Google+

I pazienti inglesi non perdonano: 150.859 denunce per i medici di famiglia

novembre 11, 2012 Elisabetta Longo

In Inghilterra non c’è pace per i dottori. Ogni motivo è buono per intentare le cause più assurde, dai dubbi sulle terapie consigliate ai modi troppo sbrigativi in sala operatoria.

150.859 denunce per i medici di famiglia inglesi, tra il 2011 e il 2012, l’8 per cento in più rispetto all’anno precedente. Una montagna di pazienti insoddisfatti per i motivi più disparati. 1.6337 sono le cause dovute alla scarsa preparazione del medico di base, che non è stato in grado di individuare i sintomi che affliggevano il paziente. Che, interdetto, si è rivolto al mediatore sanitario, la figura istituzionale che si occupa di cause intentate nei confronti del personale medico.

PAZIENTI TROPPO SENSIBILI. 1.523 cause, invece, sono state portate avanti perché i medici non avevano riconosciuto la prescrizione di una terapia sbagliata, 1.600 perché le scuse presentate non erano sufficienti. La suscettibilità dei pazienti rappresenta una variabile notevole in certi casi: un signore ha fatto causa al suo medico perché, di fronte al suo terrore per l’anestesia pre-operatoria, il medico gli ha intimato sbrigativamente di non fare il bambino. Un’altra invece ha fatto causa al medico che le aveva detto: «Sua madre probabilmente non avrà molto tempo da vivere» in un modo troppo brusco perché lei lo accettasse. Viene in mente il dr House e la sua celebre frase “Vuoi un medico che ti tiene la mano mentre muori o uno che ti ignori mentre migliori?”.

PAZIENTI CAMPIONI. Per tutti questi motivi, e per evitare che continui il numero delle denunce, il ministero della Salute britannica ha istituito la figura del “paziente campione”, che verrà consultato a intervalli regolari per capire l’andamento di certi servizi assistenziali ed eventualmente migliorarli.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi