Google+

I No Tav non sono terroristi, solo danneggiatori

dicembre 17, 2014 Marco Margrita

Alla lettura della sentenza, la nutrita rappresentanza di militanti antitreno ha urlato: «libertà», «buffoni» e il solito «terrorista è lo Stato».

L’assalto al cantiere di Chiomonte, nella notte tra il 13 e il 14 maggio dello scorso anno, non fu un’azione terroristica. I quattro esponenti dell’ala estremista del movimento No Tav – Niccolò Blasi, Mattia Zanotti, Chiara Zenobi e Claudio Alberto – rinviati a giudizio per quell’azione sono stati dichiarati colpevoli dalla Corte d’Assise, con le accuse di detenzione di armi (le bottiglie molotov con cui hanno dato fuoco ai macchinari), danneggiamenti e violenza a pubblico ufficiale, ma i giudici hanno fatto cadere l’accusa di terrorismo perché «il fatto non sussiste». Alla lettura della sentenza, la nutrita rappresentanza di militanti antitreno presenti in aula ha platealmente esultato. Il movimento, infatti, ha sempre rigettato l’accusa di terrorismo, anche se le pratiche di guerriglia sono un fatto confermato dal processo. Tra urla «libertà» e «buffoni», non è mancato il solito «terrorista è lo Stato».

«UNA VITTORIA». In carcere ormai da un anno, i quattro sono stati tutti condannati a 3 anni e 6 mesi e dovranno liquidare a Ltf, la società incaricata della realizzazione dell’opera, i danni procurati durante il blitz. «L’accusa di terrorismo era manifestamente infondata. È una vittoria su tutta la linea». Questa la dichiarazione a caldo dell’avvocato Claudio Novaro, legale dei quattro, dopo la sentenza della Corte d’Assise di Torino. «Era la pena che auspicavamo – ha aggiunto  – perché sotto i 4 anni sarebbe stata una vittoria».
Per i trenocrociati parla Nicoletta Dosio che sostiene che «questa sentenza è uno schiaffo alla Procura di Torino e a questi pm, che usano la giustizia come grimaldello per difendere i poteri forti». Si esulta, in sintesi, per una condanna più leggera del previsto e senza l’aggravante del terrorismo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. claudio says:

    Se le violenze no tav non hanno carattere terroristico, grossolanamente anche il malaffare Capitale non può essere considerato di stampo mafioso. Come si fa a non considerare eversivo il comportamento dei no tav? Che bella magistratura post sessantottina che abbiamo…

  2. lcll says:

    Danneggiatori contro devastatori, non c’è paragone.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download