Google+

Hollywood si arrende alla matematica, il successo è una questione di numeri

maggio 8, 2013 Paola D'Antuono

Attraverso alcuni algoritmi Vincent Bruzzese decreta il successo o il flop di uno script. Per la gioia dei produttori e per l’ira degli sceneggiatori

Nel film di Bennett Miller, L’arte di vincere, Brad Pitt è il manager della squadra di baseball degli Oakland Athletics che non ha né soldi né campioni. Ma l’arrivo di un geniale studente di economia risolleva la situazione a colpi di statistiche. Questa è in sintesi la storia vera di una squadra squattrinata che, grazie a una serie di incroci di numeri e giocatori, è riuscita a uscire dal baratro in cui era finita.

IL GRANDE OZ. Perché la razionalità dei numeri a volte può essere risolutiva. N’è convinto anche Vincent Bruzzese, ex docente di statistica a New York, che sostiene di essere in grado di stabilire, attraverso una formula da lui stesso brevettata, se un film avrà successo o no. Ad Hollywood sembrano credere nei metodi di questo quarantenne italoamericano che vanta tra gli script processati di recente Il grande e potente Oz, il cui successo enorme al botteghino è stato attribuito in larga misura agli studi del team del professore.

SCIENZIATO PAZZO. Ventimila dollari è il costo di una consulenza di mister Bruzzese e del team della sua società Worldwide Motion Picture Group («i nostri clienti sono i film»), che esamina le sceneggiature che proposte e scarta quelle che non corrispondono agli standard dei suoi algoritmi: «So che scrivere è un’arte e la rispetto profondamente. Ma tutti gli sceneggiatori pensano che la loro creatura sia bella, mentre io sono qui per dire: qualche bambino è brutto». Per avere successo al cinema, quindi, bisogna per esempio eliminare le scene di bowling, controllare il linguaggio ed esaminare i gusti degli spettatori o individuare per ogni target preciso una diversa tipologia di creature diaboliche. Naturalmente tutta questa razionalizzazione non piace affatto ai registi e agli sceneggiatori di Hollywood, che sono già sul piede di guerra e hanno ribattezzato Bruzzese “lo scienziato pazzo”. Ma lui non si scompone e continua a lavorare per individuare il prossimo blockbuster, in attesa che si aprano anche le porte di Broadway e della tv seriale.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. leo aletti says:

    All’algorimto preferisco l’integrale perchè non scarta nulla.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download