Google+

I referendum anti-Obama che il presidente può ancora annullare

novembre 12, 2012 Benedetta Frigerio

La scelta contro la riforma sanitaria di Alabama, Wyoming, Montana, Missouri. Ma per questi Stati ogni sforzo contro l’obbligo assicurativo potrebbe comunque rivelarsi vano

Sono quattro su cinque gli Stati che hanno cercato di opporsi alla riforma sanitaria di Barack Obama, la quale obbliga tutti i cittadini americani a stipulare una polizza assicurativa, anche nel caso non la vogliano. Così, il 6 novembre scorso, l’Alabama, la Florida, il Wyoming, il Montana e il Missouri, seguendo gli altri 24 Stati che hanno denunciato il governo di lesione della libertà individuale e di quella religiosa (la riforma costringe anche gli enti religiosi a pagare assicurazioni inclusive di aborto e contraccezione), hanno avanzato proposte in questo senso.

PIU’ DI MEZZA AMERICA. Fra questi la Florida è stato l’unico territorio a respingere, con il 52 per cento dei voti, il quesito che richiedeva di opporsi all’obbligo federale di assicurarsi apponendo un emendamento alla costituzione statale. Il Missouri, invece, ha approvato la richiesta con il 63 per cento dei voti. Insieme all’Alabama che, con il 58 per cento dei sì, ha espresso la volontà di opporsi all’obbligo per ogni Stato di costituire entro il 16 novembre un sistema assicurativo controllato dal governo. In Montana un emendamento simile è passato con il 64,6 per cento dei voti contro il 35, mentre in Wyoming il 76 per cento ha votato affinché «nessuna legge, regolamento o decisione amministrativa federale o statale, obbligherà direttamente o indirettamente, alcuna persona, datore di lavoro o erogatore di servizi sanitari a partecipare ad un sistema sanitario». Ma questi territori non sono soli. Già prima delle elezioni l’Arizona e l’Oklahoma avevano modificato le proprie Costituzioni contro l’imposizione contenuta nella riforma presidenziale.

IL “CATTOLICO” DISOBBEDIENTE. Ma per questi Stati ogni sforzo contro l’obbligo assicurativo potrebbe comunque rivelarsi vano e restare simbolico se venisse applicata la norma, sempre inclusa nella riforma, che dà al governo federale il potere di istituire di propria iniziativa, qualora lo Stato non ne abbia creato nessuno entro il 2014, un mercato assicurativo sottoposto a controlli da parte del ministero della Salute al quale potranno accedere solamente polizze sanitarie certificate dall’autorità statale. Una possibilità questa rinforzata dal pronunciamento della Corte Suprema del 28 giugno scorso: grazie al voto inaspettato di un cattolico, John Roberts, che ha votato a favore della legge, nonostante la Chiesa stia combattendo da gennaio una battaglia proprio contro la lesione dell’obiezione di coscienza, 5 giudici contro 4 hanno difeso la riforma sanitaria di Obama dal ricorso dei 28 Stati.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana