Google+

I pirati informatici alla conquista di Hollywood. Il caso di Cloud Atlas

febbraio 11, 2013 Paola D'Antuono

Il produttore dell’ultimo film dei fratelli Wachowski racconta le conseguenze disastrose dell’attacco informatico ai danni della pellicola.

In questi giorni il cinema che conta è riunito a Berlino per la 63esima edizione della Berlinale, una delle mostre cinematografiche più importanti al mondo . Tra i film presenti all’appuntamento tedesco c’è anche Cloud Atlas, l’ultima fatica dei fratelli Wachowski, già registi della trilogia di Matrix. La pellicola, presentata lo scorso 8 febbraio, è stata accompagnata dal produttore tedesco Allemand Stefan Arndt, che ha raccontato al settimanale Die Zelt quanto la pirateria abbia influito negativamente sugli incassi del film.

PIRATI. Stando ai racconti del produttore, Cloud Altlas era già condannato prima della sua uscita a subire l’attacco dei pirati informatici, che avevano già messo gli occhi sul film nell’estate del 2012, ben otto settimane prima dell’anteprima mondiale: «Migliaia di utenti si erano registrati su diversi siti di file sharing in attesa di vedere illegalmente Cloud Altas». Un film costato cento milioni di euro, a cui si sommano altri cento milioni per l’attività di produzione e distribuzione. Soldi che il produttore non riuscirà mai a recuperare, a causa della pirateria cinematografica che ha preso di mira il suo costosissimo film. Sette giorni dopo l’anteprima mondiale, avvenuta in America il 26 ottobre, il film è approdato in Russia su esplicita richiesta del co-produttore russo ed è bastato qualche giorno per permettere agli hacker russi di piratare la copia e pubblicare il film online i primi giorni di novembre.

COSTI. Eppure le copie del film erano tutte dotate dei più moderni sistemi di codifica e ogni copia del film è legata a una sola proiezione rintracciabile. Ma tutta la macchina organizzativa messa in piedi per registrare e pubblicare il film ha impedito di rintracciare i responsabili dell’hackeraggio. Arndt ha definito i server dove vengono caricati i film come “le banche svizzere del cinema internazionale”, praticamente impossibili da localizzare e denunciare. Così, qualche giorno prima della proiezione ufficiale alla Berlinale, il film di fantascienza interpretato da Tom Hanks, Hugh Grant e Halle Berry era già disponibile in rete con i sottotitoli in tedesco, senza contare tutte le copie disponibili nella altre lingue. Risultato: 85 milioni di incasso mondiale, bruscolini rispetto ai duecento milioni di investimento totale. La storia di Cloud Atlas (che in molti in verità hanno definito “bruttino”) è solo uno dei centinaia di esempi possibili dei danni provocati dalla pirateria, che sempre più spesso costringe i produttori a tagliare i budget, accettare partnership improbabili per contenere i costi e cercare di arrivare al botteghino incassando il più possibile durante la prima settimana di proiezione. Perché ai pirati bastano pochi giorni per entrare in azione e mandare in fumo milioni di dollari.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana