Google+

I fatti di Palazzo di Giustizia di Milano e il significato del nostro lavoro

aprile 13, 2015 LAF - Libera Associazione Forense

«Senza la prospettiva di un bene, nella nostra vita prevale il vuoto, il nulla e, se tutto è nulla, anche le persone accanto a noi sono un niente»

Spari tribunale: controlli rafforzati, file agli ingressiNon sono passati che pochi giorni da quando, nel nostro Palazzo di Giustizia, è stato commesso un atto di violenza inaudita da una persona “normale” che, per affermare il proprio bisogno di giustizia, ha commesso un’ingiustizia incomparabilmente più grande di quella che riteneva di aver subito, privando della vita persone innocenti, anche nello svolgimento del loro lavoro.

Di fronte alla ferita impressa alla nostra coscienza da questo gesto scellerato, tutti i pur giusti tentativi di dare una spiegazione alle cause (crisi economica, solitudine, pazzia) e di approntare contromisure (sistemi di sicurezza da migliorare), appaiono insufficienti a dare ragione di quanto accaduto. Né in fondo potranno rendere giustizia alle vittime e ai loro famigliari.

Senza la prospettiva di un bene, nella nostra vita prevale il vuoto, il nulla e, se tutto è nulla, anche le persone accanto a noi sono un niente che si può ignorare, un nemico che si può persino eliminare violentemente se mi è di ostacolo (o se devo “vendicarmi”).

Possiamo quindi tornare al nostro lavoro cercando di dimenticare le domande profonde suscitate da fatti così tragici oppure prenderle sul serio e chiederci da dove ripartire.

Mai come oggi avvertiamo l’esigenza di una convivenza umana nella quale ciascun uomo, anche nella più infausta delle situazioni, possa essere aiutato a guardare all’altro uomo non più come un ostacolo e un nemico da abbattere, ma come un bene che consente di vivere la pienezza della nostra umanità e la positività del reale.

Per chi, come molti di noi, è cristiano, la Pasqua è l’avvenimento di un Uomo che, dopo aver subito un processo ingiusto e una morte atroce è risorto per dire a tutti che la morte, e quindi qualsiasi “fallimento”, qualsiasi delitto, qualsiasi male, non sono l’ultima parola.

A partire da questo annuncio e dalla positività che esso introduce, desideriamo confrontarci e imparare da tutte le persone di buona volontà per rendere sempre più giusto e umano il nostro lavoro e il contesto sociale in cui viviamo.

In tale prospettiva va concepito il compito di tutti coloro che operano nel mondo della Giustizia, nella consapevolezza che esso anzitutto è strumento per l’affermazione di un bene comune, ossia di un assetto di rapporti dove la persona venga affermata prima di tutto. Occorre che il nostro lavoro non sia ridotto a puro tecnicismo, ma prenda sul serio la domanda di giustizia posta da quanti a noi si rivolgono.

È questo il compito grande che ci attende.

Aiutarci ed educarci a questo è il primo contributo che possiamo dare alla costruzione del bene comune.

Laf – Libera associazione forense

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Controcorrente scrive:

    Scusi sig Martinelli dopo tutto quello che ha raccontato sul magistrato , le vorrei chiedere, perché non si è comportato come Giardiello ?

  2. Controcorrente scrive:

    Forse era lo sfogo di un’insopprimibile rabbia antica, covata sin da fanciullo quando dovette subire l’atroce perdita di una mano.( la cattiveria che parte da un handicap quindi farla pagare al mondo )

  3. Controcorrente scrive:

    E’ l’occhio per occhio dente per dente

  4. Controcorrente scrive:

    Perché,forse sbagliandomi, il suo commento sembra giustificare quello che è accaduto.
    Anche se alla fine lei spera per il giudice assassinato, però solo se è vera la notizia che si sia immolato per la sua collega.
    Io credo invece che bisogna sperare e pregare per tutti, quando accadono atti di questa violenza inaudita,
    perché come dice giustamente l’articolo
    “Senza la prospettiva di un bene, nella nostra vita prevale il vuoto, il nulla e, se tutto è nulla, anche le persone accanto a noi sono un niente che si può ignorare, un nemico che si può persino eliminare violentemente se mi è di ostacolo (o se devo “vendicarmi”).”

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana