Google+

I detenuti di Catania avviano una class action contro la situazione disumana delle carceri

marzo 28, 2012 Chiara Rizzo

Sostenuti dal Garante per i diritti dei detenuti siciliani, i carcerati hanno presentato un maxi ricorso al tribunale di sorveglianza: chiedono una pena da scontare in condizioni più umane e un risarcimento simbolico. Seguiranno l’esempio le case circondariali di Palermo e Messina.

Una lezione di attenzione al diritto che arriva dal carcere. Cinquecento persone detenute (su 581) della casa circondariale di Catania hanno avviato insieme al Garante per i diritti dei detenuti siciliani, Salvo Fleres, la prima “class action” degli istituti di pena. Nel nostro paese è costantemente disatteso l’articolo 27 della Costituzione, che prevede che le pene «non consistano in trattamenti contrari al senso dell’umanità e tendano alla rieducazione», così come è regolarmente disatteso gran parte dell’Ordinamento penitenziario che si basa proprio sul dettato costituzionale e quanto prevede anche la Convenzione europea per i diritti dell’Uomo. 

A piazza Lanza, il carcere catanese, vivono in cella il quadruplo delle persone previste per la capienza effettiva del carcere (che è di 155 posti), in un edificio edificato nel 1910 dove i riscaldamenti, secondo il rapporto steso dall’Associazione Antigone, non sono messi in funzione da due anni e le luci dei corridoi sono spesso spente per mancanza di fondi.

I 581 detenuti vivono stipati in celle dai 18 ai 22 metri quadri, dove in dieci trascorrono 20 ore al giorno: nelle celle i bagni alla turca (molte con lo scarico non funzionante) sono in un piccolo vano separato, su cui si trovano anche la doccia e i fornelli in cui preparare dei pasti, con il risultato che molto di frequente le celle sono infestate da topi. Le attività educative sono pochissime e molto richieste dai detenuti, ma non tutti riescono di conseguenza a parteciparvi. Sempre secondo il rapporto dell’Associazione Antigone al corso di informatica da 500 ore possono partecipare solo 20 persone, a fronte di 50-60 richieste in lista d’attesa. Per fortuna sono presenti anche altri due corsi professionali, ma sempre per numeri molto bassi (10 persone per quello professionale per elettricista, altri 10 per quello da assistente parrucchiere, destinato alle donne detenute).

I carcerati hanno deciso di denunciare la loro situazione, anziché con proteste violente, in punta di diritto. E in questi giorni presentano un maxi ricorso al tribunale di sorveglianza, dove chiedono condizioni meno disumane di vita e un risarcimento, a titolo simbolico, di mille euro a testa. Questa iniziativa può però realisticamente avere dei risvolti: segue infatti la richiesta pilota presentata da un singolo detenuto dello stesso carcere, sostenuto dal Garante per i diritti, che ha presentato un identico ricorso. Proprio in questi giorni il ricorso è stato accettato dal magistrato di sorveglianza di Catania che ha demandato la decisione finale al tribunale civile. Il maxi ricorso dei detenuti è dunque un gesto simbolica per prestare attenzione alla condizione disumana e illegale delle carceri, “pena” la scelta di inondare di ricorsi anche i tribunali civili. L’iniziativa è già destinata a diffondersi, il garante per le carceri siciliane ha annunciato che verranno presentati nei prossimi giorni maxi ricorsi anche nelle carceri di Messina e Palermo e che incontrerà gli altri garanti in Italia per far sì che la protesta si estenda anche altrove.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.