Google+

I due errori del Dinone nazionale

aprile 14, 1999 Perrone Roberto

Sport über alles

San Dino da Mariano del Friuli è caduto per la prima volta giù dal piedistallo. Monumento allo sport (celebre il suo assioma, ripetuto come un tormentone: “sono un uomo di sport”), riverito e omaggiato, capitano della Nazionale campione del mondo 1982, giocatore di scopone sull’aereo presidenziale di Sandro Pertini, Dino Zoff ha commesso solo due errori nella sua vita di atleta longevo e di uomo integro: primo, accettare di diventare commissario tecnico della nazionale; secondo, farsi abbindolare dai giornalisti.

Il primo errore era quasi inevitabile, in un paese ad alto tasso di allenatori, dove tutti si credono più furbi degli altri e ognuno pensa di avere in mano l’I.T.R. (Idea Tattica Rivoluzionaria) capace di risolvere il problema del calcio, un po’ come quel tale, a Portobello, che credeva di risolvere il problema della nebbia in Val Padana azzerando il Turchino. Chi non vuole provarci? Anche San Dino Zoff ha abboccato, diventando l’uomo su cui sparare. I crediti accumulati negli anni, le innumerevoli medaglie sul petto, via, cancellate in un attimo. Dinone è diventato Il Bersaglio.

Fin qui ci può stare, ma San Dino ha commesso il secondo errore, imperdonabile per uno cresciuto a pane e Bearzot. Il Vecio, infatti, i giornalisti non li è mai stati a sentire e infatti ha vinto l’unico mondiale da sessant’anni a questa parte. Dino ha cercato di essere compiacente con la stampa: dopo la Danimarca tutti lo hanno rimproverato di non aver fatto giocare Totti. Allora lui si è detto: lo metto in campo con la Bielorussia, partita facile, e faccio terno, risultato, gioco e audience. È finita come sappiamo, tra i fischi. Dino è stato crocifisso da destra e da sinistra. Speriamo, anche per la patria, che abbia imparato la lezione. In ogni caso, con i giornalisti, rimani sempre fregato. Se fai come dicono e vinci è merito loro; se fai come dicono e perdi sei un pirla che sbaglia formazione. Morale: faccia come vuole, di commissario tecnico, in questo paese di parolai, ne basta uno.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.