistenze, ritardi ed esitazioni; contraddizioni tra le decisioni prese ai più alti livelli e la loro attuazione; e a volte contraddizioni tra i principi professati e le politiche perseguite». I leader dei paesi membri sarebbero i principali responsabili di tutto ciò, secondo Barroso. Ma non è tutto: «L’opinione pubblica è ancora troppo frammentata lungo i confini nazionali», secondo Barroso; e «il dibattito politico è troppo ispirato all’interesse nazionale».

USCIRE DALLA “GABBIA”, MA COME? Chi, invece, in passato, aveva già avuto avuto modo di prendere le distanze dall’asuterity è Christine Lagarde, direttrice del Fondo monetario internazionale, che, a margine della sei giorni dell’Fmi di Washington, ha ribadito come occorra «dare più ossigeno all’economia». E ha indicato che, in questo contesto, ad avere più «spazi di manovra» per ridurre i tassi sarebbe, secondo lei, la Banca centrale europea.
Ma proprio Mario Draghi, il presidente della Bce, che già aveva definito l’austerity una «gabbia» rischiosa, sostiene che più che i tassi bisognerebbe ridurre le «tasse» per far ripartire l’economia. Che fare, allora? E da dove partire? Su questo punto, a quanto pare, i leader della troika e dell’Unione europea ancora non sembrano essersi messi d’accordo per nulla. Resta il fatto che, per dirla con le parole di Ignazio Visco, il presidente della Banca d’Italia, per l’Europa «una lettura meno talebana dell’austerity potrebbe essere utile». Potrebbe, appunto.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. marzio scrive:

    Ma va ? Anche i parrucconi della troika ed affiliati si sono resi conto che l’austerita’ espansiva e’ una corbelleria, che arreca danni a tanti e gonfia le tasche di alcuni notabili,,,,ha ragione però Matteo Rigamonti, solo a parole, purtroppo. Questi signori conoscono bene l’arte della dissimulazione, pensano una cosa ma ne dicono un’altra, in base alle circostanze, peccato che non si rendano conto che sono rimasti in pochi a credere nella loro affidabilità, onesta’ e buona fede.

    • ragnar scrive:

      Vedi, i leaders di Troika e UE sono come i Moai, le teste dell’Isola di Pasqua. C’é solo una cosa da capire: qual é la piú di c…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prenderà il via dall’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola sabato 29 e domenica 30 aprile il Campionato monomarca MINI Challenge 2017, organizzato con il supporto di ACI Sport. Le sei tappe previste, da aprile a ottobre, si correranno sui più celebri circuiti italici e, chi non potrà partecipare o assistere, potrà godersi la visione in streaming su Dplay, la piattaforma on […]

L'articolo MINI Challenge, al via la nuova edizione proviene da RED Live.

Ci sono eventi che arrivano immediatamente ai fasti della cronaca e altri, non meno importanti, che vuoi per casualità, vuoi perché comunicati con meno forza, passano quasi sotto silenzio. Mentre il Salone di Shangai, tuttora in corso, celebra una miriade di modelli e versioni dedicati pressoché esclusivamente al mercato cinese, resta inspiegabilmente in secondo piano […]

L'articolo Jeep Yuntu: l’ora dell’ibrido plug-in proviene da RED Live.

LIVE I mega SUV americani restano un sogno per chi ama il genere: in Europa non ce ne sono molti ma oggi ci si può avvicinare grazie a Ford Edge. È l’ammiraglia dei SUV dell’ovale blu: con 4,81 metri di lunghezza (+ 30 centimetri rispetto alla Kuga) e la seduta a ben 70 centimetri da terra, domina il traffico. […]

L'articolo Prova Ford EDGE Sport 2.0 TdCi proviene da RED Live.

Monovolume, SUV e crossover, ma anche multispazio, sportive, ibride ed elettriche: “l’affollamento” in abitacolo è un must e proliferano le auto a sette posti. Ecco i migliori modelli sul mercato.

L'articolo Quando cinque non bastano, le migliori auto a 7 posti proviene da RED Live.

Nel mondo delle supercar c’è grande fermento per l’imminente debutto della Aston Martin Valkyrie e della Mercedes-AMG Project One, “parenti strette” delle vetture da Formula 1. Auto che, però, vuoi per il frazionamento dei propulsori, vuoi per alcune soluzioni telaistiche, non attingono tanto profondamente quanto affermato nei proclami alla tecnologia delle monoposto. Diversamente da quanto […]

L'articolo Ferrari F50: la Formula 1 sono io proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana