Google+

Il trucchetto di Hollande per introdurre «l’utero in affitto etico» ha una piccola conseguenza: la legalizzazione dell’incesto

giugno 27, 2014 Redazione

La Corte europea dei diritti dell’uomo ha condannato la Francia a riconoscere i figli di coppie francesi nati all’estero con la tecnica dell’utero in affitto, proibita in patria. Ma c’è un’altra conseguenza «più grave»

utero-affitto-maternità-surrogataLa Corte europea dei diritti dell’uomo ha condannato la Francia imponendole di riconoscere i figli di coppie francesi nati all’estero con la tecnica dell’utero in affitto, proibita in patria, perché «vietare totalmente il riconoscimento di un legame di filiazione tra un padre e i suoi figli biologici è contrario alla convezione europea dei diritti dell’uomo». Come riportato da Rtl, la Francia non ha intenzione di fare ricorso. Di conseguenza, il governo autorizza di fatto non solo l’utero in affitto ma anche il riconoscimento della filiazione incestuosa.

IL PARERE DEL GIURISTA. Come scrive su Le Figaro Muriel Fabre-Magnan, professore di Diritto all’università Parigi 1, «continuare a proibire l’utero in affitto in Francia mentre si obbliga a riconoscere i figli nati dalla stessa pratica all’estero costituisce un incoraggiamento inammissibile a violare la legge» e discrimina coloro che non hanno i mezzi di pagarsi un viaggio all’estero in India o Ucraina dove la pratica è legale. Di conseguenza, «si farà sempre più forte la pressione per legalizzare anche in Francia la formula “dell’utero in affitto etico” (che è un ossimoro, una contraddizione in termini)».

incesto-franciaINCESTO LEGALE. Il giurista evidenzia però un’altra conseguenza della accettazione della sentenza, «ancora più grave»: «La decisione della Corte europea obbliga a cancellare la proibizione dell’incesto, più precisamente il divieto di stabilire una filiazione incestuosa». Oggi la legge prevede che un figlio nato da incesto, ad esempio tra un padre e una figlia, sia riconosciuto come figlio o del padre o della madre «in modo tale che non risulti come figlio incestuoso». Ma se la Corte obbliga a non «privare un bambino dei suoi legami biologici» davanti alla legge, «la conseguenza è chiara»: «Sarà obbligatorio riconoscere il legame di filiazione di un bambino [nato da incesto che lo lega] a suo padre E sua madre, perché sono entrambi genitori biologici».

L’ESCAMOTAGE DI HOLLANDE. Si passerà dunque «a riconoscere l’incesto come legittimo davanti alla legge. Anche l’anonimato di chi dona i gameti», nel caso della fecondazione eterologa o dell’utero in affitto, «dovrà essere soppresso e il legame di filiazione stabilito con il donatore di sperma o di ovociti». C’è un solo modo per evitare questa deriva: «Resta una speranza – conclude il giurista -. La Francia può fare ricorso alla Gran Camera della Corte europea dei diritti dell’uomo».
Ma François Hollande e Manuel Valls hanno deciso di non farlo. Questa scelta, dal loro punto di vista, offre un evidente vantaggio politico: hanno trovato finalmente il modo di legalizzare l’utero in affitto (e, in futuro, l’incesto), come le associazioni Lgbt gli chiedono da anni di fare, senza assumersi davanti al popolo francese e a chi critica questa decisione la diretta responsabilità di un cambiamento epocale, che sancisce come legale lo sfruttamento e la commercializzazione del corpo della donna.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. augusto says:

    La sinistra è antisemita !

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download