Google+

«I No Tav sono ragazzi che vivono in una dimensione parallela e violenta»

marzo 1, 2012 Carlo Candiani

«Questi ragazzi sono profondamente staccati dalla realtà perché vivono staccati dai veri problemi dell’uomo». Nessuno li ha mai introdotti a un’esperienza che fosse una vera ricerca di «che cosa, realmente, risponde al bisogno profondo della condizione umana». Tutto è contro, tutto è ostile, tutto è recriminazione. Intervista a Aldo Brandirali

«Il rapporto di questi movimenti con la realtà si è incancrenito. Hanno rotto con la società, si sono rinchiusi in un loro mondo parallelo». Aldo Brandirali, ex di Servire il Popolo poi politico – con un certo gusto anarcoide – nelle file del Pdl a Milano, vede nei movimenti No Tav quello stesso fallimento educativo segnalato anche da Giuliano Ferrara qualche giorno fa durante una puntata di Radio Londra.

Il problema, spiega Brandirali a tempi.it è che nessuno concepisce più «la vita come cammino». Al massimo, come si può leggere su molti quotidiani, ci si accapiglia sui distinguo tra frange violente e non violente, nel tentativo di giustificare con l’irenismo delle une le prepotenze degli altri. Tant’è, chiosa Brandirali, che l’atteggiamento non violento è così graniticamente asserragliato nei propri a priori che, a un certo punto, «non può che passare ad altri metodi. Quelli violenti, appunto».

«Questi ragazzi – prosegue Brandirali – sono profondamente staccati dalla realtà perché vivono staccati dai veri problemi dell’uomo». Nessuno li ha mai introdotti a un’esperienza che fosse una vera ricerca di «che cosa, realmente, risponde al bisogno profondo della condizione umana». Tutto è contro, tutto è ostile, tutto è recriminazione. «Non c’è spazio per la ragionevolezza, per il confronto, per uno sguardo critico. Tutto è solo rottura, aggressione, assalto».

Per questo, c’è davvero bisogno di un’educazione che torni a essere non solo un problema scolastico o di buone maniera, ma che sia il quotidiano accompagnamento dentro le vicende umane. «Perché – conclude Brandirali pensando alla vicenda di Luca Abbà – è davvero assurdo rischiare di morire per un tunnel».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.