Google+

I giudici (e Grasso in primis) chiederanno mai scusa a Scaglia? Perché non paga mai nessuno per questa tortura?

ottobre 21, 2013 Redazione

Da magistrato, l’attuale presidente del Senato, aveva detto che il fondatore di Fastweb aveva fatto “una strage della legalità”. È risultato innocente, dopo la barbara tortura della carcerazione preventiva

Il fondatore di Fastweb Silvio Scaglia è risultato innocente, ma «nessuno si scuserà». Scrive così oggi in un commento sul Corriere della Sera Pierluigi Battista ripercorrendo la vicenda del manager, che una recente sentenza ha riconosciuto non essere quel «malfattore» e «pericoloso criminale» che la nostra stampa e i nostri giudici avevano indicato sulla base di un’inchiesta.
Non solo. Come nota giustamente l’editorialista del Corriere, Scaglia ha dovuto subire anche una carcerazione preventiva e la «tortura» del carcere, trattato come un maiale (al pari di tutti i nostri detenuti). «Chi lo ha privato della libertà senza prove, come al solito in Italia, invece non pagherà alcunché, protetto da un’invulnerabile e iniqua irresponsabilità».

“INNOCENTE RAVVEDUTO”. Scaglia, mentre i famigliari subivano una perquisizione all’alba, tornò in Italia. Poteva fuggire, poteva cercare «di “ammorbidire” la sua difesa – prosegue Battista -, concedendo qualcosa ai suoi accusatori per allentare la morsa della carcerazione preventiva. Non lo ha fatto e, come ha ricordato Adriano Sofri, i suoi accusatori hanno addirittura considerato il suo “non ravvedimento” come motivo sufficiente per non liberarlo dal carcere, nonostante la presunzione di innocenza. Visto che poi è risultato innocente, avrebbero per convenienza dovuto interpretare il ruolo di “innocente ravveduto”. Una mostruosità».
Infine, la staffilata al presidente del Senato Pietro Grasso: «Scaglia ha patito il carcere, e Grasso non si scuserà per aver proclamato alla stampa, da magistrato, che le accuse contro Scaglia avevano messo in luce “una strage della legalità”. No, avevano messo in luce una strage del diritto, ma nessuno si assumerà la responsabilità di questa distruzione».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. alessandro scrive:

    bel presidente del senato che abbiamo

  2. GLS scrive:

    Primo: Le scuse di Grasso? Sarebbero il minimo, un minimo di decenza e di coraggio. Spero poi di non dover sentire da Grasso qualche discorso sul “senso dello Stato” o sulla legalità, dopo che colui che “ne aveva fatto strage” e’ stato pienamente assolto.

    Secondo: a parte la faziosità, un discorso sulla professionalità dei magistrati? Dal processo Fasweb- Scaglia, a quello del generale Mori, all’inchiesta Why not di de Magistris, sui politici in Calabria.
    Tutte indagini costosissime, per i cittadini e per gli indagati. Responsabilità dei magistrati inquirenti? Nessuna. Loro hanno sempre le mani pulite, la bella coscienza giacobina intonsa..
    Avete sentito qualche intervento di Vietti, del CSM in merito? E una puntata di Santoro, Travaglio, Fazio?
    Come no.

  3. malta scrive:

    ci sono anche i danni economici e di immagine del primo e secondo provider italiano

  4. carlo scrive:

    Quale imprenditore estero verrebbe in Italia dopo una tortura mediatica personale e aziendale subita da scaglia? E poi gratis….dove vogliamo andare?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana