Google+

I pazienti inglesi non perdonano: 150.859 denunce per i medici di famiglia

novembre 11, 2012 Elisabetta Longo

In Inghilterra non c’è pace per i dottori. Ogni motivo è buono per intentare le cause più assurde, dai dubbi sulle terapie consigliate ai modi troppo sbrigativi in sala operatoria.

150.859 denunce per i medici di famiglia inglesi, tra il 2011 e il 2012, l’8 per cento in più rispetto all’anno precedente. Una montagna di pazienti insoddisfatti per i motivi più disparati. 1.6337 sono le cause dovute alla scarsa preparazione del medico di base, che non è stato in grado di individuare i sintomi che affliggevano il paziente. Che, interdetto, si è rivolto al mediatore sanitario, la figura istituzionale che si occupa di cause intentate nei confronti del personale medico.

PAZIENTI TROPPO SENSIBILI. 1.523 cause, invece, sono state portate avanti perché i medici non avevano riconosciuto la prescrizione di una terapia sbagliata, 1.600 perché le scuse presentate non erano sufficienti. La suscettibilità dei pazienti rappresenta una variabile notevole in certi casi: un signore ha fatto causa al suo medico perché, di fronte al suo terrore per l’anestesia pre-operatoria, il medico gli ha intimato sbrigativamente di non fare il bambino. Un’altra invece ha fatto causa al medico che le aveva detto: «Sua madre probabilmente non avrà molto tempo da vivere» in un modo troppo brusco perché lei lo accettasse. Viene in mente il dr House e la sua celebre frase “Vuoi un medico che ti tiene la mano mentre muori o uno che ti ignori mentre migliori?”.

PAZIENTI CAMPIONI. Per tutti questi motivi, e per evitare che continui il numero delle denunce, il ministero della Salute britannica ha istituito la figura del “paziente campione”, che verrà consultato a intervalli regolari per capire l’andamento di certi servizi assistenziali ed eventualmente migliorarli.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana