Google+

I paesi arabi pagano 50 milioni. Via la croce dallo stemma del Real Madrid

gennaio 26, 2017 Redazione

Pur di siglare un ricco contratto per la distribuzione del proprio materiale tecnico nei paesi arabi, i blancos hanno accettato di eliminare la croce che sovrasta la corona all’interno del simbolo

Quando c’è di mezzo un contratto da 50 milioni di euro, l’identità e i simboli possono aspettare. Così il Real Madrid, pur di siglare un ricco contratto per la distribuzione del proprio materiale tecnico nei paesi arabi, ha accettato di eliminare la croce che sovrasta la corona all’interno del suo simbolo. Per non disturbare la fede dei musulmani.

IL CONTRATTO. Il club spagnolo ha dato a Marka, società di distribuzione con sede negli Emirati Arabi Uniti, i diritti esclusivi per la produzione, distribuzione e vendita delle magliette e di altri prodotti target Real Madrid in Arabia Saudita, Emirati, Qatar, Kuwait, Bahrein e Oman. E visto che «bisogna stare attenti perché ci sono sensibilità culturali da rispettare», via la croce.

«PER NON OFFENDERE». Non è la prima volta che i blancos modificano lo stemma risalente al 1920. Nel 2014, in occasione dell’accordo fatto con la National Bank di Abu Dhabi, il più importante istituto di credito degli Emirati, si è deciso di creare una carta di credito griffata Real per i paesi arabi. Però senza la croce. Anche in quel caso, la scelta è stata fatta per «evitare di offendere o mettere a disagio i clienti musulmani».

«RIEVOCA LE CROCIATE». Stessa cosa avevano fatto in precedenza il Barcellona, che sacrificò San Jordi per una laica e anonima striscia, e il Paris Saint Germain. In questo caso i nuovi proprietari del Qatar eliminarono subito l’insegna del vescovo Germano perché «rievoca le crociate medievali». E perché non cambiare nome al club allora?

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana